• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Italia > Italia, Conte: "Non aspetto nessuno. Ballottaggio davanti. Pirlo? Con certe scelte..."

Italia, Conte: "Non aspetto nessuno. Ballottaggio davanti. Pirlo? Con certe scelte..."

Le parole del commissario tecnico azzurro in conferenza stampa


Antonio Conte © Getty Images
Lorenzo Polimanti (@oldpoli) / Omar Parretti (@omarJHparretti)

24/05/2016 13:55

ITALIA CONFERENZA STAMPA BUFFON / COVERCIANO - Il conto alla rovescia è ufficialmente partito, l'Europeo francese è sempre più vicino. Ieri il Ct Antonio Conte ha diramato la lista dei 30 nomi dai quali usciranno i convocati per Euro 2016, oggi è giorno di test ed in conferenza stampa interviene il commissario tecnico per fare il punto sulle ultime news Italia. Ecco le parole raccolte da Calciomercato.it.

PRECONVOCATI - "Per adesso partiamo col dire che sono ancora 30 giocatori e vanno fatte delle scelte. Penso che siamo arrivati a questo numero per via anche di alcuni infortuni e scelte tecnico-tattiche. Ho scelto con la mia testa pensando di portare i migliori che ci sono secondo me in questo momento. So benissimo che è sempre difficile trovare tutti d'accordo, però ho scelto con la mia testa, in base al mio credo, in base a quanto fatto nei due anni e quello che vogliamo fare all'Europeo. Insigne? Fa parte dei 30 e come tutti si preparerà questa settimana al termine della quale ci saranno le scelte dei convocati. Sinceramente ho pochi dubbi, nella mia testa ho già un progetto preciso dei 23. Questa settimana lavoreremo come fatto la settimana scorsa, valuteremo le condizioni di Montolivo e Motta. Il fatto che oggi non siano disponibili può avere un peso importante in vista delle scelte".

EMERGENZA - "Gli infortuni di Verratti e Marchisio hanno un po' alterato alcune situazioni, adesso ci sono questi intoppi di Montolivo e Motta, però dobbiamo essere bravi a trovare adeguate soluzioni".

PIRLO - "Ci siamo sentiti, abbiamo parlato. Avevo comunque la necessità di sentire, abbiamo mandato persone in America e hanno valutato per sette giorni Andrea e Giovinco. Quando fai una scelta del genere, andando in America, devi sapere che poi in termini di calcio puoi pagare delle conseguenze. Abbiamo valutato, abbiamo fatto delle scelte tecniche senza lasciare niente al caso. Chi può pensare diversamente sbaglia. Siamo stati presenti in lungo e largo per cercare di arrivare con le idee ben chiare e precise. Nella mia testa sono sicuro di aver scelto i 30 che danno le maggiori garanzie al netto degli infortuni".

TEST - "I test che stiamo facendo ci danno delle risposte su come stanno i ragazzi, ma anche su come possiamo riportare in condizioni chi è un po' indietro. Questo ci dà indizi importanti, ma non fanno le convocazioni".

GLI ESCLUSI - "Ci sono dei ballottaggi, due massimo tre ecco uno in attacco (poi rispondendo su Insigne: "Perché deve essere proprio lui?!"), ma le idee sono molto chiare e personalmente sono sereno. Ai ragazzi chiedo solo di sognare. Ho fatto scelte dolorose come l'esclusione di Acerbi, De Silvestri e Soriano, che era stato con noi tutto il tempo. Devo valutare tutto, aspetto tattico, fisico, mentale".

MONTOLIVO E MOTTA - "Non sono qui a caso. Voglio vedere in quanto riescono ad entrare in gruppo. Serve gente preparata dal punto di vista tattico e fisico, è logico che non si possa attendere nessuno, lo dico in maniera serena".

INSIGNE COME GIOVINCO - "Lo vedevo bene come una punta quando eravamo nella stessa squadra. Insigne può fare lo stesso, sicuramente ci sono delle similitudini".

CASO IZZO - "Non ho avuto modo di parlare con lui, non l'ho fatto prima delle convocazioni e non lo faccio ora. Sono situazioni particolari e mi fermo qua...".

BLOCCO JUVE - "La difesa rappresenta una certezza, una garanzia dalla quale partire. Sono un gruppo con il quale ho lavorato e che ha vinto molto negli ultimi anni".

PROSSIMO CT? - "Il Presidente Tavecchio ha la sua testa e ha sempre preso grandi decisioni. Mi cercò con insistenza e ne sono onorato, farà la sua scelta senza farsi influenzare".




Commenta con Facebook