• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Inghilterra > Sunderland, Di Canio: "Ecco quando potrete chiamarmi eroe"

Sunderland, Di Canio: "Ecco quando potrete chiamarmi eroe"

L'ex Lazio analizza i suoi primi giorni da manager in Premier League


Paolo Di Canio (Getty Images)
Silvio Frantellizzi (Twitter: @SilFrantellizzi)

18/04/2013 23:06

SUNDERLAND DI CANIO NEWCASTLE/ ROMA - Per i tifosi del West Ham era 'The God' e non ci è dato sapere se tale soprannome gli andasse a genio. Una cosa però Paolo Di Canio ci tiene a precisare: non vuole essere definito un eroe dai tifosi del Sunderland, entusiasti del suo arrivo sulla panchina dei 'Black Cats' soprattutto dopo il derby vinto 3-0 in casa del Newcastle. "Non voglio essere un eroe adesso - ha spiegato Di Canio in un'intervista rilasciata a 'Sky Sports' - è facile per i tifosi chiamare un giocatore o un tecnico eroe quando fanno un lavoro incedibile. Anche io, da tifoso della Lazio, consideravo Giordano un eroe quando segnò un gol deciviso in un derby. So cosa significa, ma è troppo per me, anche se dovessimo salvarci e compiere un passo fantastico nella costruzione di un futuro migliore. Nei prossimi dieci anni, se sarò diventato il miglior manager nella storia del Sunderland, allora i tifosi potranno chiamarmi eroe, anche se è un aggettivo che non mi piace. Il derby contro il Newcaslte? Devo essere onesto - rivale Di Canio - il giorno dopo ho visto un umore buono all'interno dello spogliatoio, ma sono stato ancora più felice nel vedere i giocatori iniziare l'allenamento due giorni dopo, perché erano molto concentrati e determinati in vista del match successivo".




Commenta con Facebook