• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Brasile > Chapecoense, il ricordo di Romulo: "Ho perso tanti amici"

Chapecoense, il ricordo di Romulo: "Ho perso tanti amici"

Il centrocampista del Verona ha militato nel club brasiliano nel 2009


Romulo, ex Juventus © Getty Images

29/11/2016 19:39

NEWS CHAPECOENSE / Il disastro aereo in cui sono scomparsi molti dei giocatori e dei componenti dello staff della Chapecoense ha sconvolto il mondo del calcio. Ai microfoni di 'Sky', è intervenuto Romulo, centrocampista brasiliano del Verona ed ex Juventus, che nel 2009 vestì la maglia della Chape: "Sì, conoscevo tante persone dello staff, poi c'erano alcuni miei ex compagni. Purtroppo sono andati via. Per me è un momento molto difficile per parlare, mi è venuto da piangere. Erano amici, persone con cui avevo un rapporto molto bello. Sei anni fa ero lì con loro, stamattina quando ho letto quello che è successo... Ancora non ci credo. È un giorno veramente molto triste, è difficile dire qualcosa in questo momento. Winck? Io non l'ho contattato perché il mio procuratore mi ha chiamato dicendomi che aveva già parlato con suo padre e che gli aveva detto che stava bene, che non era sull'aereo. Era molto triste, tutta la città è desolata. Stanno aspettando le notizie perché non si sa ancora cosa sia successo, chi è veramente sopravvissuto e tutto quanto. La Chapecoense? Era una squadra non tra le big in Brasile, però molto organizzata. Ha una tifoseria veramente spettacolare, una delle più belle in Brasile. Società molto organizzata, mi avevano trattato benissimo, ho dei bei ricordi lì. Ho il piacere di far parte della storia di quel club e per questo sono ancora più triste. Cosa posso dire, è difficile trovare le parole".

L.P.

 




Commenta con Facebook