Breaking News
  • Mercato Inter, Stramaccioni: "Moratti ha gia' deciso il mio futuro". Poi sul derby...
    © Getty Images

Mercato Inter, Stramaccioni: "Moratti ha gia' deciso il mio futuro". Poi sul derby...

Il giovane tecnico nerazzurro sulla stracittadina ammette: "E' la nostra partita. Lucio? Sara' il migliore in campo"

. p>MERCATO INTER STRAMACCIONI SU FUTURO MORATTI DERBY E FINE CAMPIONATO / MILANO - Intervistato da 'La Gazzetta dello Sport', Andrea Stramaccioni, ha parlato del suo futuro e della possibilità di rimanere sulla panchina dell'Inter anche la prossima stagione.
Poi ha parlato del derby di domenica contro il Milan, della corsa al terzo posto, e dell'errore di Lucio a Parma promettendo "Vedrete, nella stracittadina sarà il migliore in campo".

FUTURO - "Moratti è libero di scegliere come meglio crede e io credo che lui abbia già deciso cosa fare: è bravo a depistare, ma ho la sensazione che abbia già le idee chiare.
Alla Primavera non torno: avrei potuto pensare ad un secondo anno se non fosse successo tutto quello che è successo, ma per un fatto di mio percorso personale, no, non sarebbe giusto tornare indietro".

DERBY
- "E' la nostra partita: voglio coraggio e cuore.
Sarà banale, ma è la parola che riassume tutto ciò che non si allena: è la vera arma in più che hai dentro".

TERZO POSTO - "Numericamente le cose sono cambiate molto, ma noi abbiamo un milione e cinquecentomila motivi per battere il Milan e la Lazio, e poi vedremo cosa avranno fatto Napoli e Udinese.
Che sia Champions o Europa League, una squadra come l'Inter deve stare in Europa.
E faremo di tutto per esserci".

LUCIO - "Sarà il migliore in campo, domenica sera.
A Parma è stato più un errore tecnico, ha sottovalutato la pericolosità di Giovinco in fase di pressing.
Cosa ha detto, dopo? Ha solo alzato la mano e chiesto scusa, a tutti".

PAZZINI E FORLAN - "Giampaolo? Mi preoccuperei di più se non si presentasse mai davanti alla porta e invece ogni volta che è entrato ha inciso, pur senza segnare.
Gli ho chiarito perché non lo vedo con Milito, lui non è stato contento, ma credo che quando le nostre strade si separeranno, potrà dire che sono scarso come allenatore ma onesto come uomo.
Forlan? Sì, e lui non mi ha mai detto: 'Mister, le sue sono le scelte di un pazzo', anche se gli ho spiegato che se fossi un giornalista penserei di lui quello che pensate voi.
La differenza è che io lo vedo allenarsi: non molla mai, ed è benvoluto da tutti".

Scrivi un Commento

Invia Commento

Comments (0)