Breaking News
  • Fiorentina-Juve, Allegri: "Bernardeschi non è scappato. A Sarri dico..."
    © Getty Images

Fiorentina-Juve, Allegri: "Bernardeschi non è scappato. A Sarri dico..."

Il tecnico bianconero ha parlato ai giornalisti alla vigilia della trasferta in Toscana

FIORENTINA JUVENTUS ALLEGRI / Alla vigilia della trasferta sul campo della Fiorentina, primo anticipo della 24esima giornata del campionato di Serie A, Massimiliano Allegri incontra i giornalisti nella consueta conferenza stampa. Calciomercato.it riporta in diretta per voi le dichiarazioni del tecnico della Juventus. "Per noi domani è una partita importante per i tre punti, per loro per la rivalità. Ogni anno ci tengono particolarmente a vincere contro di noi e l'anno scorso ci sono riusciti. Hanno una squadra giovane tra cui spicca Chiesa e sono secondi in classifica in Serie A per il numero di conclusioni in porta".

DUBBI DI FORMAZIONE - "C'è la possibilità che giochi Marchisio dal primo minuto. Il cambio modulo lo valuto oggi, ma non siamo in emergenza: mancano solo Dybala, Cuadrado, Hoewedes e Matuidi. Domani va in campo la miglior formazione per vincere. Poi da sabato penseremo al Tottenham. Asamoah? E' tanto che non fa il centrocampista, devo rifletterci bene. Nessuno ha bisogno di riposare: abbiamo giocato domenica, sono passati cinque giorni... Rugani aveva avuto un fastidio al flessore, per questo l'ho fatto riposare. L'unico dubbio è a destra, ma penso che giocherà Lichtsteiner. Douglas Costa è pronto ma non credo che partirà dall'inizio. Alex Sandro è cresciuto: ha giocato meglio tecnicamente, lui si è dato l'obiettivo di migliorare sotto questo punto di vista. In porta gioca Buffon".

BERNARDESCHI - "Federico sta bene e credo che meriti di giocare una partita importante come quella di domani. Bernardeschi non è scappato da Firenze, ha fatto una scelta professionale, quindi i tifosi lo dovrebbero accogliere in un certo modo. E' normale che per lui sia una gara particolare, i tifosi lo fischieranno perché gioca nella Juventus e lo vorranno mettere in difficoltà".

HIGUAIN - "Sono molto contento di quello che sta facendo, sta crescendo anche dal punto di vista mentale ed è un esempio per la squadra.

I risultati si ottengono mettendo la squadra davanti agli obiettivi personali e Gonzalo lo sta facendo: poi i gol per lui arriveranno sempre".

DYBALA - "In panchina col Tottenham? Non l'ho ancora visto... Allenarsi da solo non è come allenarsi coi compagni. Con gli 'Spurs' comunque non è l'ultima partita dell'anno quindi non ha senso prendersi dei rischi. Si può fare per una finale, come a Berlino con Barzagli".

Juventus, Allegri: "200 panchine? Spero di farne tante altre ancora"

200 PANCHINE CON LA JUVE - "Sono contento per i risultati che i ragazzi mi hanno regalato in questi 3 anni e mezzo e per il rapporto con la società. Speriamo di farne ancora tantissime, ma tutto dipende dai risultati a partire da domani: ci aspetta una partita difficile. E' un bel periodo perché iniziano le partite da dentro o fuori, anche se non in campionato dove ci sono ancora tanti punti a disposizione. Ma poi martedì torna la Champions e a fine mese l'Atalanta per andare o meno in finale di Coppa Italia. Chiellini dice che Guardiola ha rovinato i difensori? E' un discorso troppo ampio che parte dal settore giovanile, dove si fa troppa teoria e poca pratica".

SCUDETTO - "Per vincere il campionato servirà fare tanti punti vista la media che stiamo tenendo noi e il Napoli. Vediamo dove saremo il 18 marzo prima della sosta. Allora saranno passate tante partite, ma è inutile pensarci adesso: il campionato si deciderà il 20 maggio, questo è poco ma sicuro. Alla fine lo scudetto lo vince la squadra migliore, quella che lo merita. Poi all'interno della stagione non si può giocare sempre al top. Il Napoli ha concentrato tutte le forze sul campionato visto che sono usciti da Coppa Italia e Champions: per noi è una sfida nella sfida, vincere il settimo scudetto di fila che va al di là di ogni immaginazione".

SARRI - "Sarri ha detto che la Serie A somiglia alla Bundesliga con una sola grande squadra che è la Juventus? I numeri dicono che il Napoli è una grande squadra: sta facendo il record di gol e di vittorie. Non è come in Germania: qui c'è un bel duello. Se loro sono lì il merito è di Sarri: gli va dato onore che sta lottando con la Juve che vince da sei anni. Noi abbiamo cambiato tanto, mentre i loro giocatori sono gli stessi dei tempi di Benitez".

 

Scrivi un Commento

Invia Commento

Comments (0)