Breaking News
© Getty Images

Lo riconoscete?

Nuovo viaggio alla scoperta di calciatori dimenticati dal grande pubblico

 

LO RICONOSCETE CALCIATORI DIMENTICATI / ROMA - La rubrica di Calciomercato.it vi racconta le storie di calciatori che, pur avendo lasciato un segno più o meno profondo nella storia di questo sport, per un motivo o per l'altro sono finiti nel dimenticatoio, lontani dai riflettori degli stadi e dalle luci della ribalta.

Oggi parliamo di un difensore che ha fatto parte del miracoloso Cagliari 1993-94, quello capace di sfiorare l'impresa europea in Coppa UEFA, con compagni di squadra del calibro di Allegri, Bisoli e Moriero: è Aldo Firicano.

Nato a Trapani nel 1967, Firicano si guadagna la chiamata dell'Udinese dopo due stagioni nella Cavese: nel 1985 viene prelevato dai friulani, che lo girano nel 1986/87 alla Nocerina, dove mette nelle gambe partite ed esperienza, oltre a qualche gol. Il fiuto sotto rete se lo porterà pressoché per tutta la carriera, nonostante il ruolo: tra l''87 e l''89 segna ben cinque volte con l'Udinese, e viene ceduto al Cagliari, dove passerà le sei stagioni più importanti della sua carriera.

Con la maglia sarda, come detto, centrerà prima la qualificazione in Coppa UEFA, quindi la giocherà pressoché fino in fondo, eliminando avversari del calibro di Dinamo Bucarest e Juventus: il sogno si infrangerà in semifinale sull'Inter, che poi solleverà il trofeo. Chiude l'esperienza cagliaritana nel 1996, andando a giocare per cinque stagioni nella Fiorentina. Di qui in avanti vestirà le maglie di Arezzo, Itala San Marco e Sestese, appendendo gli scarpini al chiodo nel 2004.

Ma non è finita qui: la vita da allenatore per Firicano è intensa e tutt'ora attiva. Dopo aver gestito proprio la Sestese, l'ex difensore è stato tesserato negli anni da Biellese, Suedtirol, Carrarese, Poggibonsi, Borgo a Buggiano. Nel 2012 diventa il tecnico della Pro Patria, dove a tutt'oggi riveste l'incarico. Una carriera fatta di picchi prestigiosi nonostante non abbia mai giocato in una cosiddetta "grande", e che lo vede ancora protagonista a trent'anni dall'esordio.

 

Scrivi un Commento

Invia Commento

Comments (0)

    Notizie   Milan  
    ICC, Milan-Borussia Dortmund 1-3: Aubameyang si mette in mostra
    ICC, Milan-Borussia Dortmund 1-3: Aubameyang si mette in mostra
    Doppietta dell'attaccante gabonese, obiettivo di mercato dei rossoneri
    Notizie   Roma  
    Roma, Totti: "Voglio essere importante ma senza un ruolo preciso"
    Roma, Totti: "Voglio essere importante ma senza un ruolo preciso"
    L'ex capitano giallorosso torna a parlare per la prima volta dopo il ritiro
    Notizie   Juventus  
    Juventus, Barzagli saluta Bonucci: "Liti solo invenzioni"
    Juventus, Barzagli saluta Bonucci: "Liti solo invenzioni"
    Messaggio del difensore bianconero al neo-milanista
    Notizie  
    Quotidiani Sportivi, le anticipazioni del 15 luglio
    Quotidiani Sportivi, le anticipazioni del 15 luglio
    I titoli principali sulla prima pagina di Corriere e Tuttosport
    Notizie   Inter  
    Inter, Borja Valero: "A Firenze situazione insostenibile"
    Inter, Borja Valero: "A Firenze situazione insostenibile"
    Il centrocampista spagnolo in conferenza stampa dopo l'arrivo in nerazzurro
    Notizie   Napoli  
    Napoli, De Laurentiis: "È la mia squadra più forte. Higuain..."
    Napoli, De Laurentiis: "È la mia squadra più forte. Higuain..."
    Il presidente partenopeo manda un messaggio: "Scudetto non sia più parola tabù"
    Notizie   Genoa  
    Genoa, l'annuncio di Preziosi: "Ho ceduto il club"
    Genoa, l'annuncio di Preziosi: "Ho ceduto il club"
    Il presidente pronto a lasciare la società