• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > News > LA MOVIOLA DI CM.IT: Chiellini e Handanovic interventi da rigore

LA MOVIOLA DI CM.IT: Chiellini e Handanovic interventi da rigore

Rizzoli non vede i falli su Cassano e Vidal. Bene gli arbitri impegnati sugli altri campi


Rizzoli (Getty Images)
Emiliano Forte

31/03/2013 08:21

MOVIOLA, CHIELLINI CASSANO HANDANOVIC / MILANO – La 30esima di Serie A è stata la giornata di Inter-Juventus; l'atteso e sentito derby d'Italia. Ha diretto la sfida Nicola Rizzoli, lo ha fatto in maniera convincente anche se non sono mancati gli episodi che hanno fatto discutere dirigenti, tifosi e giornalisti. A recriminare in particolar modo è l'Inter che proprio nella fase più calda del match ha chiesto, invano, un rigore per un contatto in area tra Giorgio Chiellini e Antonio Cassano. Contatto sospetto anche quello in area nerazzurra nel corso del primo tempo tra Handanovic e Chiellini. Positiva, nel complesso, anche la prova degli altri fischietti designati per questo turno di campionato, a partire da Orsato impegnato in Cagliari-Fiorentina e da Celi chiamato a dirigere Chievo-Milan.

CAGLIARI-FIORENTINA 2-1, arbitro Orsato 6,5 – Buona prova per l'arbitro di Schio che giudica bene l'episodio che porta al rigore messo a segno da Pinilla per il Cagliari. Il viola Cuadrado infatti commette chiaramente fallo sgambettando in area il cagliaritano Sau.

PALERMO-ROMA 2-0, arbitro Calvarese 6  - Qualche dubbio su un contatto tra Burdisso e Barreto in area giallorossa, con il difensore argentino che spinge l'avversario. Il giocatore rosanero sembra accentuare la caduta da qui la decisione dell'arbitro di lasciar correre. Da rivedere anche un intervento di Morganella su Marquinho ad inizio ripresa. Con la Roma che poteva beneficiare di un tiro dagli undici metri. Non è dello stesso avviso Calvarese che anche in questo caso non interviene.

LAZIO-CATANIA 2-1, arbitro Massa 6 – Sacrosanto il rigore concesso alla Lazio per il fallo di Bellusci su Ederson. Rigore che poteva starci anche pochi minuti prima quando Alvarez trattiente in area l'attaccante biancoceleste Kozak.

UDINESE-BOLOGNA 0-0, arbitro Giacomelli 5,5 – E' il minuto 18 quando il Bologna costruisce un'azione pericolosa sull'asse Gilardino-Gabbiadini. Il lancio del numero 10 rossoblu indirizzato al compagno è intercettato da Domizzi che interviene con un braccio. Il giocatore friulano rischia grosso visto che  era l'ultimo uomo e quella che ha interrotto poteva essere considerata una chiara occasione da gol. Dunque Giacomelli lo grazia non prendendo alcun provvedimento. Netto il fallo di Taider su Pereyra che porta al rigore calciato da Di Natale e neutralizzato da Curci.

INTER-JUVENTUS 1-2, arbitro Rizzoli 6,5 Com'era prevedibile, le due squadre a San Siro hanno dato vita ad un Derby d'Italia molto combattuto e ricco di emozioni. Non sono mancati gli episodi da moviola; tra i più rilevanti, a destare qualche perplessità sono stati gli interventi di Handanovic su Vidal alla mezz'ora del primo tempo e  di Chiellini su Cassano a 20' dal termine. In entrambi i casi l'impressione è che poteva starci il rigore. Nel complesso va detto che Rizzoli ha arbitrato bene, con precisione e buona personalità; aiutato anche dai giocatori in campo che si sono fronteggiati sì agonismo, ma sempre con molta sportività. Unico neo il rosso a Cambiasso, (il primo da quando è arrivato in Europa), per un bruttissimo intervento direttamente sulla caviglia di Sebastian Giovinco.

GENOA-SIENA 2-2, arbitro Rocchi 5,5 Da rivedere il contatto di inizio ripresa tra Bovo e Sestu che porta al penalty concesso al Siena. Non sembra così netto il fallo del giocatore genoano.

ATALANTA-SAMPDORIA 0-0, arbitro Romeo 6 – Nel finale l'Atalanta rimane in 10 per l'espulsione di Lucchini che già ammonito trattiene fallosamente Sansone. Giusta la decisione del direttore di gara che estrae il secondo giallo.

PARMA-PESCARA 3-0, arbitro Di Bello 6 – Controlla bene la gara senza sbavature. Due soli ammoniti, uno per parte.

CHIEVO-MILAN 0-1, arbitro Celi 7 – Corretta la decisione di fischiare il fallo di Cesar su Balotelli dal quale poi nasce la punizione che porta al gol di Montolivo. Quest'ultimo calcia in porta da posizione regolare. Ineccepibile l'espulsione di Dainelli per due falli che gli sono valsi altrettanti cartellini gialli.

TORINO-NAPOLI 3-5, arbitro Giannoccaro 5,5 – Partita dalle mille emozioni con due rigori, uno per parte, concessi dal fischietto di Lecce. Il primo viene assegnato al Napoli per un netto fallo di Darmian su Maggio al 38esimo minuto del primo tempo. Con il giocatore del Torino che viene giustamente ammonito. Tiro dal dischetto che verrà poi fallito da Hamsik. Nella ripresa è dunque la squadra di casa a beneficiare di una massima punizione per un mani di Edison Cavani da poco entrato in campo. Il pallone carambola tra petto e braccio dell'uruguagio ma Giannoccaro non ha dubbi ed indica il dischetto.

 




Commenta con Facebook