• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Parma > Parma, comunicato UFFICIALE: senza riduzione debito, finale di stagione a rischio

Parma, comunicato UFFICIALE: senza riduzione debito, finale di stagione a rischio

Incontro tra Anedda, Albertini e Tavecchio per parlare della situazione della società


Parma (Getty Images)

16/04/2015 19:45

PARMA COMUNICATO DEBITO TAVECCHIO / PARMA - Una giornata da dimenticare per il Parma: dopo gli ulteriori quattro punti di penalizzazione inflitti dal Tribunale Federale, c'è il rischio sempre più concreto di non terminare la stagione. E' quanto emerge da un incontro tra il curatore fallimentare Anedda, Albertini e il presidente della Figc Carlo Tavecchio.

L'esito del vertice è stato comunicato dal Parma in una nota ufficiale dove si legge: "Angelo Anedda, curatore fallimentare del Parma FC S.p.A. e Demetrio Albertini, coadiutore dei curatori, hanno incontrato questa mattina a Roma il Presidente della F.I.G.C. Carlo Tavecchio e il suo staff, per illustrare ai massimi vertici della Federazione lo stato attuale dell’esercizio provvisorio ed il percorso da compiere per la sua eventuale prosecuzione. L'incontro, che si è svolto in un clima cordiale e collaborativo, ha avuto quale argomento principale la situazione debitoria del Parma Calcio e l’auspicabile conclusione del campionato da parte della società crociata, anche in vista del termine del 30 aprile concesso ai curatori dal Giudice Delegato dott. Pietro Rogato. Entro quel termine, infatti, i curatori dovranno riferire anche sulla possibilità di un abbattimento del debito sportivo pregresso a un livello compatibile con una ragionevole possibilità di vendita dell’azienda sportiva, in assenza del quale l'esercizio provvisorio non potrà proseguire".

B.D.S.




Commenta con Facebook