Breaking News
  • Roma-Napoli, Di Francesco sbotta: "Basta domande su Schick"
© Getty Images

Roma-Napoli, Di Francesco sbotta: "Basta domande su Schick"

Il tecnico giallorosso alla vigilia del big match di sabato sera

ROMA NAPOLI CONFERENZA DI FRANCESCO / Finalmente il campionato: riparte la Serie A e l'ottava giornata offre il big match tra Roma e Napoli. Alla vigilia della sfida contro gli azzurri, il tecnico Eusebio Di Francesco parla nella consueta conferenza stampa. Da Nainggolan a Pellegrini sono tanti i spunti di interesse offerti dall'allenatore giallorosso: Calciomercato.it seguirà in diretta le parole dell'ex Sassuolo. 

ANTI-JUVE - "Credo che sarà una partita molto importante. Può determinare l'anti-Juventus o almeno dare più convinzione ad una delle due sqaudre". 

ALLENATORI - "Sarri sta facendo un allenatore eccellente e non sono sorpreso. In questi anni ha avuto una crescita esponenziale: è partito dal 4-4-2, poi il 4-3-1-2 e ora il 4-3-3". 

DZEKO-MERTENS - "Sono due profili totalmente differenti. Mertens è diventato centravanti per esigenza e per la bravura dell'allenatore. Credo che prima non abbia mai giocato centravanti: è un centrale atipico, meno di area di rigore. Edin ha grande presenza nell'area, ma ha anche grande tecnica. Potrebbero giocare anche insieme ma spero che questa volta prevalga quello più alto". 

STROOTMAN E SCHICK - "Nessuno dei due sarà convocato. Valuteremo Strootman per la Champions. Per Schick non serve fretta, basta domande su di lui. A volte ha voluto forzare il suo rientro e invece non possiamo sbagliare. Il responsabile sono io e allora lo metterò in campo solo quando potrà giocare almeno uno spezzone di gara. Lo faccio per il suo bene". 

CHI HA PIU' DA PERDERE - "Certe partite sono importante, ma ne mancano tantissime ancora. Più che il risultato è importante la prestazione. La squadra che farà meglio la migliore prestazione difensiva di squadra farà grandi cose". 

EL SHAARAWY - "Ci sono state valutazioni sbagliate in Nazionale. Mi auguro che non accada più con ancora maggior collaborazione. Anche i giocatori devono avere maggiori attenzioni. Può succedere, mi auguro che non accada più, inutile stare a polemizzare. Dalla prossima pretendo da tutti maggiore attenzione". 

GIOCO - "Napoli più bello della Juventus? Sul tipo di gioco non ho dubbi, ma questo non è sinonimo di risultati. Il Napoli è tra le favorite ma la Juve è sempre la squadra da battere". 

DIFESA - "E' importante valutare chi si affronta. Devo vedere le condizioni di Fazio che oggi vedrò per la prima volta. In base a questo deciderò, ricordando che dopo il Napoli ci sono tante altre partite alle spalle". 

SCUDETTO - "Si può toccare ferro? L'ambizione deve essere un piacere, bisogna credere in sé e continuare a lavorare con umiltà. Questa domanda vorrei che fosse fatta domani se arriverà una vittoria". 

MERCATO - "Sono rimasti tanti calciatori ma è cambiato l'allenatore e questo porta a cambiare determinati meccanismi. Abbiamo perso una sola volta in campionato - non meritando - e mai in Champions". 

KARSDORP - "Sta recuperando, si sta allenando con noi da tre sedute". 

CALO SPETTATORI - "Credo che sia riduttivo parlare di questo problema per la gara di domani. E' un problema generale italiano, vanno migliorati gli stadi, l'accessibilità. Dobbiamo rubare qualcosina a chi sta meglio di noi. Per la partita di domani mi dispiace, ero abituato a vedere uno stadio pieno, un'atmosfera caldissima. Ma sono convinto che non è una cosa solo relativa a Roma-Napoli".

 

Scrivi un Commento

Invia Commento

Comments (0)