• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Dai campi > PAGELLE E TABELLINO DI ITALIA-IRLANDA

PAGELLE E TABELLINO DI ITALIA-IRLANDA

Bernardeschi delude, Sturaro inadeguato, Thiago Motta in confusione, Brady gol storico.


brady21.jpg
Davide Ritacco

22/06/2016 22:55

ECCO LE PAGELLE DI ITALIA-IRLANDA

 

 

ITALIA

Sirigu 6 – La prima vera parata arriva al 20’ sul colpo di testa di Murphy. Nelle furibonde mischie è sempre pronto ad intervenire con convinzione trasmettendo sicurezza con una parata nel finale miracolosa. Nulla da fare contro Brady.  

Barzagli 6,5 – E’ – ancora una volta – il più presente della retroguardia di Conte. Bravo nel gioco aereo e quando c’è da lottare non si sottrae alla battaglia.

Bonucci 5 – Insiste troppo con il lancio alla ‘Giaccherini’. Sotto diffida gioca con il freno a mano tirato non dando lustro delle sue doti rischiando tantissimo nel finale e facendosi beffare da Brady sul gol.    

Ogbonna 6 – Il suoi trascorsi inglesi bene si confanno con l’andamento del match. Bravo a reggere l’onda d’urto irlandese andando spesso allo scontro fisico con successo.

Bernardeschi 5 – Era uno dei giovani più attesi ma ha deluso. Passa il tempo più a terra che in manovra bersagliato dagli Irlandesi. Rischia un fallo da rigore ed evanescente in ogni giocata. Dal 60’ Darmian 5,5 – Anche lui in difficoltà contro la verve irlandese, bada solo a contenere (così così) piuttosto che a spingere.

Sturaro 4,5 – Primo tempo in netta confusione sbagliando molti palloni. Va spesso fuori giri e si perde anche le marcature. Aiuta poco i compagni specialmente Bernardeschi. Fa tanta fatica non trovando mai la posizione giusta in campo.   

Thiago Motta 5 – L’errore gigantesco ad inizio ripresa in disimpegno fa correre un brivido sulla schiena dei tifosi azzurri. Non riesce a prendere per mano la nazionale e dettare i tempi di gioco. Molto schiacciato sbagli molti appoggi.

Florenzi 5,5 – Non riesce ad entrare nei meccanismi della squadra. Appare fuori forma eppure le migliori azioni dell’Italia nascono dai suoi piedi.

De Sciglio 6 – L’Irlanda spinge più dall’altra parte ma quando prova a pungere dalla sua parte, soffre. In compenso è uno dei pochi ad arrivare sul fondo e provare a crossare. Dal 81’ El Shaarawy s.v.  

Zaza 5,5 – Gioca con la solita grinta e determinazione ma palloni giocabili pochi. Ad inizio ripresa riceve il primo pallone e sfiora la traversa ma anche tanti errori nelle sponde.  

Immobile 6 – E’ l’unico azzurro che prova a tirare in porta nel primo tempo. La penuria di rifornimenti non possono farlo esprimere come avrebbe voluto. Dal 75’ Insigne 6,5 – Grande impatto sul match. Alla prima palla utile colpisce un palo clamoroso. Un motivo in più per scalare posizioni in una Italia priva di fantasia.

C.T. Conte 5,5 – Questa Italia gioca con uno spirito diverso, diverso soprattutto rispetto alla voglia degli Iralndesi di vincere la partita e l’Italia di Conte senza spirito è una squadra normale. Insigne merita più spazio così come El Shaarawy. Sconfitta, la prima, meritata.   

 

IRLANDA

Randolph 6 – Il primo squillo arriva da Immobile ma riesce a tenere i guantoni immacolati per quasi tutta la partita. Il palo gli dà una mano sul colpo da biliardo di Insigne.

Coleman 6,5 – Il capitano incarna la grinta di tutto il popolo Irlandese voglioso di un’impresa. Spinge abbastanza da mettere in difficoltà De Sciglio.

