• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Torino > Torino, duro comunicato: "La Juventus sconcerta, che rispetti la sentenza"

Torino, duro comunicato: "La Juventus sconcerta, che rispetti la sentenza"

La società granata replica al club bianconero che non aveva accettato la chiusura della curva


Tifosi del Torino (©Getty Images)

30/07/2015 21:49

JUVENTUS TORINO COMUNICATO UFFICIALE BOMBA CAARTA DERBY / TORINO - Dopo il comunicato emesso in giornata dalla Juventus in merito alla chisura della curva per i fatti accaduti nell'ultimo derby, arriva la dura risposta del Torino. I campioni d'Italia non hanno preso bene la decisione della Corte di Appello federale e hanno preannunciato ricorso al Coni. Ecco il comunicato di risposta del club granata alla nota ufficiale dei bianconeri di questo pomeriggio: 

"L’odierna nota della Juventus desta molte perplessità e sconcerta perché l’autore materiale del reato è stato individuato e arrestato. Le sue generalità sono note alle Forze dell’Ordine, così come la sua fede juventina: del resto si trovava nel settore ospiti, esattamente dove - grazie alla puntigliosa ricostruzione degli inquirenti - è stata lanciata la bomba carta poi esplosa in curva Primavera, tra i tifosi del Torino.

Il soggetto, essendo già sottoposto a D.A.Spo, non poteva evidentemente figurare tra gli abbonati della Juventus, né comparire sulla lista degli juventini presenti nel settore ospiti: però era lì e le immagini lo hanno dimostrato. Varrà la pena ricordare quale fu il commento a caldo dal Ministero degli Interni, a rimarcare l’assoluta gravità di quel gesto: «Buttare una bomba carta in una curva di uno stadio è un atto eversivo, oltre che premeditato». E undici tifosi del Torino, colpiti da quell’ordigno, ne hanno patito le conseguenze.

Crediamo che la Juventus debba accettare il giudizio degli organi competenti: è un atto di civiltà. Le sentenze vanno rispettate e non commentate".

A.D.S.




Commenta con Facebook