• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Pagelle > PAGELLE E TABELLINO DI MANCHESTER UNITED-ARSENAL

PAGELLE E TABELLINO DI MANCHESTER UNITED-ARSENAL

Un'autorete di Blackett ferma lo United in vantaggio con 'moto perpetuo' Herrera


Marcos Rojo © Getty Images
Lorenzo Bettoni @lorebetto

17/05/2015 19:00

ECCO LE PAGELLE DI MANCHESTER UNITED-ARSENAL:

 

MANCHESTER UNITED

De Gea 7 – Lascia il segno sulla partita con il piede che dice di no in uscita alla conclusione ravvicinata di Giroud. Poco dopo si fa male ed esce per infortunio. Dal 74’  Victor Valdes 5 – Si vede la differenza con De Gea, visto che in occasione del pari va giù troppo facilmente.

Valencia 6,5 - E’ un treno sull’out di destra. A volte qualcuno gli sbuca alle spalle, ma lui è sempre bravo a ripiegare.

Smalling 6 – Difende bene, imposta male.

Jones 6 - Il recupero su Giroud nel primo tempo, di testa e a terra, è la fotografia della sua partita: è irruento, ma in qualche modo riesce sempre a metterci una pezza.

Rojo 5,5 - Impreciso in appoggio, alterna errori e miracoli in fase difensiva. Prima concede l’appoggio a Giroud, ma De Gea lo salva, poi anticipa Ramsey pronto a calciare a porta vuota. Dal 73’ Blackett 5 – Quella è la fascia debole dello United ed è quella la fascia che Van Gaal tenta di puntellare con l’inserimento di Blackett. Le gambe del giovane terzino però tremano tutte le volte che Walcott lo punta. Al secondo uno contro uno, poi, si devia in porta il tiro cross dello scaltro esterno di Wenger.

Blind 6 - Non ha i piedi di Carrick per far ripartire l’azione, ma questo già si sapeva. Fa comunque tanta legna e non sfigura.

Mata 6,5 - Parte largo, ma si accentra per lasciare il fianco libero agli inserimenti di Valencia. Ripiega come mai aveva fatto nella sua carriera, stavolta però gli manca l’ultimo tocco decisivo.

Herrera 7,5 - Attento, preciso, concentrato. Quando i suoi si intasano in avanti ed hanno bisogno di uno scarico, trovano sempre in lui un riparo sicuro. Raramente l’azione parte dai suoi piedi, ma Van Gaal gli ha insegnato ad essere un centrocampista totale, bravo sia palla al piede che negli inserimenti. Non a caso è uno suo blitz in area che porta in vantaggio lo United. Moto perpetuo.

Fellaini 6,5 - Non bello, ma efficace. Gioca tanti palloni e ne sbaglia pochi.

Young 6,5 - Ad Agosto aveva la valigia in mano. Da tutto il girone di ritorno è diventato uno di quelli che fa pendere l’asticella dalla parte dei Red Devils. Mette la firma sull’assist per l’1-0.

Falcao 5,5 – Van Gaal gli dà un’occasione in uno dei match più stimolanti e con più storia di questo campionato. Lui risponde con un primo tempo di buon livello: sgobba ma vede poco la porta. Nella ripresa cala anche fisicamente, ma questo non gli impedisce di ricevere gli applausi di tutto lo stadio quando lascia spazio a Van Persie. Dal 60’ Van Persie 5,5  - Ha una solo opportunità contro la sua ex squadra, ma la spara alta di testa.

All. Van Gaal 6,5 – Per un’ora imbriglia l’Arsenal nella tela del suo centrocampo. Affida a Blackett il compito di tenere Walcott che però lo fa secco al secondo tentativo. Per quanto speso in estate il quarto posto è un mezzo fallimento, ma ha fatto un gran lavoro individuale su giocatori come Mata, Young, Herrera e Fellaini. Il prossimo anno si giocherà la Premier con Mourinho.

 

ARSENAL

Ospina 6 - Può solo guardare Herrera che butta dentro l’1-0. Il resto è ordinaria amministrazione.

