• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Champions league > Champions League, Real Madrid-Atletico Madrid: numeri e curiosità

Champions League, Real Madrid-Atletico Madrid: numeri e curiosità

Stasera al 'Meazza' la finale della più importante competizione europea


Filipe Luis e Cristiano Ronaldo ©Getty Images
Maurizio Russo

28/05/2016 10:00

CHAMPIONS LEAGUE REAL ATLETICO MADRID CURIOSITA' / MILANO - Questa sera al 'Meazza' di Milano va in scena la finale di Champions League tra Real Madrid e Atletico Madrid. Si tratta del secondo derby madrileno nell'ultimo atto della massima competizione europea negli ultimi tre anni: nel 2014 a Lisbona le 'Merengues' si imposero 4-1 ai tempi supplementari sui 'Colchoneros'. Il Real ebbe la meglio sui cugini anche nel doppio confronto in semifinale nell'edizione 1959 e nei quarti di finale della passata stagione. I blancos si sono aggiudicati il trofeo dieci volte: cinque di seguito nelle prime cinque edizioni tra il 1956 ed il 1960, poi nel 1966, 1998, 2000, 2002 e appunto nel 2014. Le vittime sono state Reims (due volte), Fiorentina, Milan, Eintracht Francoforte, Partizan Belgrado, Juventus, Valencia, Bayer Leverkusen ed Atletico Madrid. Tre invece le finali perse contro Benfica, Inter e Liverpool. I biancorossi, invece, non hanno mai alzato la Coppa dalle grandi orecchie, perdendo entrambe le finali disputate: nel 1974 contro il Bayern Monaco e quella di anni fa già ricordata. La formazione allenata da Zidane può essere la prima ad arrivare ad 11 trofei, staccando ulteriormente il Milan (fermo a 7) nell'albo d'oro della Champions League, mentre quella di Simeone potrebbe essere la ventitreesima diversa squadra ad aggiudicarsi il trofeo, la terza spagnola oltre a Real e Barcellona.

La città di Milano ospiterà la finale per la quarta volta nella storia: il primo precedente risale al 1965, quando l'Inter ebbe la meglio sul Benfica 1-0. Nel 1970, invece, si andò ai tempi supplementari, con il Feyenoord che si impose 2-1 sul Celtic. Infine nel 2001, ci fu bisogno dei calci di rigore (1-1 al 120', ndr) per far sì che il Bayern Monaco prevalesse sul Valencia. E' la quinta volta che in finale si affrontano due squadre della stessa Nazione: nei precedenti il Real Madrid ha battuto Valencia ed Atletico Madrid, mentre negli altri casi il Milan sconfisse la Juventus, il Manchester United sul Chelsea ed il Bayern Monaco sul Borussia Dortmund. Il bilancio totale delle 'Merengues' nei derby europei è di 10 vittorie, 5 pareggi e 3 sconfitte, mentre i 'Colchoneros' vantano 6 vittorie, 4 pareggi e 3 sconfitte. Qualora si dovesse andare ai calci di rigore, invece, entrambe le squadre 'tremerebbero' visto i precedenti: un successo e due sconfitte per il Real, due vittorie (una negli ottavi di finale di questa stagione) e tre sconfitte per l'Atletico. 

Per Zidane si tratta ovviamente della prima finale in carriera da allenatore. Sollevare la coppa sia da giocatore che da allenatore sarebbe un prestigioso traguardo per il tecnico del Real Madrid, che sarebbe il primo francese a riuscire nel 'double'. Inoltre Zizou potrebbe entrare diventare il settimo tecnico a vincere la massima competizione europea alla prima stagione dopo Miguel Muñoz, Tony Barton, Guus Hiddink, Joe Fagan, Vicente del Bosque e Josep Guardiola. Per Simeone, invece, si tratta della seconda finale di Champions da allenatore, la quarta a livello europeo dopo l'Europa League e la Supercoppa Europea vinte nel 2012. Il 'Cholo', inoltre, potrebbe diventare il terzo argentino (e in generale non europeo) a vincere la competizione dopo Luis Carniglia ed Helenio Herrera. Infine una curiosità su Cristiano Ronaldo: con 16 gol è il capocannoniere della competizione e se dovesse segnare in finale non solo eguaglierebbe il suo record di 17 reti in una edizione di Champions, ma entrerebbe nella storia come primo giocatore ad iscrivere il suo nome sul tabellino dei marcatori in tre finali diverse.




Commenta con Facebook