• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Italia > Italia-Svezia, Chiellini: "Gli italiani fanno fatica ad accettare gli oriundi"

Italia-Svezia, Chiellini: "Gli italiani fanno fatica ad accettare gli oriundi"

Il difensore azzurro nel post partita contento per Eder


Ibrahimovic e Chiellini © Getty Images

17/06/2016 17:16

ITALIA SVEZIA CHIELLINI / TOLOSA (Francia) - Giorgio Chiellini dai microfoni di 'Sky' commenta il risultato di Italia-Svezia

ASSIST CON LE MANI- "Da ragazzo ne facevo di più, ma Zaza ed Eder hanno fatto una grande giocata. Martin da un paio di giorni aveva il piede caldo e sono contento che si prende il suo momento di gloria: noi italiani fanno un po' fatica ad accettare questi oriundi, invece sono ragazi che si meritano il massimo". 

IBRAHIMOVIC- "E' andata bene perché abbiamo vinto. E' normale che si creino dei duelli. E' un grandissimo campione, se non ci fossero stati Messi e Ronaldo avrebbe avuto tanti Palloni d'Oro a casa. Oggi siamo stati bravi, tutti, e anche in una giornata non facile abbiamo confermato di essere una squadra solita". 

AMMONIZIONE - "Sarebbe stata meglio prenderla, invece l'ha presa Buffon. C'eravamo io e Bonucci..."

ZLATAN E GLI ERRORI - "Abbiamo fatto un brutto primo tempo, lo sappiamo anche noi - ha poi dichiarato Chiellini a 'Rai Sport' - Abbiamo sbagliato tanto e troppo a prescindere dalle qualità del nostro avversario. Non abbiamo rischiato niente e siamo andati avanti consapevoli dell'importanza di questa partita, trovando le giocate che non eravamo riusciti a trovare nel primo tempo. Abbiamo messo a servizio della squadra le qualità, Eder ha fatto quello che sa fare, partendo in velocità contro difensori forti fisicamente. Abbiamo patito un po' la prima giornata calda vissuta da quando siamo in Francia, ma siamo stati sempre sul pezzo rischiando quasi niente. Il duello con Ibrahimovic? E' stato un osso duro, ci ha messo in difficoltà. Quando incontri uno come Zlatan bisogna avere sempre un occhio di riguardo perché può decidere la partita da un momento all'altro. Siamo stati bravi perché lo abbiamo limitato, la Svezia non sarà solo Ibrahimovic ma ha una grande incidenza sul loro reparto offensivo".

B.D.S.




Commenta con Facebook