• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Italians & Passengers > ITALIANS - Immobile 'mata' il Real Madrid. Raggi ed El Shaarawy steccano

ITALIANS - Immobile 'mata' il Real Madrid. Raggi ed El Shaarawy steccano

Le pagelle dei giocatori italiani all'estero e i top/flop degli ex stranieri della Serie A


Ciro Immobile ©Getty Images
Michele Furlan (Twitter: @MicheleFurlan1)

10/11/2015 17:00

ITALIANS PAGELLE GIOCATORI ITALIANI ESTERO EX STRANIERI SERIE A / ROMA - Calciomercato.it torna proporvi Italians, la rubrica con le pagelle dei giocatori italiani all'estero e i top ed i flop degli stranieri che hanno militano in passato nella nostra Serie A. Questa settimana brilla la stella di Ciro Immobile al primo gol nella Liga. Male El Shaarawy e Raggi. Antenucci show. Ibrahimovic: doppietta e pallone d'oro svedese.

 

ITALIANS - LE PAGELLE DEI GIOCATORI ITALIANI ALL'ESTERO


FABIO BORINI (Sunderland): 5 - Entra ad inizio ripresa ma non riesce in nessun modo ad incidere sul fronte offensivo del suo Sunderland che cade contro il Southampton.

MATTEO DARMIAN (Manchester United): non convocato.

ANGELO OGBONNA (West Ham): in panchina nella partita contro l'Everton.

VITO MANNONE (Sunderland): in panchina nella partita contro il Southampton.

GRAZIANO PELLE' (Southampton): 6 - Meno incisivo del solito ma la sua gara è comunque sufficiente. Si piazza al centro dell'attacco del Southampton e apre spazi invitanti che determinano la vittoria sul Sunderland.

ALESSANDRO DIAMANTI (Watford): s.v. 

FEDERICO MACHEDA (Cardiff City): non convocato.

GABRIELE ANGELLA (Qpr): in panchina nella partita contro il Preston North End.

MARCO SILVESTRI (Leeds United): 6,5 - Il suo Leeds domina contro l'Huddersfield. L'estremo difensore non è particolarmente impegnato ma nel finale compie due interventi decisivi che gli valgono il voto.

MIRCO ANTENUCCI (Leeds United): 7 - Nettamente il migliore dei suoi. Segna la rete dell'1-0 contro l'Huddersfield e apparecchia la tavola per il 2-0 con un contropiede magistrale. Nello Yorkshire è un autentico idolo.

GIUSEPPE BELLUSCI (Leeds United): 6 - Ordinaria amministrazione per il difensore ex Catania che passa un pomeriggio senza troppi problemi.

TOMMASO BIANCHI (Leeds United): non convocato.

FRANCESCO PISANO (Bolton): non convocato.

FERNANDO FORESTIERI (Sheffield Wednesday): 6 - Un lampo dei suoi per segnare la rete della bandiera contro il Charlton. E' già a quota cinque ma questa volta non basta per evitare la sconfitta.

MICHAEL AGAZZI (Middlesbrough): non convocato.

DIEGO FABBRINI (Middlesbrough): 5 - Non è giornata in casa Middlesbrough. Il 'Boro' cede per 3-0 in trasferta con l'Hull City e Fabbrini naufraga malamente nel grigiore generale.

MARCO VERRATTI (Psg): infortunato.

THIAGO MOTTA (Psg): 6,5 - Forse la miglior partita della stagione per l'italo-brasiliano. Regia sapiente e giro palla veloce, nel 5-0 sul Tolosa c'è tanto di suo nella manovra di Blanc. Determinante in occasione dell'1-0 di Di Maria.

SALVATORE SIRIGU (Psg): in panchina nella partita contro il Tolosa.

ANDREA RAGGI (Monaco): 4,5 - Male nella disfatta del Monaco a Bordeaux. Spaesato, con Carvalho mette in mostra lacune preoccupanti che si concretizzano nei tre gol avversari.

STEPHAN EL SHAARAWY (Monaco): 5 - Entra al 54' e non si fa vedere in particolar modo se non per un cartellino giallo. La sua stagione deve ancora decollare: a Montecarlo lo aspettano.

