• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > News > 'Italians' - Speciale Qualificazioni Mondiali 2014: Jovetic c'e'. Pogba, cosa combin

'Italians' - Speciale Qualificazioni Mondiali 2014: Jovetic c'e'. Pogba, cosa combini?

Ecco tutte le pagelle dei giocatori della Serie A, impegnati con le nazionali


Paul Pogba (Getty Images)
Hervé Sacchi

27/03/2013 14:12

SPECIALE ITALANS QUALIFICAZIONI MONDIALI / ROMA - Si è chiusa anche la seconda giornata di gare, dedicate alle qualificazioni Mondiali. Meno squadre coinvolte, a questo giro, ma le sorprese sono rimaste. L'episodio che ha visto coinvolto Paul Pogba è una delle vicende maggiormente inspiegabili della serata di ieri. Sono andati certamente meglio il suo compagno di squadra Mirko Vucinic e il viola Stevan Jovetic, capaci di guidare la Nazionale del Montenegro ad un 1-1 che, contro l'Inghilterra, assume i contorni di un successo.
In Sudamerica, continua a deludere l'Uruguay di Edinson Cavani, uscito sconfitto nella sfida contro il Cile. L'insufficienza della selezione sudamericana è generale, con apici negativi riscontrabili in tutto il pacchetto difensivo. Peggio ancora è andata al romanista Piris (Paraguay), letteralmente nel panico di fronte a un certo Jefferson Montero (Ecuador), capace di apparire come un fenomeno nel confronto diretto.


PAUL POGBA (
Francia): 4,5 - Dalle stelle alle stalle, come molte volte capita in questo ambiente. Francamente, non ce lo saremmo aspettati da uno come lui. Due cartellini, dal giallo al rosso, in un minuto. Due falli brutti, che hanno bloccato sul nascere la voglia di rimonta della sua Nazionale. Raccomandata una lavata di capo.

MIRKO VUCINIC (Montenegro): 6,5 - Bravissimo a crearsi spazio con movimenti intelligenti. Un po' meno incisivo nei cross e nelle conclusioni a rete, alcune da posizione veramente ottimale.

STEVAN JOVETIC (Montenegro): 7 - Nel secondo tempo, fa dimenticare una prima parte di gara non propriamente adatta ai suoi standard. E' uno dei migliori della sua Nazionale, capace di impensierire non soltanto il portiere Hart ma tutta la retroguardia inglese, obbligata a stenderlo per poterlo tenere lontano dalla porta.

STEFAN SAVIC
(Montenegro): 5,5 - Qualche problema di troppo, ma contro l'Inghilterra ci può anche stare. In particolar modo è Welbeck a creargli diversi grattacapi durante la gara. L'esterno del Manchester United lo costringe ad ancorarsi alla sua corsia. Non si sgancia, per evitare di essere preso in contropiede.

MAARTEN STEKELENBURG (Olanda): S.V. - In panchina.

ANDREAS GRANQVIST (Svezia): S.V. - In panchina nell'amichevole contro la Slovacchia.

MIKAEL ANTONSSON (Svezia): 6 - Disputa novanta minuti contro la Slovacchia, senza correre grossi rischi.

MAREK HAMSIK (Slovacchia) 5,5 - Un po' nervoso nella prima parte del match amichevole disputato contro la Svezia. La testa è altrove e si vede. Viene sostituito nell'intervallo da Kucka.

JURAJ KUCKA (Slovacchia) 6 - Gara equilibrata, resa tale anche dall'assenza di Zlatan Ibrahimovic, capace di spostare spesso e volentieri gli equilibri di una partita, anche fosse una partitella dell'oratorio.

BARTOSZ SALAMON
(Polonia): 6 - La lieta notizia non sta tanto nella vittoria per 5-0 della sua selezione contro San Marino, bensì gli 87' che lo hanno visto protagonista in campo. Prestazione positiva, senza grossi pericoli. Allegri avrà una scelta in più.

KAMIL GLIK (Polonia): 6 - Sicuro e attento, viene sostituito nell'intervallo. 

MATEO KOVACIC (Croazia): 6,5 - La partita della sua Nazionale, impegnata in Galles, cambia anche in virtù del suo ingresso in campo. Il giovane interista migliora sensibilmente la manovra della Croazia. Dinamismo e corsa obbligano la formazione britannica ad arrendersi nel finale di gara.

IVAN RADOVANOVIC (Serbia) S.V. - In panchina.

NENAD TOMOVIC (Serbia): 6 - Tiene bene la posizione in termini di copertura. Non risparmia energie nelle azioni offensive.

NENAD KRSTICIC (Serbia): S.V. - In panchina.

ALEN STEVANOVIC (Serbia): S.V. - Entrato nei minuti di recupero.

ZELJKO BRKIC
(Serbia): S.V - In panchina.

DUSAN BASTA (Serbia): 6,5 - Volenteroso, dimostra grande impegno e applicazione. Non disdegna le sgroppate sulla fascia, alla continua ricerca di un gol che, sfortunatamente per lui, non arriva.

LIBOR KOZAK (Repubblica Ceca) S.V. - In panchina nel 3-0 inflitto all'Armenia.

SIMON POULSEN (Danimarca): 5 - Si fa imbucare da Manolev, nell'occasione del gol che porta momentaneamente in vantaggio la Bulgaria.

GYORGY GARICS (Austria) 5,5 - Shane Long (Irlanda) lo costringe ai lavori forzati. Non brillante in marcatura, cerca di migliorare la sua prestazione durante la fase offensiva, proponendo buoni cross e dando una mano alla manovra austriaca.

