• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Dai campi > PAGELLE E TABELLINO DI INTER-CAGLIARI

PAGELLE E TABELLINO DI INTER-CAGLIARI

Rolando seta e acciaio, Juan Jesus ingenuo. Avramov saracinesca


Rolando a segno (Getty Images)
Antonio Russo

23/02/2014 18:18

PAGELLE E TABELLINO INTER-CAGLIARI / MILANO – L’Inter di Mazzarri raccoglie solo un pareggio contro un Cagliari ben messo in campo da Lopez. I nerazzurri con un’ingenuità di Juan Jesus vanno sotto per un penalty calciato da Pinilla. Tra i sardi brilla la prestazione del portiere Avramov che nella ripresa ha limitato i danni. Bene anche Ibarbo che ha fatto ammattire i difensori interisti.

 

INTER

Handanovic 6 – Non riesce a confermare la sua fama di para-rigori. Resta inoperoso per tutta la durata del match.

Rolando 7 – In difesa non sbaglia praticamente nulla, e rende inoffensivo Pinilla. Si prende licenze offensive e va frequentemente in appoggio a Jonathan. Con un inserimento dei suoi, trova la rete del pareggio.

Samuel 6 – Guida la linea difensiva interista con autorità. Si fa notare anche in fase offensiva sulle palle inattive. Anche lui, però, non è esente da colpe nell’azione che porta il Cagliari a guadagnarsi il penalty.

Juan Jesus 5,5 – Nei primi minuti soffre molto la velocità di Ibarbo. Cresce con lo scorrere del tempo, e si rende protagonista di diverse chiusure fondamentali. Macchia la sua buona prestazione con il tocco di mano che costa il rigore per il Cagliari.

Jonathan 6,5 – Pecca d’imprecisione negli ultimi metri. Come un treno, però, percorre con precisione il binario di destra avanti e indietro. Duetta spesso con Guarin con il quale sembra avere una certa affinità.

Guarin 6 – Come sempre è molto dinamico. Si piazza mezzala destra e mette in grande difficoltà Avelar. I nerazzurri attaccano quasi esclusivamente dal suo lato. Supporta gli attaccanti nerazzurri con preziosi suggerimenti.

Alvarez R. 6 – L’attesa era tanta per il suo ritorno. Si rende protagonista di una buona prestazione, ma la forma migliore è ancora lontana. Porta un po’ troppo palla, ma il suo recupero è fondamentale. Dal 66’ Kovacic 6 – Si piazza come trequartista dietro le punte. Ci mette tanta voglia e tanta qualità ma non riesce ancora ad essere incisivo.

Kuzmanovic 6 – Resta molto basso per fare da schermo davanti alla difesa. È molto dinamico e recupera tanti palloni. Riconosce i suoi limiti tecnici, e delega ad altri la funzione di costruire la manovra. Dal 78’ Botta s.v. -

Nagatomo 6 – In fase offensiva inizia un po’ maluccio. Nel secondo tempo però, complice la marcatura libertina di Dessena infiamma la fascia di sinistra. Sull’out di competenza c’è un certo Ibarbo che spinge come un ossesso, e lui non fa nulla per limitarlo. Abbandona, infatti, Juan Jesus al suo destino.

Palacio 6Rientra spesso per andare in marcatura su Cossu e questo lo limita. Soffre anche la giornata positiva di Astori. Migliora nella ripresa.

Milito 5,5 – Si allarga tanto per favorire gli inserimenti centrali di Guarin e Palacio. Bravo nel proteggere palla fa salire la squadra. Non trova ancora il goal e ne soffre. Dal 45’ Icardi 6,5 – Ha un impatto sulla gara devastante. Appena entrato mette subito alle strette la difesa sarda. È lui a confezionare l’assist per Rolando in occasione del pareggio.

All. Mazzarri 6 – La sua Inter continua a perdere punti nonostante un’evidente supremazia territoriale. Forse Icardi merita a questo punto una chance da titolare visto l’impatto avuto sul match. I nerazzurri sono sembrati però, troppo spesso schiavi d’individualità. Poco squadra per ora, ma tanto cuore e tanta qualità da canalizzare nel modo corretto.

