• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Italia > Italia, Alex Telles 'chiama' Ventura: "Disponibile a vestire l'Azzurro"

Italia, Alex Telles 'chiama' Ventura: "Disponibile a vestire l'Azzurro"

Il terzino ex Inter, ora al Porto:"Penso alla nazionale italiana"


Telles © Getty Images

13/10/2016 09:24

INTERVISTA A ALEX TELLES SU LA GAZZETTA DELLO SPORT / MILANO - L'ex calciatore dell'Inter Alex Telles, ora al Porto, ha rilasciato alcune dichiarazioni a 'La Gazzetta dello Sport'.

NAZIONALE - "Penso alla nazionale italiana. Io sono brasiliano, ma con i bisnonni italiani mi sento italiano. Sarei disponibile a vestire la maglia azzurra, ma prima devo pensare di fare bene il mio lavoro al Porto. Se faccio bene qui qualcosa può arrivare". Fernando Otto, agente di Alex Telles, aveva già rivelato in esclusiva a Calciomercato.it il gradimento del suo assistito all'ipotesi Italia.

L'AMBIENTAMENTO AL PORTO - "Va benissimo! Il club trasmette una filosofia vincente, si capisce perché ha avuto grandi giocatori. In Italia ci si allena in base all’avversario. Qui per fare meglio prima di tutto noi. È un calcio più veloce, più aperto".

L'ELIMINAZIONE DELLA ROMA IN CHAMPIONS LEAGUE - "Non si può scegliere l’avversario, sapevamo che sarebbe stata durissima. All’andata, dopo il pareggio, ci era andata bene. Poi, al ritorno, le due espulsioni della Roma ci hanno aiutato. Abbiamo fatto una grande partita: segnare tre gol all’Olimpico non è mai facile".

L'INTER - "Mi mancano Felipe Melo e Juan Jesus, sono sempre stati miei amici, mi hanno aiutato all’Inter. L'anno scorso, dopo l'andata, c'è stato un blackout mentale. Se un compagno non tiene mentalmente, ne risente la squadra. E ti viene difficile anche il gesto più semplice. Abbiamo lavorato bene alla Pinetina, ma la partita è un’altra cosa. Abbiamo perso la concentrazione, il ritmo. Non eravamo pronti per reggere la concentrazione tutto il campionato".

 




Commenta con Facebook