PAOLO DE CEGLIE (Marsiglia): in panchina nella partita contro il Nizza.

CHRISTIAN BATTOCCHIO (Brest): 7 - Voto alto per un gol davvero splendido. L'italo-argentino lo segna contro il Tours con colpo di classe pura: controllo e rovesciata di prima intenzione. Una meraviglia.

GIULIO DONATI (Bayer Leverkusen): in panchina nella partita contro il Colonia.

LUCA CALDIROLA (Darmstadt): 6 - Qualche piccola sbavatura ma gioca una partita positiva ed il suo Darmstadt infatti coglie un buon pareggio contro l'Amburgo.

GIANLUCA CURCI (Mainz): in panchina nella partita contro il Wolfsburg.

VINCENZO GRIFO (Friburgo): 5,5 - Qualche sgroppata sulla fascia ma è troppo poco questa volta e il suo Friburgo non va oltre l'1-1 in casa del Duisburg.

CIRO IMMOBILE (Siviglia): 7 - Primo gol spagnolo per l'ex bomber del Torino. Segna l'1-1 al Real Madrid e partecipa all'azione del 2-1. Se fosse stato più lucido avrebbe addirittura potuto fare doppietta.

MARCO ANDREOLLI (Siviglia):  6,5 - Ottima partita anche per lui che si trasforma in una vera e propria diga contro cui sbattono i giocatori del Real Madrid che non sono certo gli ultimi arrivati.

DANIELE BONERA (Villarreal): 5,5 - Il suo Villarreal perde 3-0 in casa del Barcellona ma lui è l'unico a salvarsi dei difensori di movimento. Regge l'onda d'urto finchè può e non è colpevole nei 3 gol 'blaugrana'.

FRANCESCO BARDI (Espanyol): in panchina nella partita contro l'Athletic Bilbao.

SIMONE VERDI (Eibar): non convocato.

CRISTIANO BIRAGHI (Granada): 5,5 - Partita senza squilli la sua. Qualche spunto sulla fascia ma in fase difensiva lascia a desiderare, così come tutto il collettivo nella sconfitta con il Rayo Vallecano. 

CRISTIANO PICCINI (Betis Siviglia): 6,5 - La fascia destra di difesa del Betis è cosa sua. Efficace e concreto nella vittoria esterna sul Malaga (campo difficile). Conferma di essere un ottimo prospetto.

VINCENZO RENNELLA (Betis Siviglia): non convocato.

ROLANDO BIANCHI (Maiorca) 5,5 - Ancora lontano dalla migliore condizione, non riesce a sbloccare lo 0-0 che regala un punto al suo Maiorca. Può e deve fare di più.

ALBERTO AQUILANI (Sporting Lisbona): non convocato.

BRYAN CRISTANTE (Benfica): non convocato.

PABLO DANIEL OSVALDO (Porto): 6 - Entra e gioca mezz'ora in maniera vivace regalando nuova linfa al Porto che trova la vittoria con uno spirito che appare rinfrancato.

SALVATORE BOCCHETTI (Spartak Mosca): 5,5 - Non troppo sicuro e infatti il suo Spartak perde in casa del Terek Grozny. I due gol avversari, però, non erano evitabili. 

DOMENICO CRISCITO (Zenit): 6 - Lo Zenit perde 2-0 in casa della Lokomotiv Mosca pur giocando una partita sufficiente. L'ex Genoa è uno dei più positivi e non ha responsabilità sui gol.

STEFANO OKAKA (Anderlecht): 5 - Stavolta non è la sua partita e lo stesso lo si può dire dell'Anderlecht, che perde la super sfida con lo Standard Liegi. Non ha molti palloni giocabili e non riesce ad incidere come fatto finora.

MARCO DONADEL (Montreal Impact): 5,5 - Questa volta le idee sono appanate e il centrocampo gira meno. I Columbus Crew battono il Montreal, Donadel esce dai play-off Mls con la coscienza di aver fatto un'ottima stagione.

