• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > News > IL PAGELLONE DI CALCIOMERCATO.IT: Insigne all'ultimo respiro. Amelia che regalo

IL PAGELLONE DI CALCIOMERCATO.IT: Insigne all'ultimo respiro. Amelia che regalo

Top e Flop della 33esima giornata di Serie A secondo i voti dei nostri inviati


Insigne (Getty Images)
Emiliano Forte

22/04/2013 07:36

PAGELLONE, INSIGNE AMELIA / MILANO - La notizia di giornata è che Insigne è finalmente decisivo per il suo Napoli; con un gran tiro dalla distanza in pieno recupero, regala ai suoi non solo i tre punti ma, cosa fondamentale in chiave Champions, la quasi certezza del secondo posto in classifica. Di Natale e Cuadrado invece si sono resi protagonisti di due prodezze balistiche che hanno dato lustro a questo 33esimo turno di Serie A. Il primo con una conclusione volante in mezza sforbiciata che ha affossato la Lazio, il secondo con un pallonetto tanto bello quanto preciso che ha sbloccato il risultato in quel di Firenze. Tra le note stonate troviamo invece il milanista Robinho e lo juventino Marchisio che non sono riusciti ad incidere sulle sorti del posticipo in scena allo 'Juventus Stadium'. Ancora peggiore è stato l'impatto sulla partita di Marco Amelia che con un'uscita scriteriata ha propiziato il rigore decisivo messo a segno da Vidal

TOP

5.Ibarbo (Cagliari) – Quando ha spazio per liberare la sua corsa sa essere davvero devastante. Tornado. VOTO 7

4.Zielinski  (Udinese) – A soli 18 anni dimostra già di saper abbinare al suo talento una buona dose di personalità. Un'altra bella scoperta dei talent scout friulani. Baby fenomeno.VOTO 7

3.Cuadrado (Fiorentina) – Pericolo costante per la difesa avversaria dimostra ancora una volta di attraversare un grande periodo di forma. Contro il Torino si concede anche il lusso di sbloccare il risultato con un pallonetto di rara bellezza. Spina nel fianco. VOTO 7

2.Di Natale (Udinese) – Spesso e volentieri risulta decisivo ai fini del risultato e non lo fa mai in maniera banale. Altra perla per la 'sua' Udine che ora crede nell'Europa. Istituzione. VOTO 7

1.Insigne (Napoli) – Mazzarri lo butta nella mischia quando ormai il 2-2 sembrava cosa fatta; il piccolo genio partenopeo riesce a capitalizzare al massimo i minuti a disposizione e in prossimità dal triplice fischio, trova il bolide da tre punti che manda in delirio i suoi tifosi. Scugnizzo. VOTO 7,5

FLOP

5.Marchisio (Juventus) – Il 'Principino' non attraversa un periodo di grande forma, (si vedano le prestazioni insufficienti offerte nei match di coppa contro il Bayern), e la posizione avanzata a ridosso dell'unica punta Vucinic non lo aiuta. Se contro la Lazio aveva dato qualche segno di risveglio, nella sfida di ieri sera è apparso di nuovo sottotono senza mai riuscire a trovare la posizione giusta per impensierire la retroguardia milanista. Spara a salve. VOTO 5 

4.De Rossi (Roma) – Non è da lui sbagliare certe giocate soprattutto in fase di costruzione quando perde troppi palloni. Gestisce male anche un paio di occasioni dove avrebbe potuto cercare la conclusione a rete. Leader sbiadito. VOTO 4,5

3.Dias (Lazio) – Brutta serata per il difensore brasiliano che si trova a dover fronteggiare i 'bad boys' di Guidolin guidati in campo dal talento infinito di capitan Di Natale. Circondato.  VOTO 4,5

2.Robinho (Milan) – In settimana ha dichiarato di voler continuare la sua avventura in rossonero anche la prossima stagione. Con prestazioni come quella offerta allo 'Juventus Stadium', difficilmente sarà accontentato dalla dirigenza rossonera. Inconsistente.  VOTO 4,5

1.Amelia (Milan) – Se Abbiati, prima di uscire per infortunio, salva il risultato con un grande riflesso su una punizione calciata da Pirlo e deviata dalla barriera, Amelia nell'unico vero pericolo creato dalla Juventus nella ripresa combina il pasticcio che regala ai bianconeri il rigore del definitivo 1-0. Arrugginito. VOTO 4

 




Commenta con Facebook