• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Pagelle > PAGELLE E TABELLINO DI BELGIO-IRLANDA

PAGELLE E TABELLINO DI BELGIO-IRLANDA

Lukaku e Witsel riportano il Belgio in corsa, male Carrasco, Hazard ancora in ombra.


GettyImages-541034040.jpg
Davide Ritacco

18/06/2016 17:00

ECCO LE PAGELLE DI BELGIO-IRLANDA

BELGIO

Courtois 6 – Praticamente mai impegnato dall’Irlanda, però infonde sicurezza prendendo ogni pallone sulle uscite alte.

Meunier 7 – Fatica a trovare l’intesa con Carrasco sulla catena di destra ma quando scende, arriva sempre in fondo e serve l’assist a Witsel.

Alderweireld 6,5 – E’ il perno della difesa di Wilmots. Il più convincente e sicuro nel dirigere e chiudere ogni falla ed anche il più pericoloso in attacco nel primo tempo.  

Vermaelen 6 – La prestazione del difensore ‘fantasma’ del Barcellona è ricca di chiaro/scuri. Evidentemente gli manca il ritmo partita.   

Vertonghen 6 – La linea difensiva del Belgio (senza il suo leader Kompany) non è sempre precisa e lui da terzino sinistro fa più fatica.

Dembelè 7 – Preferito a Nainggolan e Fellaini, il calciatore del Tottenham conferma il suo buon momento di forma ed insieme a Witsel formano un’ottima coppia di centrali di centrocampo. La sua fisicità contro i coriacei Irlandesi è determinante. Peccato per l’infortunio. Dal 57’ Nainggolan 6 – Al cospetto di Dembelè le sue quotazioni sono a ribasso ma è comunque il primo rincalzo.

Witsel 7 – L’oggetto del desiderio di molte squadre italiane conferma le sue ottime doti da centrocampista totale. Bravo a dirigere il gioco e confortato da Dembelé si permette anche qualche esercizio di stile. Trova il gol con una delle sue migliori qualità: l’inserimento.  

Carrasco 5,5 – Una prestazione inconsistente, lontano parente del fantastico calciatore ammirato nella finale di Champions League. Il fallo subito a fine primo tempo anticipa solo il suo destino. Dal 63’ Mertens 6 – Entra a gara praticamente già chiusa ma dimostra sempre grande voglia di giocare entrando sempre con lo spirito giusto.

De Bruyne 7 – Schierato nella sua posizione preferita è molto di più nel vivo del gioco e tutta la manovra belga ne beneficia. Suo l’assist per il primo gol di Lukaku.  

Hazard 6 – Timido non prova mai l’uno contro uno che sarebbe uno dei suoi punti di forza. Sbaglia un’ottima occasione nel primo tempo. Resta in ombra per tutta la partita, l’unico lampo è l’assist per il terzo gol.

R. Lukaku 7,5 – Si sblocca il gigante dell’Everton. Una doppietta che però è frutto di un gioco finalmente ritrovato. Protagonista del primo gol quando fa partire il contropiede e chiude l’azione mentre sul secondo è freddo davanti a Randolph. Dal 82’ Benteke s.v.

C.T. Wilmots 6,5 – Dopo la brutta prestazione contro l’Italia stravolge il suo Belgio costretto a vincere: ne fanno le spese Nainggolan e Fellaini. Nel primo tempo ancora qualche lacuna ma nella ripresa con il risultato sbloccato la squadra ha dimostrato di avere facilità nelle giocate. Adesso deve fare punti contro la Svezia, la strada è ancora in salita con qualcosa da perfezionare.     

 

IRLANDA

Randolph 5,5 – Molto sicuro, specie nel primo tempo anche se il Belgio non fa molto per metterlo in difficoltà. L’unica vera parata è sul tiro in fuorigioco di Carrasco. Il tiro di Lukaku è imparabile mentre sul colpo di testa di Witsel avrebbe potuto fare di più.

Coleman 6 – Deve vedersela prima con Hazard e poi con Carrasco in ogni caso fa una buona figura anche se le migliori azioni del Belgio arrivano dalla sua parte.

