• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Juventus > Juventus, Agnelli: "Rivincere e' piu' difficile ma Conte vuole entrare nella storia&quo

Juventus, Agnelli: "Rivincere e' piu' difficile ma Conte vuole entrare nella storia"

Lungo discorso del presidente bianconero all'assemblea dei soci


Andrea Agnelli (Getty Images)
Silvio Frantellizzi (Twitter: @SilFrantellizzi)

25/10/2013 11:14

JUVENTUS AGNELLI CONTE ASSEMBLEA/ ROMA - Allo 'Juventus Stadium' di Torino è andata in scena questa mattina l'Assemblea dei soci della Juventus per approvare il bilancio della società bianconera al 30 giugno 2013. Il presidente Andre Agnelli, nel suo consueto discorso, oltre che di cifre ha parlato anche della rinnovata volontà di portare la 'Vecchia Signora' sempre più in alto, fuori e dentro il campo.

VITTORIE - "Dal 2010 la Juventus ha esercitato una progressiva attrazione di nuovi talenti, sia in campo che fuori - le parole di Agnelli riportate dal sito ufficiale della Juventus - tutti hanno potuto esprimere le proprie capacità e tutti vogliono continuare. Paratici, Nedved, Conte, Marotta, Mazzia sanno di avere un'occasione unica per entrare nei libri di storia, quella di vincere il terzo scudetto di fila. Un'impresa di grande difficoltà perché vincere è difficile, rivincere lo è ancora di più".

BILANCIO E ACCORDO CON ADIDAS - "Ci stiamo avvicinando al pareggio operativo di bilancio, confermando il risultato sportivo e le vittorie sul campo. Il bilancio odierno segna ricavi da record e ci fa tornare questa Juventus alla sua storia. L'accordo con Adidas? Segna il ritorno della Juventus sui valori del grande calcio europeo".

LA LEGA E IL CALCIO ITALIANO - "La situazione del calcio italiano resta immobile rispetto ad un anno fa. C'è una cultura radicata del potere e poca cultura di governo. Noi non vogliamo tornare ad una contrattazione singola per i diritti televisivi ma bisogna assolutamente aumentare i ricavi".




Commenta con Facebook