• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > TDM - Tattica del Mercato > TATTICA DEL MERCATO - Napoli, Eriksen: l'erede di Laudrup che tanto piace a Bigon

TATTICA DEL MERCATO - Napoli, Eriksen: l'erede di Laudrup che tanto piace a Bigon

L'analisi di Calciomercato.it sui protagonisti del mercato: occhi puntati sul trequartista del Tottenham


Christian Eriksen ©Getty Images
Michele Furlan (Twitter: @MicheleFurlan1)

17/12/2014 14:00

TATTICA DEL MERCATO CALCIOMERCATO NAPOLI ERIKSEN TOTTENHAM BENITEZ DE LAURENTIIS BIGON / NAPOLI - Il Napoli sta riflettendo attentamente sulle mosse da effettuare nel prossimo calciomercato. La squadra di Rafa Benitez infatti sta deludendo e vuole cambiare marcia nel 2015. Marek Hamsik, ad esempio, non è più intoccabile e sono tante le squadre che lo inseguono. Tra queste anche il Tottenham. Contestualemente, secondo quanto raccolto in esclusiva da Calciomercato.it, la società partenopea sarebbe pronta a tornare alla carica per Christian Eriksen, trequartista danese classe '92 considerato in patria l'erede di Michael Laudrup e nome che entra a gamba tesa sul calciomercato Napoli, con Riccardo Bigon che lo segue da diverso tempo. Conosciamolo meglio attraverso la nostra rubrica 'Tattica del Mercato'.

 

BIOGRAFIA DI ERIKSEN, OBIETTIVO DEL NAPOLI PER IL CENTROCAMPO

Christian Dannemann Eriksen nasce a Middelfart, in Danimarca, il 14 febbraio 1992. Fino all'età di 13 anni milita nel settore giovanile della squadra della sua città natale. Successivamente passa all'Odense. A 16 anni l'Ajax lo acquista e lo inserisce nel proprio vivaio, uno dei migliori a livello mondiale. Debutta in prima squadra nel 2009/2010, giocando anche in Europa League contro la Juventus. Sotto la guida di Martin Jol vince la coppa d'Olanda. Con l'arrivo di Frank de Boer in panchina, Eriksen diventa un pilastro dei 'Lancieri', vincendo 3 campionati consecutivi ed una supercoppa nazionale. Nel 2013 il Tottenham lo acquista a titolo definitivo. Il danese diventa una pedina fondamentale per gli 'Spurs' sotto le gestioni di Villa-Boas, Sherwood e Pochettino.

Ha esordito in nazionale nel 2010 (il terzo più giovane della storia della 'Danish Dynamite') prendendo parte, con Morten Olsen in panchina, al Mondiale 2010 e all'Europeo del 2012. Può vantare 48 presenze e 5 reti con la maglia della Danimarca.

CARATTERISTICHE TECNICO-TATTICHE DI ERIKSEN 

Alto 1,77 per 71 kg, fisico asciutto e longilineo, ambidestro. Eriksen è tutt'ora uno dei migliori trequartisti di prospettiva del panorama europeo. Il suo ruolo ideale, appunto, è quello di rifinitore. Può giostrare sia in un 4-3-1-2 che in un 4-2-3-1, modulo nel quale può anche svolgere il ruolo di mezzapunta di sinistra. Grazie alla grande intelligenza tattica può anche agire come mezzala in un 4-3-3. Eriksen è dotato di una tecnica personale davvero notevole e di una classe sopraffina, tanto che in Danimarca è stato subito etichettato come l'erede di Michael Laudrup. Sa usare entrambi i piedi in maniera fantastica ed è abilissimo nel fraseggio con i compagni. Eccelle nell'assist (suo fondamentale preferito) ed ha una visione di gioco unica. Non disdegna la conclusione a rete, soprattutto da calcio piazzato dove è sempre pericoloso. E' un giocatore completo, un potenziale top player per età e caratteristiche tecniche. Sembra un po' timido dal punto di vista della personalità.

ERIKSEN E' UN GIOCATORE ADATTO AL NAPOLI? 

Christian Eriksen sarebbe un giocatore perfetto per qualsiasi squadra a livello mondiale e il Napoli non fa certo eccezione. Un talento del genere potrebbe solamente arricchire un campionato ormai 'povero' come la nostra Serie A. Nel 4-2-3-1 di Rafa Benitez potrebbe prendere il posto di Marek Hamsik dietro a Gonzalo Higuain oppure giostrare come mezzapunta di sinistra, al posto di Mertens ed Insigne, per un'interpretazione differente del ruolo (meno rapida ma più tecnica). In alternativa, potrebbe anche fare la mezzala in un 4-3-3, qualora il tecnico spagnolo decidesse di variare il sistema di gioco. Si tratta di un potenziale top player, classe '92 e con grande esperienza internazionale. Il Napoli potrebbe anche pensare di sacrificare un totem come Hamsik pur di arrivare al danese, del quale desta perplessità solamente il carattere poco forte che potrebbe mal sposarsi con una piazza focosa come quella partenopea.




Commenta con Facebook