• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > News > IL PAGELLONE DI CALCIOMERCATO.IT: Ciclone Tevez, Ingenuo Amauri

IL PAGELLONE DI CALCIOMERCATO.IT: Ciclone Tevez, Ingenuo Amauri

Top e Flop della 30a giornata di Serie A secondo i voti dei nostri inviati


Carlos Tevez (Getty Images)
Emiliano Forte

27/03/2014 08:51

PAGELLONE TEVEZ AMAURI / MILANO - Anche nel turno infrasettimanale di campionato a dominare la scena è l'Apache Carlitos Tevez, che con i suoi colpi fa volare la Juventus verso quota 81 punti in classica. Vittoria arrivata al termine di un match sofferto contro un buon Parma. Tra i gialloblu è l'ex dal dente avvelenato Amauri a tradire le attese rimendiando un rosso proprio nella fase più concitata del match. Il Napoli non perde terreno rispetto al secondo posto occupato dalla Roma ed ipoteca la terza piazza grazie ad un sonoro 4-2 sul campo del Catania con Callejon, Zapata ed Henrique grandi protagonisti. Tra gli etnei da dimenticare la prova di Andujar e Legrottaglie apparsi in evidente difficoltà. Nel big match tra Fiorentina e Milan la differenza sta tutta negli attaccanti con Balotelli decisivo e Matri troppo sciupone sotto porta.

 

TOP

 

5.Henrique (Napoli) - Ottimo il suo contributo sulla destra dove non fa rimpiangere Maggio. Sul gol del 3-0 che porta la sua firma, trova un traiettoria impossibile da posizione defilata che lascia di sasso Andujar. Spettacolo. VOTO 7,5

4.Zapata (Napoli) - Finalmente arrivano i primi gol in campionato per il 23enne colombiano che si muove bene su tutto il fronte d'attacco facendo leva sulla sua grande fisicità. Se gioca così il titolarissimo Higuain può anche rifiatare di tanto in tanto. Forza della natura. VOTO 7,5

3.Balotelli (Milan) - SuperMario questa volta entra subito in partita e ci rimane fino alla fine. Sempre sul pezzo si mette a disposizione dei compagni giocando tanti palloni ed entrando in tutte le azioni pericolose costruite dal Milan. Ispirato. VOTO 7,5

2.Callejon (Napoli) - Con due assist, un gol e una corsa perenne mette in ginocchio la fragile difesa etnea. Praticamente imprendibile per tutta la gara. Fulmine. VOTO 8

1.Tevez (Juventus) - Decisivo come nessuno in Serie A. Tra corse, dribbling e gol decisivi sta spingendo la Juve in orbita. Un peccato non vederlo al 'San Paolo' nel confronto a distanza con il connazionale Higuain. Incontenibile. VOTO 8

 

FLOP

 

5.Garics (Bologna) - Dopo soli 7 minuti di gioco atterra Rubin in piena area propiziando il rigore che vale l'1-0 di Paloschi. Per i resto tante ombre e poche luci per l'esterno austriaco che viene sostituito dopo appena mezz'ora di gioco. Inconsistente. VOTO 4,5

4.Matri (Fiorentina) - Ancora una serata di rimpianti per l'ex Milan e Juve che continua a sciupare occasioni per buttarsi alle spalle il periodo più difficile della sua carriera. Certe occasioni il vero Matri non le avrebbe mai fallite: gli mancano fiducia e serenità per tornare ai suoi livelli. Sfiduciato. VOTO 4,5

3.Legrottaglie (Catania) - Serata da incubo per l'esperto centrale rossoazzurro. Gli attaccanti partenopei gli scappano via che è una bellezza. Se in occasione del raddoppio napoletano ci pensa addirittura Andujar a neutralizzarlo significa che c'è poco da fare. Imbambolato. VOTO 4,5

2.Andujar (Catania) - Con una catastrofica uscita si rende protagonista, insieme a Legrottaglie , del pasticcio che spiana a Callejon la strada del 2-0 dopo 25 minuti. Un colpo che affossa il Catania e manda in confusione il futuro portiere azzurro, che raccoglierà altre due volte il pallone in fondo al sacco. Impallinato. VOTO 4

1.Amauri (Parma) - Dopo l'avventura poco fortunata in bianconero scende in campo con la voglia di riscattarsi al cospetto del suo ex pubblico che non perde occasione di punzecchiarlo. Purtroppo per lui viene tradito dalla troppa foga agonistica che gli costa il rosso diretto per un gomito alto su Chiellini. Irruento. VOTO 4




Commenta con Facebook