• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Dai campi > PAGELLE E TABELLINO DI MILAN- SASSUOLO

PAGELLE E TABELLINO DI MILAN- SASSUOLO

Eurogol di Muntari e Rami in grande spolvero tra i rossoneri. Negli ospiti delude cannavaro


Rami (Getty Images)
Marco Cattarulla

18/05/2014 23:27

 

PAGELLE E TABELLINO MILAN-SASSUOLO / MILANO – Il Milan sfiora il sogno di entrare in Europa League. Partenza lampo dei padroni di casa con i gol di Muntari e De Jong, i migliori insieme ad un insuperabile Rami. Mexes espulso, Kaka' impalpabile. Per gli emiliani, altra buona prova di Sansone, conferma per Chibsah mentre delude Berardi. Cannavaro nervoso.

MILAN

Abbiati 6 – Il primo tiro in porta del Sassuolo arriva solo nel secondo tempo e lui è reattivo. Intuisce il rigore di Zaza.

De Sciglio 6 – Gara onesta per il terzino rossonero. Inizia a destra, poi passa a sinistra con l’ingresso di Zaccardo. Spinge con continuità e arriva molto spesso al cross. Espulso per un presunto fallo da ultimo uomo in area su Sansone, anche se colpisce prima la palla dell’uomo.

Rami 7 – Insuperabile. Gioca sempre d’anticipo sugli attaccanti avversari e tenta anche di impostare l’azione partendo da dietro. Formidabile un recupero su Zaza lanciato a rete.

Mexes 4 – Facile capire perché non rientra nel giro della nazionale francese: nervoso, falloso, irruento. Più volte graziato da Valeri, trova il secondo giallo per un intervento al limite dell’area su Berardi.

Constant 5,5 – Preoccupato dalla presenza di Berardi, fatica a trovare le sovrapposizioni giuste. Qualche errore di troppo in disimpegno. Dal 63’ Zaccardo 5,5 – Si posiziona a destra e proprio da quella parte il Sassuolo sfonda che è un piacere.

Montolivo 6 – Croce e delizia. Nel primo tempo soffre il pressing emiliano e tocca pochissimi palloni. Nella seconda frazione torna centrale accanto a De Jong e inizia a macinare gioco, tentando anche la fortuna con due conclusioni dalla distanza.

De Jong 6,5 - Lavora molto di fisico ed esperienza facendo filtro davanti alla difesa e interrompendo i primi timidi tentativi avversari. Trova il gol della sicurezza con una punizione deviata dalla barriera che inganna l’incolpevole Pomini.

Muntari 6,5 - Non trascorrono neanche due minuti e fulmina Pomini con un sinistro dai 20 metri che si infila all’incrocio dei pali. Gestisce la posizione in campo giocando semplice e coprendo le spalle alle scorribande di Taarabt. Esce per infortunio. Dal 59’ El Shaarawy 6,5 – Si posiziona a sinistra, nella sua zona preferita, e sforna giocate a ripetizione. Brucia i guanti a Pomini con un destro a giro sul secondo palo. Salta sistematicamente l’avversario che lo affronta e provoca l’espulsione di Cannavaro.

Taarabt 6 – Prima frazione di alto livello. Svaria su tutta la trequarti emiliana, palla incollata al piede e grandi accelerazioni. Poi si spegne e trotterella senza più incidere.

Kaka' 5 – Nel primo tempo fatica a trovare la posizione. A tratti indisponente, sbaglia anche i passaggi più elementari. Nella seconda parte della gara cerca di accentrarsi ed entrare più nel vivo del gioco ma non riesce mai ad incidere. Dal 73’ Balotelli s.v.

Pazzini 6 – E’ un attaccante d’area di rigore e soffre quando non arrivano palloni giocabili. Sfiora il gol in un paio di situazioni nel secondo tempo, quando il Sassuolo allenta la presa e lui trova più spazio.

All. Seedorf 6 – Voto per la fiducia. Le sta davvero provando tutte. Inizia con un 4-3-2-1 ma Kaka lo tradisce e il Milan fa maledettamente fatica ad accelerare. De Jong in cabina di regia garantisce copertura ma un’impostazione prevedibile. Ha il coraggio di inserire Balotelli anche con la squadra in dieci uomini per mantenere peso in attacco. Se avrà la fiducia della società (e un buon mercato estivo) non potrà che fare sempre meglio.

 

SASSUOLO

 

Pomini 6 – Subisce due gol senza colpe. Si supera sulla conclusione di El Shaarawy che già esultava per il ritorno al gol.

