• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Napoli > Frosinone-Napoli, Sarri: "Prova di maturità. Scudetto? È ancora una bestemmia, ma..."

Frosinone-Napoli, Sarri: "Prova di maturità. Scudetto? È ancora una bestemmia, ma..."

Le parole del tecnico dei partenopei alla vigilia della sfida valida per la 19a giornata di Serie A


Maurizio Sarri ©Getty Images
Lorenzo Polimanti (@oldpoli)

09/01/2016 13:52

FROSINONE NAPOLI CONFERENZA STAMPA SARRI / NAPOLI - Ultimo turno, siamo al giro di boa. Parte la 19a giornata di Serie A, che domani vedrà il Napoli affrontare in trasferta il Frosinone. Alla vigilia della sfida, il tecnico azzurro Maurizio Sarri fa il punto sulle ultime news Napoli in conferenza stampa. Calciomercato.it ha raccolto per voi le dichiarazioni dell'allenatore.

PARTITA - "Questo con il Frosinone è un match che non ammette superficialità. Stiamo studiando per diventare una squadra matura ed è dalle partite come quella di domani che si capisce a che punto siamo".

NOTE POSITIVE - "Quello che più mi ha dato soddisfazione in questi mesi è stata la disponibilità del gruppo a cambiare modo di allenarsi e di vivere il calcio. Hamsik? Non so se è un caso che abbia segnato dopo il mio incitamento. Callejon sta facendo un campionato straordinario, sono molto contento. Vediamo se segna anche lui ora. Comunque è un giocatore di cui non possiamo fare a meno".

SCUDETTO - "Penso ancora che sia una bestemmia. Ma noi in Toscana bestemmiamo abbastanza, quindi una bestemmia ogni tanto ci può anche stare".

FROSINONE - "In casa riescono ad essere molto intensi. Hanno anche una pericolosità offensiva non comune. Le insidie sono ben chiare secondo me. Sono ad un punto dalla salvezza e quindi motivati. Stellone è giovane e bravo. La nuova generazione di allenatori è di alta qualità e questo fa bene al calcio italiano".

HENRIQUE - "L'addio? Ha giocato molto poco ed abbiamo anche Luperto, che ad oggi è il nostro quarto difensore, anche se non è prontissimo".

FORMAZIONE - "Non ho ancora deciso, sicuramente scenderà in campo la squadra più competitiva. Allan col Torino è rimasto fuori per via delle caratteristiche del centrocampo avversario. Qualcosa domani cambierà, ma vedremo oggi".

CAMPIONE D'INVERNO - "Si tratta di un titolo che ci interessa poco, un riconoscimento puramente virtuale".

MERCATO - "Ho lasciato il Ds Giuntoli seduto sulla poltrona e non mi sembrava molto impegnato (ride, ndr)".

ERRORI ARBITRALI - "Se dobbiamo alzare la voce lo facciamo con la società e non con l'allenatore, che altrimenti sembra stia mettendo le mani avanti. Nella classe arbitrale italiana, come ovunque, ci sono arbitri bravi e non bravi".

SEGUIRANNO AGGIORNAMENTI




Commenta con Facebook