• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B


Calciomercato > Juventus > Juventus, Sacchi-Allegri: bel gioco contro risultati

Juventus, Sacchi-Allegri: bel gioco contro risultati

L'ex allenatore del Milan unica voce fuori dal coro, ma ai bianconeri va bene così


Allegri e Sarri ©Getty Images
Salvatore Lavino (Twitter @sal85lav)

20/04/2017 15:41

JUVENTUS SACCHI ALLEGRI / Ieri sera è arrivata l'ennesima dimostrazione di forza in questa stagione da parte della Juventus, che sta dettando legge non solo in campionato ma anche in Champions League ed in Coppa Italia, dopo averlo fatto anche nel calciomercato. Con il sesto scudetto consecutivo ormai in tasca (sarà il terzo con Massimiliano Allegri in panchina e presto verrà eguagliato Antonio Conte) e con la finale di coppa da disputare contro la Lazio, è arrivato adesso anche un altro sigillo di qualità per i bianconeri. Barcellona eliminato e qualificazione alle semifinali di Champions League.

Merito del gioco che proprio Allegri ha saputo trasmettere alla squadra, e non solo quello: è una questione di mentalità vincente, di saper adattarsi alle difficoltà, per analizzarle e poterle superare al meglio. E' da interpretare così la scelta dello stesso Allegri di passare al 4-2-3-1 dopo la partita di Firenze in campionato. Un match che ora paradossalmente è da ricordare in maniera positiva. I cambiamenti decisivi che hanno portato la Juventus a migliorarsi sono iniziati in quella fredda serata invernale del 'Franchi'.

Juventus, la 'Signora' di Allegri non è bella ma punta la finale

La Juventus è diventata più solida, efficace e spietata che mai, con buona pace dei cultori del bel calcio, Arrigo Sacchi in primis. L'ex allenatore del Milan è tra i maggiori estimatori di Maurizio Sarri, il nuovo esteta del pallone italiano, che pure con il suo Napoli sta raccogliendo parecchi, meritati, complimenti. A mancare però in casa azzurra sono le vittorie, a dimostrazione di quanto sia difficile coniugare estetica e risultati. E se decidi di competere ad alti livelli devi puntare esclusivamente su quest'ultimi. Come si può capire dalle ultime news Juventus, i successi aiutano a cementificare anche i rapporti, con la società bianconera che ora è ben decisa a tenersi stretto il proprio allenatore.

In questi casi è proprio il tecnico ad essere la prima garanzia di vittoria: lo sanno bene pure a Madrid, dove il Real non incanta per gioco espresso, ma grazie ai fior campioni che dispone è approdato in semifinale nella massima competizione europea, al pari della Juve. Gli uomini di Zidane hanno sofferto proprio contro il Napoli agli ottavi, avendo la meglio però grazie alla solidità ed alla mentalità vincente apportata dal francese, assieme ad una maggiore serenità nello spogliatoio. Sono questi gli aspetti che fanno fare la differenza e che anche Diego Pablo Simeone mette in pratica da anni sull'altra sponda della Capitale spagnola. Pure il suo Atletico è famoso per giocare un calcio 'brutto e di successo'. E, come dice Allegri, se vuoi divertirti puoi sempre andare al circo. Intanto vincere aiuta a vincere ed a comprare campioni sempre più forti.

 

 




Commenta con Facebook

.
.