Breaking News
  • Roma, caso Nainggolan: da Vidal a Bonucci, i precedenti
© Getty Images

Roma, caso Nainggolan: da Vidal a Bonucci, i precedenti

Il belga protagonista sui social potrebbe essere 'punito' dalla società

ROMA CASO NAINGGOLAN / L'inizio dell'anno della Roma è stato segnato dal caso Nainggolan: il centrocampista belga si è reso protagonista, non certo in positivo, con un video su Instagram postato la notte di capodanno che ha fatto discutere ed ha attirato le critiche di molti. Le scuse, sempre social, del calciatore potrebbero però non bastare a salvare il 28enne dalla 'punizione': la dirigenza giallorossa sta, infatti, considerando la possibilità di infliggere una sanzione a Nainggolan per il suo comportamento. Non è ancora stato deciso nulla, con l'ex Cagliari che potrebbe essere escluso dai convocati per la prossima gara di campionato o tenuto in panchina, ma di certo dalle parti di Trigoria si valuta la possibilità di dare un segnale chiaro anche per i comportamenti extra-calcistici. 

Caso Nainggolan, non solo Roma: i precedenti

Ma Nainggolan non è certo il primo calciatore costretto a subire la sanzione del club per quanto accaduto dentro e fuori il terreno di gioco. Proprio in casa Roma c'è un precedente che riguarda Osvaldo: l'attaccante italo-argentino all'epoca di Luis Enrique fu escluso dai convocati e multato per una lite con il compagno di squadra Lamela.

Più recente la sanzione decisa per Daniele De Rossi che lo scorso anno si fece espellere nei preliminari Champions contro il Porto per un fallaccio su Maxi Pereira. Spalletti optò per togliergli temporaneamente la fascia di capitano. 

Ma ogni spogliatoio ha i suoi 'peccati': ne sa qualcosa, ad esempio, anche la Juventus che nel corso degli anni ha dovuto usare il pugno di ferro per tenere a freno le intemperanze dei suoi calciatori. Se lo sgabello di Bonucci è passato alla storia come l'immagine che ha di fatto sancito la rottura tra il difensore, Allegri e il mondo bianconero con l'addio nello scorso calciomercato, va ricordato anche il caso Caceres. Il difensore uruguaiano fu sanzionato con multa ed esclusione dalla rosa dopo un incidente notturno in automobile. Per Pogba, invece, nel 2012 'soltanto' esclusione dai convocati dopo un doppio ritardo in allenamento: Conte non gliela fece passare liscia. Simile per caratteristiche dentro e fuori dal campo a Nainggolan, anche Vidal si iscrive nell'elenco dei calciatori 'puniti': con la Juventus un ritardato rientro dagli impegni con la Nazionale gli costò una multa e l'esclusione dai convocati nel 2013. E in Cile non sono stati certo di mano leggera, punendo lui ed altri cinque calciatori per essere rientrati in ritardo e "in condizioni non adeguate" nel ritiro della Nazionale nel 2011: punizione che, evidentemente, non ha colto nel segno. La lista di casi simili sarebbe ancora più lunga, di esempi ce ne sono a decine e in questo caso non vale certo il detto 'mal comune mezzo gaudio'. 

Scrivi un Commento

Invia Commento

Comments (0)