Duffy 6,5 – Fa buona guardia e sfiora il gol nel primo tempo ma non appena viene messo sotto pressione emergono tutti i suoi limiti tecnici. Nel finale è su tutti i palloni.  

Keogh 6 – Discorso simile a quello del collega di reparto. Anche lui se pressato va in difficoltà, pur essendo l’addetto alla manovra da dietro.  

Ward 7 – Grande sfida con Bernadeschi al quale riserva un trattamento ‘speciale’ annullando il giovane azzurro. Spinge tantissimo sulla sinistra lavorando benissimo con Brady.   

Hendrick 7 – Parte forte spaventando gli azzurri con un tiro dal limite che lambisce il palo. E’ un moto perpetuo nel centrocampo di O’Neill. Sempre pericoloso con le sue incursioni ma per fortuna dell’Italia è impreciso.  

McClean 6,5 – Ritmi alti con incursioni continue. La sua posizione tattica è quella che mette più in difficoltà gli azzurri. E’ protagonista del fallo subìto in area da Bernadeschi, meritava il rigore.  

McCarthy 6 – Forse è il meno propositivo degli uomini di O’Neill ma non per questo il più fermo. Anche lui in quanto a km percorsi non fa difetto ma rispetto ai compagni ha lasciato meno il segno. Dal 77’ Hoolahan s.v.

Brady 7,5 – E’ il migliore degli Iralndesi e non solo per il gol. Sempre pronto a puntare gli avversari combinando bene sulla catena di sinistra con Ward. Miscela corsa e tecnica e mette in difficoltà Bernardeschi prima e Darmian poi.  

Murphy 6,5 – Ogni Pallone viene lavorato da lui. Impone la sua grande mole e va vicino al gol al 20’ con un colpo di testa. Finisce sfinito. Dal 70’ McGeady 6,5 – Si posiziona a destra e con le sue finte prova a smantellare le linee azzurre. Suo l’assist per il gol storico.  

Long 7 – Il folletto, compagno di squadra di Pellè al Southampton, ronza sempre intorno alla difesa dell’Italia. Cliente scomodo, sa pungere e pressare con una corsa forsennata. Dal 90’ Quinn s.v.

C.T. O’Neill 7 – Tante novità per sorprendere l’Italia e giocarsi la qualificazione ma il tema tattico è sempre lo stesso: palla lunga sulla punta centrale e tanta corsa. Con questa vittoria raggiunge gli ottavi passando da migliore terza. Missione compiuta.  

 

Arbitro: Hategan 5 – All’inizio lascia molto correre favorendo il gioco aggressivo degli irlandesi. Grazia prima Coleman e poi Hendrick che potevano essere passibili di giallo. Sorvola su un fallo di Bernadeschi su McClean alla fine del primo tempo ma il rigore poteva starci. Diventa severo nel finale ammonendo con eccesso di zelo.    

 

TABELLINO

 

ITALIA-IRLANDA 0-1

Italia (3-5-2): Sirigu; Barzagli, Bonucci, Ogbonna; Bernardeschi (dal 60’ Darmian), Sturaro, Thiago Motta, Florenzi, De Sciglio (dal 81’ El Shaarawy); Zaza, Immobile (dal 75’ Insigne). A disp.: Buffon, Marchetti, Chiellini, De Rossi, Parolo, Giaccherini, El Shaarawy, Pellè, Eder. C.T.: Conte

Irlanda (4-3-3): Randolph; Coleman, Duffy, Keogh, Ward; Hendrick, McClean, McCarthy (dal 77’ Hoolahan); Brady, Murphy (dal 70’ McGeady), Long (dal 90’ Quinn). A disp.: Westwood, Clark, O’Shea, Whelan, Keane, Christie, Given, Meyler. All. O'Neill

Arbitro: Ovidiu Hategan (ROM)

Marcatori: 85’ Brady (E)

Ammoniti: 39’ Long (E), 39’ Sirigu (I), 73’ Ward (E), 79’ Barzagli (I), 89’ Zaza (I), 91’ Insigne (I)

Espulsi: 




Commenta con Facebook