Bellerin 5 -  Dalla sua parte Young trova terreno fertile per la sua tecnica e velocità. Al 29’ lo salta e mette dentro il pallone dell’1-0. Replica (con tunnel) pochi minuti dopo, ma Mata al centro dell’area non è puntuale come Herrera. Dal 72’ Walcott 6,5 – Gli basta puntare per due volte Blackett per trovare il gol del pari. Si vedeva lontano un miglio che quando l’Arsenal avrebbe trovato l'uomo giusto nell’uno contro uno sarebbero stati guai per lo United. Il guizzo di Theo regala probabilmente ai Gunners un’altra partecipazione alla Champions senza passare dal tritacarne dei preliminari di agosto.  

Mertesacker 6,5 - In tandem con Koscielny gestisce relativamente bene Falcao. E’ lui a prendersi in consegna tutti i contrasti aerei con Fellaini.

Koscielny 6 - Per un’ora controlla bene Falcao. Negli ultimi 30’ fa lo stesso con Van Persie.

Monreal 5,5 - Stringe toppo invece di seguire l’inserimento di Herrera, che gli segna l’1-0 sotto il naso. Peccato perché il resto della partita non è affatto da buttare.

Cazorla 5,5 – E’ lui il play dei Gunners, quello che deve dare il là alla manovra offensiva degli ospiti. Per gran parte della partita però deve saltellare nel campo minato preparato da Van Gaal. Dal 72’ Wilshere 6 – Fa un po’ meglio di Cazorla, anche perché il ritmo dello United è più blando di quando in campo c’era lo spagnolo.

Coquelin 6,5 - E’ l’unico tra i centrocampisti di Wenger che ha nelle corde l’aggressività necessaria per tenere testa al dinamismo dei Diavoli Rossi in mezzo al campo. Oltre a ringhiare prova anche a rendersi utile in fase di costruzione. Tra i più positivi.

Ramsey 6 - Non al meglio fisicamente, nel primo tempo trotterella sulla destra senza mai lasciare davvero il segno. Cresce nella ripresa e mette in luce la sua classe.

Ozil 5,5 - Vittima dell’aggressività della mediana di casa, non riesce mai a trovare la giocata giusta. Le poche volte che i Gunners riescono a ribaltare il fronte non si intende con Giroud; quando è invece lo United ad attaccare, non ha abbastanza ossigeno per ripiegare. Passeggia per un’ora buona, si accende un po’ troppo tardi.    

Sanchez 5,5 - La sfida sull’esterno con Valencia è roba degna dei migliori centometristi. Il cileno non si limita comunque a sfrecciare sull’out, ma si accentra anche per smuovere qualcosa nell’intorpidito attacco dei Gunners. In fin dei conti ci prova, ma senza successo. Dall’ 89’ Flamini s.v.

Giroud 5,5 -  Gli manca il guizzo per buona parte dell’incontro, quando lo trova sbatte prima contro il piedone di De Gea e poi sull’esterno della rete.

All. Wenger 6,5 – Con pazienza rientra in partita, azzeccando i cambi che Van Gaal sbaglia. Il pari dell’Old Trafford gli consegna un’altra Champions senza preliminari, a meno di suicidi.

Arbitro: Mike Dean 6,5 – Classico arbitraggio all’inglese. Tollera una partita molto fisica e lo fo usando anche un solo cartellino giallo.

 

TABELLINO

MANCHESTER UNITED-ARSENAL 1-1

Manchester United (4-1-4-1): De Gea (dal 74’ Victor Valdes); Valencia, Smalling, Jones, Rojo (dal 73’ Blackett); Blind; Mata, Herrera, Fellaini, Young; Falcao (dal 60’ Van Persie). A disp. McNair, Di Maria, Januzaj, Wilson. All. Van Gaal.

Arsenal (4-2-3-1): Ospina; Bellerin (dal 72’ Walcott), Mertesacker, Koscielny, Monreal; Cazorla (dal 72’ Wilshere), Coquelin; Ramsey, Ozil, Sanchez (dall’ 89’ Flamini); Giroud. A disp. Szczesny, Gibbs, Gabriel Paulista, Rosicky. All. Wenger

Arbitro: Mike Dean (Cheshire FA)

Marcatori: 29’ Herrera (MU), 82’ a.g. Blackett (A)

Ammoniti: 95’ Herrera (MU)

Espulsi:




Commenta con Facebook