• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Milan > Mercato Milan, Galliani a 360 gradi: "Allegri e Robinho non si muovono. Su Inzaghi e Bertolacci

Mercato Milan, Galliani a 360 gradi: "Allegri e Robinho non si muovono. Su Inzaghi e Bertolacci..."

L'Amministratore Delegato ha parlato del futuro della squadra


Galliani (Getty Images)
Martin Sartorio (twitter: smartins88)

04/03/2013 00:35

MERCATO MILAN GALLIANI ROBINHO CRISTANTE INZAGHI/ MILANO - Ospite alla 'Domenica Sportiva, l'Amministratore Delegato del Milan, Adriano Galliani, ha parlato del mercato dei rossoneri. Le prime parole sono dedicate alla mancata partenza di Robinho: "Sta benissimo con noi e non vuole più andare in Brasile. Il Santos, comunque, è l’unica squadra con cui ci tradirebbe, ma solo per motivi familiari. Lui è felice qui così come noi siamo felici di averlo con noi".

CRISTANTE - "Domani mattina firmerà un contratto di cinque anni con il Milan".

FUTURO - Non so se siamo un modello per gli altri ma abbiamo cambiato, decisamente, rotta. Abbiamo potenziato gli osservatori e abbiamo preso qualche giocatore importante. Noi abbiamo già preparato degli innesti per l’anno prossimo. Bertolacci? Vediamo perché abbiamo già preso Saponara. Continueremo a giocare con il 4-3-3 anche l’anno prossimo e siamo già tanti".

INZAGHI - "Non abbiamo ancora deciso se sarà l’allenatore della Primavera".

ALLEGRI - "Sarà il capo di tutti gli allenatori e ci sarà uno che porterà le indicazioni del mister a tutti gli altri sui sistemi d’allenamento e sul modulo. Noi abbiamo sei squadre di attività di base più quattro agonistiche. Il modello che seguiamo è quello dell’Ajax. Il Milan raramente manda via gli allenatori".

 

MERCATO IN SUDAMERICA - "Vendendo Pato mi sono reso conto come sia cambiato il mercato. In passato eravamo noi a comprare, adesso, invece, si va in Brasile per vendere. I Kakà ai 7 milioni di euro  non si prenderanno più. In questo momento la nazione che sembra dare più talenti è la Colombia".

 




Commenta con Facebook