Mendes 5,5 – Se il Milan non sfonda mai sulla fascia sinistra, il merito è anche suo. Fase difensiva perfetta, manca però nelle sovrapposizioni con Berardi. Dal 78’ Terranova s.v.

Cannavaro 4 - Partita in apnea per il centrale napoletano. Lascia a Muntari lo spazio per la conclusione dell’1 a e rischia il giallo per un’entrataccia su Kaka. Appare talmente svogliato da non prendere mai in mano la difesa. Sfoga la sua frustrazione con un intervento killer su El Shaarawy che gli costa il rosso diretto.

Ariaudo 5,5 – Sfiora il gol del pareggio sugli sviluppi di un calcio d’angolo, calciando malamente alto da due passi. In fase difensiva, soffre la serataccia del compagno di reparto.

Longhi 5 – Non riesce mai ad appoggiare Sansone. In fase difensiva, De Sciglio lo sovrasta come velocità e tecnica. Con il Milan in dieci doveva essere più presente fase offensiva.

Chibsah 6,5 – Il più ispirato nel centrocampo di Di Francesco. Bravo nel chiudere gli spazi, preciso negli inserimenti, crea più di una volta superiorità numerica nel cuore della difesa rossonera. Dal 73’ Masucci s.v.

Magnanelli 5,5 – Mantiene la posizione e cerca di coprire più metri che può. Copertura discreta, zero regia.

Missiroli 5 - Dovrebbe guidare le ripartenze emiliane ma finisce con il correre dietro ad un indiavolato Taarabt. Impreciso anche sui calci piazzati. Dal 45’ Biondini 6 – Solita esperienza al servizio della squadra. Si fa trovare sempre nel posto giusto al momento giusto.

Berardi 5 – Da lui ci si aspetta sempre la giocata del campione. Nei primi 45’ minuti Constant gli si appiccica e non lo fa muovere. Con la momentanea superiorità numerica cerca qualche spunto ma è impreciso. Calci di punizione e corner da dimenticare.

Zaza 6 – Stretto nella morsa di Rami e Mexes, fatica a trovare spazio. Imperdonabile quando si fa recuperare dall’ex Valencia che lo ferma con un disperato tackle. Freddo dal dischetto.

Sansone 6,5 – Il migliore dei suoi. Nel primo tempo soffre la scarsa vena dei compagni ma con l’abbassarsi dei ritmi sale in cattedra e crea scompiglio ogni volta che ha la palla tra i piedi. Da una sua incursione in area di rigore nasce il penalty per il gol della bandiera. Una stagione da protagonista.

All. Di Francesco 6 – Passerella alla Scala del calcio per una salvezza meritatissima. Il Sassuolo inizia con il freno a mano tirato e va al riposo sotto di due gol, ma ha il merito di crederci fino alla fine e onorare la partita, accorciando anche le distanze. Forse il cambio di Chisbah è stato un poco affrettato.

 

Arbitro: Valeri 5,5 – Una partita che, sulla carta, doveva essere semplice. Nel primo tempo non ammonisce Cannavaro per un intervento da tergo su Kaka. Giuste l’espulsione per doppia ammonizione di Mexes e di Cannavaro, che entra in gioco pericoloso su El Shaarawy. Errore madornale sul rigore concesso al Sassuolo, con conseguente espulsione di De Sciglio: il rossonero tocca prima la palla, spostandola nettamente.

 

TABELLINO

 

MILAN-SASSUOLO 2-1

 

Milan (4-3-2-1): Abbiati; De Sciglio, Rami, Mexes, Costant (dal 63’ Zaccardo); Montolivo, De Jong, Muntari (dal 59’ El Shaarawy); Taarabt, Kaka (dal 73' Balotelli); Pazzini. All.: Seedorf.

Sassuolo (4-3-3): Pomini; Mendes (dal 78’ Terranova), Cannavaro, Ariaudo, Longhi; Chibsah (dal 73’ Masucci), Magnanelli, Missiroli (dal 45’ Biondini); Berardi, Zaza, Sansone. All.: Di Francesco.

Arbitro: Valeri

Marcatori: 2' Muntari (M), 26' De Jong (M), 90’ Zaza (S)

Ammoniti: 32' Mexes (M), 43’ Ariaudo (S),

Espulsi: 68' Mexes (M), 86’ Cannavaro (S), 89’ De Sciglio (M)




Commenta con Facebook