Clark 5 – Si fa sorprendere dall’inserimento di Witsel non anticipando il colpo di testa sul cross di Maunier. Peggio ancora in occasione del terzo gol del Belgio.  

O’Shea 5,5 – Prova a tenere a bada Lukaku ingaggiando una lotta fra giganti. L’attaccante belga però sa staccarsi e trovare il gol.

Ward 5,5 – Partita lineare senza grandi spunti. Con un Carrasco sottotono ha vita facile va più in difficoltà con Mertens.

McCarthy 5,5 – Non riesce a cambiare passo nelle rare occasioni l’Irlanda potrebbe ripartire in velocità. Costretto a ripiegare sempre all’indietro fa più fatica. Dal 63’ McClean 5,5 – Entra quando il Belgio è ancora in vantaggio di un solo gol ma non riesce a rendersi utile per resistere alla marea rossa.

Whelan 5 – E’ l’uomo designato a dirigere i lavori e dettare i tempi ma la palla è sempre nei piedi degli avversari. La vede poco.

Hendrick 6,5 – Il più intraprendente degli uomini di O’Neill. Sciupa un paio di occasioni interessanti ma resta fra i più combattivi e si butta sempre dentro.

Brady 6 – Corre a perdifiato cercando di accorciare le distanze con Long ma il serbatoio si svuota presto.  

Hoolahan 5,5 – E’ l’uomo di maggiore talento ma non riesce a metterlo a disposizione della squadra risucchiato dalla manovra belga e imbrigliato fra le maglie dei ‘diavoli rossi’. Salva sulla linea un colpo di testa di Alderweireld. Dal 70’ McGeady 5,5 – Non riesce a cambiare l’inerzia di un match ormai segnato. Se è possibile fa più fatica del compagno.

Long 6 – Da solo lì davanti ha il compito di fare a sportellate e cercare di tenere palla giusto il tempo di far salire qualche compagno. Un compito ingrato che però mette in difficoltà la difesa del Belgio. Dal 79’ Keane s.v.  

C.T. O’Neill 5 – Costretto a fare meno di Walters, rafforza il centrocampo e lascia il solo Long in attacco a fare da boa di riferimento. La sua Irlanda galleggia fra il 4-4-1-1 e il 4-2-3-1 ma il tema tattico è fedele sempre al motto molto anglosassone ‘kick and run’. Anche una vittoria contro l’Italia potrebbe non bastare.  

 

Arbitro: Cakir 5,5 – Direzione di gara lineare, ben coadiuvato dagli assistenti, come in occasione del gol annullato a Carrasco per un fuorigioco netto. Qualche dubbio all’alba dell’azione che porta al gol di Lukaku: intervento ruvido di Alderweireld e Vermaelen su Long in area belga, poteva starci un gioco pericoloso ma anche qualcosa in più. Gli Irlandesi protestano ancora al 54’ per un presunto fallo di mano di Witsel.

 

TABELLINO

BELGIO-IRLANDA 3-0

Belgio (4-2-3-1): Courtois; Meunier, Alderweireld, Vermaelen, Vertonghen; Dembelè (dal 57’ Nainggolan) , Witsel; Carrasco (dal 64’ Mertens), De Bruyne, Hazard; R. Lukaku (dal 82’ Benteke). A disp.: Mignolet, Gillet, Denayer, Fellaiini, Origi, Kabasele, J.Lukaku, Batshuayi, Ciman. C.T. Wilmots

Irlanda (4-4-1): Randolph; Coleman, Clark, O’Shea, Ward; McCarthy (dal 62’ McClean), Whelan, Hendrick, Brady; Hoolahan (dal 71’ McGeady); Long (dal 79’ Keane). A disp.: Westwood, Keogh, Duffy, Christie, Given, Meyler, Murphy, Quinn. C.T. O’ Neill

Arbitro: Cuneyt Cakir (TUR)

Marcatori: 48’, 70’ R.Lukaku (B), 61’ Witsel (B)

Ammoniti: 43’ Hendrick (I), 50’ Vermaelen (B)

Espulsi: -




Commenta con Facebook