• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Juventus > Juventus, Osvaldo: "Conte e' un fenomeno. Tevez? Pagavo per vederlo giocare"

Juventus, Osvaldo: "Conte e' un fenomeno. Tevez? Pagavo per vederlo giocare"

L'ultimo arrivato in casa bianconera si racconta e svela: "Essere a Torino e' gia' un sogno"


Osvaldo (Getty Images)
Silvio Frantellizzi (Twitter: @SilFrantellizzi)

07/02/2014 18:24

JUVENTUS OSVALDO TEVEZ CONTE LLORENTE/ ROMA - Pablo Daniel Osvaldo si racconta a 360 gradi: in una lunga intervista rilasciata a 'Jtv', l'attaccante italo-argentino arrivato in prestito dal Southampton svela l'impatto avuto con la Juventus, club che potrebbe rilanciarlo in vista dei Mondiali di giugno in Brasile.

LA JUVENTUS - "Conte è un fenomeno, un allenatore preparatissimo che pretende molto ma i risultati si vedono. Nei primi allenamenti ho faticato un po' perché qui si corre molto. Quando vedi Vinovo capisci subito di essere arrivato nel più grande club italiano e uno dei migliori d'Europa".

TEVEZ E LLORENTE - "Tifo Boca Juniors da quando sono bambino e in Argentina pagavo il biglietto per veder giocare Tevez, essere in squadra con lui è fantastico. Llorente? E' fortissimo e un ragazzo splendido".

PREMIER LEAGUE - "In Premier League ho faticato e non sono riuscito ad ambientarmi: lì si gioca un calcio fisico, in Italia e in Spagna invece è più importante la tattica e la tecnica e mi trovo sicuramente meglio".

SOGNI - "Essere alla Juventus è già un sogno e vorrei farlo continuare. Il Mondiale? Non dico di vincerlo ma almeno giocarlo. Le avversarie? La Roma è una grande squadra che ci darà filo da torcere".

IDOLI - "Essendo cresciuto in Argentina il mio idolo non poteva non essere Batistuta, ma anche Ronaldo, uno dei più grandi di sempre. Perché ho scelto la magia numero 18? Non c'erano tanti numeri liberi e poi il 18 è nato il mio primo figlio Gianluca".




Commenta con Facebook