 

CAGLIARI

Avramov 7 – Non viene molto impegnato nella prima frazione di gioco. Risponde presente però a quei pochi squilli dell’Inter. Nella ripresa non può molto sul tiro ravvicinato di Rolando. Si mette in luce con un intervento straordinario, di piede, su Palacio. Nel finale salva anche su una botta dalla distanza di Guarin. Quest’oggi la copertina è sua.

Dessena 5,5 – Si ritrova in una posizione a lui non congeniale. Soffre la verve di Alvarez e la grande abilità nel proteggere palla di Milito. In avanti si fa vedere poco e nel secondo tempo lascia praterie a Nagatomo.

Rossettini 6 – Nella prima frazione di gioco ha vita facile in marcatura su Milito. Nella ripresa Icardi lo costringe agli straordinari.

Astori 6,5 – Tiene per le briglie l’Inter. Sbroglia diverse situazioni complicate e limita nelle giocate Palacio. Poche le sbavature, tante le chiusure importanti.

Avelar 5,5 Dalle sue parti Guarin gli fa ballare la cumbia. Il terzino brasiliano nonostante qualche affanno tiene bene botta. Nella ripresa lascia troppa libertà a Jonathan.

Ekdal 6,5 – Moto perpetuo del centrocampo cagliaritano. Morde le caviglie avversarie e cattura tanti palloni. Meno bene, invece, in fase d’impostazione.

Cossu 6 – Viene messo da Lopez nella posizione di playmaker. Non si esprime al meglio complice la ferrea marcatura di Palacio (soprattutto nel primo tempo).  Dal 77’ Perico s.v. -

Vecino 5,5 – Si perde nel frastuono di San Siro. Lento e impreciso sembra un corpo estraneo nell’orologio costruito da Lopez.

Adryan 5,5 – Mostra buona qualità, ma troppo spesso si perde nei suoi effimeri giochini. Troppo fumoso e inconcludente. Diamante grezzo da affinare. Dal 57’ Eriksson 6 – Si fa trovare sempre nel posto giusto e s’inserisce frequentemente. Sbaglia, però, quasi sempre, l’ultima giocata.

Ibarbo 7 – Gioca molto largo sulla destra, con la sua velocità fa impazzire Juan Jesus. Fa tanto movimento e costringe la difesa nerazzurra ad allargarsi.

Pinilla 6 – Non fa cose trascendentali. Si fa trovare pronto però dagli undici metri, spiazzando uno specialista come Handanovic. Dal 71’ Nene 6 – Il Cagliari è tutto rattrappito nella propria aria. Con spirito di sacrificio lui si trasforma in difensore.

All. Lopez 6 – Il Cagliari strappa un prezioso pareggio nella scala del calcio. I sardi hanno tenuto bene i nerazzurri nonostante qualche affanno. La squadra è restata per tutto l’arco del match corta e compatta facendo grande densità centralmente. 

 

Arbitro Russo 6 – Compie qualche piccola sbavatura nella gestione dei cartellini. Nel complesso dirige bene il match. Giusto il penalty comminato ai danni dell’Inter.

 

TABELLINO

INTER-CAGLIARI 1-1

INTER (3-5-2): Handanovic; Rolando, Samuel, Juan Jesus; Jonathan, Guarin, Alvarez R.(66’ Kovacic), Kuzmanovic(78’ Botta), Nagatomo; Milito(45’ Icardi), Palacio. Carrizo, Andreolli, Ranocchia, Campagnaro, D’Ambrosio, Mudingayi, Zanetti, Hernanes, Taider, Cambiasso, Botta, Icardi. All. Mazzarri.

CAGLIARI (4-3-1-2): Avramov; Dessena, Rossettini, Astori, Avelar; Ekdal, Cossu(77’ Perico), Vecino; Adryan(57’ Eriksson); Ibarbo, Pinilla(71’ Nene). Silvestri, Bastrini, Oikonomou, Del Fabro, Perico, Murru, Eriksson, Cabrera, Tabanelli, Ibraimi, Sau, Nene. All. Lopez.

Arbitro: Carmine Russo di Nola

Marcatori: 40’ rig. Pinilla (C), 51’ Rolando (I)

Ammoniti: 6’ Juan Jesus (I), 25’ Dessena (C), 85’ Vecino (C), 86’ Ekdal (C), 94’ Ibarbo




Commenta con Facebook