MANUELE BLASI (Chennaiyin): in panchina nella partita contro il Goa.

FEDERICO PIOVACCARI (Western Sydney Wandererers): 5 - Deve ancora trovare i meccanismi di squadra con il suo Western Sydney Wanderers, che trova i due gol vittoria nel finale quando Piovaccari è già uscito. 


ITALIANS - TOP E FLOP TRA GLI EX STRANIERI DELLA SERIE A

I TOP 3 DEL WEEKEND

ZLATAN IBRAHIMOVIC (Psg): 8 - Nella settimana della consegna del pallone d'oro svedese (premio che ha monopolizzato), Ibrahimovic fa sognare i tifosi del Milan con qualche messaggio d'amore e quelli del Psg per le prestazioni sul campo. Nella giostra dei gol rifilati al Tolosa (5-0) ne segna due sfruttando il fiuto da bomber puro. A gara già abbondantemente chiusa si toglie lo sfizio di lanciare a rete Ezequiel Lavezzi, che ringrazia sentitamente. Capocannoniere con 9 reti: a Parigi sono così sicuri di non volergli rinnovare il contratto?

SHKODRAN MUSTAFI (Valencia): 7,5 - Il Celta Vigo finora è stato un osso duro per tutti (non a caso è quarto in classifica). Il Valencia di Nuno, però, se ne è sbarazzato senza particolari patemi con un 5-1 esterno senza appello. Merito dei gol di Paco Alcacer, Dani Parejo e Piatti. E anche della mostruosa crescita di Shkodran Mustafi: insuperabile in fase difensiva e pericoloso quando va a saltare di testa. La quinta rete è tutta sua: sta diventando un difensore di spessore mondiale.

FERNANDO LLORENTE (Siviglia):  7 - Due gol consecutivi. Contro il Villarreal non è servito a nulla (Siviglia sconfitto). Quello contro il Real domenica, invece, ha blindato i tre punti. El 'Rey Leon' è partito dalla panchina entrando solamente al 70' per rilevare uno stanchissimo Immobile. Pronti-via e al 74' l'ex ariete della Juventus segna di testa il 3-1 su cross di Mariano. Un gol pesantissimo, uno dei suoi (e tanto per cambiare al Real, vittima preferita) e fondamentale per la vittoria sulle 'Merengues' (3-2 il finale).

I FLOP 3 DEL WEEKEND

MIGUEL BRITOS (Watford) : 5 - Premessa fondamentale: nella sconfitta per 2-1 del Watford sul Leicester il maggior colpevole è il portiere brasiliano Heurelho Gomes, autore di due topiche decisive. Sviluppo: lo stesso Gomes, però, non viene protetto adeguatamente da una difesa sfilacciata e troppo larga, che concede tanto spazio. Britos dovrebbe guidare il reparto, invece risulta troppo timido e poco leader. A Napoli, visti i risultati, non lo stanno rimpiangendo.

NICKLAS BENDTNER (Wolfsburg) 4,5 - Il Wolfsburg di Dieter Hecking rimane in 10 molto presto per via dell'espulsione di Julian Draxler e in questi casi è quasi sempre l'attaccante a risentirtne. Bendtner, però, ci mette del suo dimostrando di essere in una di quelle giornate in cui può risultare addirittura irritante. Poco movimento, poco sacrificio, poca voglia di risolvere la situazione. Risultato: esce al 65' con la squadra sotto di un gol. Film già visto.

YANN M'VILA (Sunderland): 4 - A volte basta un lampo, un secondo di follia per rovinare una partita tutto sommato dignitosa. Citofonare Yann M'Vila, centrocampista francese del Sunderland ed ex Inter. Nella partita col Southampton gioca una gara anonima ma senza demeritare particolarmente. Al 69', però, si produce in uno scatto forsennato per andare a stendere Bertrand in area facendo rabbrividire chiunque abbia frequentato una scuola calcio. Calcio di rigore e gol partita del Southapton: Sam Allardyce si mette le mani nei capelli incredulo, la sua espressione è tutto un programma. 




Commenta con Facebook