EDGAR CANI (Albania): 6,5 - C'è gloria anche per l'attaccante del Catania nell'amichevole vinta 4-1 dalla sua Nazionale nei confronti della Lituania. Nell'occasione, la punta albanese è stata lesta a partire sul filo del fuorigioco e anticipare il portiere in uscita con un tocco facile di destro.

LORIK CANA (Albania) S.V. - 19' a conti fatti. Troppo poco per giudicare.

SAMIR UJKANI (Albania): S.V. - In panchina.

MIGJEN BASHA
(Albania): 6,5 - In un campo fangoso, ai limiti dell'impraticabilità, dà seguito alle recenti prestazioni in ambito internazionale. Nell'amichevole contro la Lituania, si rende protagonista con un gol da vero opportunista.

ERJON BOGDANI (Albania): 6 - Per lui 71' di gioco. Poca roba, anche se il contesto non era dei più prestigiosi.

PERPARIM HETEMAJ
(Finlandia): S.V. - In panchina nell'amichevole contro il Lussemburgo.

STEFAN RADU (Romania): S.V. - In panchina nello 0-4 contro l'Olanda.

GORAN PANDEV (Macedonia): 5,5 - La sua Nazionale resta maggiormente in partita rispetto a quattro giorni fa. Nuovamente opposta al Belgio, la formazione macedone cerca di tenere il baluardo eretto per più tempo possibile. Il gioco prettamente difensivo comporta una minor quantità di palle giocabili per gli attaccanti.

JEAN FRANCOIS GILLET (Belgio): S.V. - In panchina.

MICHEAL BRADLEY (Stati Uniti): 5,5 - Partita non semplice, contro un Messico capace di mostrare un tasso qualitativo migliore rispetto alla selezione guidata da Klinsmann. Il centrocampista giallorosso, senza il valido appoggio di Jermaine Jones, fa fatica a trovare i tempi giusti. Ingabbiato, deve limitarsi ai compiti di interdizione. Ha rischiato di concedere un rigore agli avversari per una spinta su Chicharito Hernandez.

MARIO YEPES (Colombia) - Squalificato.

CRISTIAN ZAPATA (Colombia-Bolivia): S.V. - In panchina.

PABLO ARMERO (Colombia): 6,5 - Positivo anche nel match perso contro il Venezuela. Sulla fascia ha saputo proporre buone avanzate, ma i troppi errori sotto porta non hanno permesso alla Colombia di ottenere almeno un pari.

JUAN CAMILO ZUNIGA (Colombia): 6 - La vocazione offensiva della sua Nazionale lo porta ad essere uno dei primi a sacrificarsi in copertura.

FREDY GUARIN (Colombia-Bolivia): S.V. - In panchina.

JUAN CUADRADO
(Colombia): 6 - Coinvolgente nella manovra, resta uno dei più attivi. Non riesce, tuttavia, ad esaltarsi come nel match contro la Bolivia.

LUIS MURIEL (Colombia): S.V. - In panchina.

JUAN FERNANDO QUINTERO (Colombia): S.V. - In panchina.

HERNANES (Brasile): 5,5 - Contro la Russia, bissa la timida prestazione mostrata contro l'Italia. A Formello si aspettano che possa fare di più nel rush finale.

CARLOS CARMONA (Cile): 6 - Dà il suo contributo nella parte finale di una gara che rimette in corsa il Cile in vista della qualificazione al Mondiale. 

MAURICIO ISLA (Cile): 6,5 - Prova convincente, diversamente da quanto fatto vedere in questa stagione nella Juventus. Rilanciato.

ALVARO PEREIRA (Uruguay): 5 - L'azione che porta al gol di Paredes (Cile) vede anche il suo zampino finale.  

WALTER GARGANO
(Uruguay): S.V. - In panchina.

EDINSON CAVANI (Uruguay): 5,5 - La sua Nazionale rischia seriamente di rimanere fuori dal Mondiale. Ennesima prova abulica per lui, anche se trova al suo fianco un certo Suarez capace di far sensibilmente peggio.

DIEGO PEREZ (Uruguay) - Squalificato.

ALVARO GONZALES (Uruguay): 5,5 - La pessima prestazione del collettivo coinvolge anche il centrocampista laziale.

EGIDIO AREVALO RIOS (Uruguay) 5,5 - Titolare in questa gara, viene inserito nella lista degli insufficienti.

IVAN PIRIS (Paraguay): 4,5 - Jefferson Antonio Montero (Ecuador) è stato il suo incubo peggiore. Nel secondo tempo della gara, gli fa pelo e contropelo, sbeffeggiandolo sia sulla seconda che sulla terza rete del match. 

MARCELO ESTIGARRIBIA (Paraguay): S.V. - In panchina.

SERGIO ROMERO (Argentina): 6 - Risponde presente in avvio di gara su un gol, già praticamente fatto, da Bejarano. Non può nulla sulla rete di Martins.

MARIANO ANDUJAR (Argentina): S.V. - In panchina.

HUGO CAMPAGNARO (Argentina): 6 - Nella folta difesa argentina, c'è anche il giocatore del Napoli. Incarito da Sabella di guidare il reparto, mette attenzione e impegno in una gara, per lui, positiva. Visto l'andazzo generale, vale doppio.

RODRIGO PALACIO
(Argentina): 5 - In un match che ha visto anche Messi tra i peggiori, è lecito aspettarsi che il contributo generale della squadra non sia diametralmente opposto. L'obbligo di disputare la gara a 3640 metri d'altitudine ha generato i suoi attesi problemi anche all'attaccante interista.

DJAMEL MESBAH (Algeria) - In panchina.

SAPHIR TAIDER (Algeria) 6,5 - Il centrocampista del Bologna è stato protagonista nella gara di qualificazione vinta 3-1 contro il Benin. Nell'occasione, Taider è stato abile a depositare in rete una palla sporcata in mezzo all'area.




Commenta con Facebook