• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Primo Piano > Serie A, bye bye Premier League: in Inghilterra spesi più di 1 miliardo di euro

Serie A, bye bye Premier League: in Inghilterra spesi più di 1 miliardo di euro

Se in Italia si continua a prendere giocatori in prestito, in Inghilterra non si bada più a spese


Angel Di Maria (Getty Images)
Marco Di Federico

03/09/2014 09:40

SERIE A PREMIER LEAGUE CESSIONI ACQUISTI / ROMA - C'era un'epoca in cui tutti i calciatori ambivano a venire in Italia. La Serie A era il campionato più bello ed anche il più ricco del mondo. Con il passare degli anni la situazione è mutata ed oggi i top club italiani non possono neanche competere con le potenze di Premier League, Liga e Bundesliga. Soprattutto il calcio inglese è diventato irraggiungibile per le tasche dei presidenti di casa nostra.

Il problema sta, anche, nella ripartizione dei diritti tv. Come sottolinea oggi 'La Gazzetta dello Sport', l’anno scorso il Cardiff City neopromosso ha finito il campionato all'ultimo posto ma si è messo in tasca 78 milioni di euro di diritti tv. Ovvero il compenso minimo per un club che gioca la prima divisione inglese. Il Livorno, ultimo in Serie A, ne ha presi 21 milioni. Non deve stupire, allora, se i club di Premier League spendono e spandono, tanto che per la prima volta la somma dei trasferimenti ha superato il miliardo di euro, come certificato dallo studio di Deloitte. In nemmeno un decennio gli investimenti sul mercato estivo in Inghilterra si sono triplicati, dai 386 milioni di euro del 2006 ai 1053 del 2014. Come è possibile? Ci sono gli stadi di proprietà ed il merchandising, ma soprattutto a fare la differenza sono i nuovi contratti televisivi della Premier League: nel triennio 2013-16 c'è stato infatti un incremento del 60% rispetto al vecchio accordo. La scorsa stagione, la prima della nuova era, le venti squadre di Premier si sono spartite 1963 milioni di euro. Quelle di Serie A 823.

Un'Italia sempre più povera ma con un giro di movimenti da fare comunque impallidire Bundesliga e Liga. Nell'ultima sessione 1164 giocatori sono stati oggetto di trasferimenti nelle prime cinque leghe europee e solo la Premier ne ha movimentati più della Serie A. Tantissimi prestiti, però. E meno male che sono state abolite le comproprietà.




Commenta con Facebook