• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Lazio > Lazio-Chievo, Petkovic: "Stufo del mercato. L'effetto Coppa Italia..."

Lazio-Chievo, Petkovic: "Stufo del mercato. L'effetto Coppa Italia..."

L'allenatore bosniaco ha parlato della tradizione negativa coi clivensi e non solo


Vladimir Petkovic (Getty Images)
Matteo Torre (twitter: @torrelocchetta)

14/09/2013 14:37

LAZIO CHIEVO PETKOVIC STUFO JUVENTUS CARTE / FORMELLO - E' un Vladimir Petkovic a tutto tondo quello intervenuto in conferenza stampa alla vigilia di Lazio-Chievo. Il tecnico biancoceleste vuole voltare pagina dopo le sconfitte con la Juventus e le polemiche sul calciomercato. E proprio su quest'ultimo ha tenuto a chiarire: "Non è il momento di fare commenti sul mercato: sono stufo, ne sono già stati fatti tanti. Voglio una Lazio che abbia convinzione e voglia di vincere. Il sistema di gioco è irrilevante: conta che i giocatori funzionino insieme. E' meglio così se l'effetto Coppa Italia è svanito, così ripartiremo coi piedi per terra: c'era troppo entusiasmo. Abbiamo giocato tre joker, adesso si ridanno le carte, e le nostre restano buone".

DA BIGLIA A FELIPE ANDERSON - "Biglia è da valutare, mentre Gonzalez è stanco. Berisha ha fisico e carattere, per il presente farà da supporto a Marchetti, ma formeranno una grande coppia. Devo parlare con Felipe Anderson, che ha ancora qualche fastidio fisico. Io rispetto all'anno scorso non sono cambiato: non zoppichiamo perché abbiamo sì perso due volte, ma sempre contro i campioni d'Italia. Portiamo la croce e vogliamo anche cantare. I tifosi restino tranquilli e fiduciosi".

TRADIZIONE NEGATIVA - Col Chievo la Lazio non vince da dieci anni: "Dobbiamo metterli in difficoltà, l'anno scorso ci hanno battuti con un gol su rilancio. Dopo la Juventus dobbiamo essere proattivi per novanta minuti: lì era mancata concentrazione. Ad oggi siamo in uno stato di forma tra l'80% e il 90%".




Commenta con Facebook