• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Torino > Calciomercato Torino, modulo, acquisti e tagli: ecco cosa cambia con Mihajlovic

Calciomercato Torino, modulo, acquisti e tagli: ecco cosa cambia con Mihajlovic

L'approdo del tecnico serbo sulla panchina granata comporterà dei cambi sostanziali


Sinisa Mihajlovic ©Getty Images
Daniele Gargiulo

20/05/2016 14:34

CALCIOMERCATO TORINO MIHAJLOVIC ACQUISTI CESSIONI / ROMA - L'approdo di Sinisa Mihajlovic al Torino sembra essere solo una formalità. Dopo un lustro l'era Ventura è giunta al capolinea e dalla prossima stagione i tifosi granata assisteranno ad una vera rivoluzione in campo. Sì, perché la prima cosa che cambierà sarà il modulo: dopo anni di 3-5-2, col serbo in panchina il 'Toro' tornerà ad essere schierato con la difesa a 4. Infatti, gli schieramenti più utilizzati da Mihajlovic sono i seguenti: 4-2-3-1, 4-3-3- e 4-3-1-2, tutti quanti adottati nelle sue precedenti avventure alla guida della Fiorentina, del Catania, della Sampdoria e del Milan, dove ha avuto modo di sperimentare anche un più classico 4-4-2. Ma i suoi principi tattici lo spingono verso le prime alternative, quest'ultima è stata una soluzione temporanea per garantire al 'Diavolo' maggiore equilibrio.

CALCIOMERCATO - Il nuovo Torino ripartirà certamente da Nikola Maksimovic: il difensore a lungo corteggiato dal Napoli è un pupillo di Mihajlovic, che lo ha lanciato in nazionale appena ventenne. "E' una guida per me. E’ stato lui a consigliarmi di trasferirmi il prima possibile in Italia quando ero alla Stella Rossa", ha ammesso tempo fa lo stesso Maksimovic in un'intervista a 'La Gazzetta dello Sport'. Chi non potrebbe più esserci, invece, è Maxi Lopez col quale l'allenatore di Vukovar ha avuto un rapporto caratterizzato da alti e (molti) bassi. Motivo per il quale in estate il Torino potrebbe operare un nuovo innesto in avanti. E le due piste più probabili potrebbero portare ad altri suoi 'figliocci': Manolo Gabbiadini e Luis Muriel. Il primo è esploso con maglia della Sampdoria sotto la sua guida, il secondo è stato fortemente voluto proprio dal serbo per sostuirlo quando è arrivata la chiamata del Napoli. A centrocampo il sogno è Juraj Kucka, definito dallo stesso allenatore un 'carro armato', mentre in difesa potrebbe chiedere l'acquisto di Matias Silvestre, leader della sua retroguardia sia a Catania che a Genova. Infine, nella rosa del Torino manca un trequartista puro (un ruolo nel quale si potrebbero adattare Baselli o Benassi), ma per sopperire a tale mancanza Mihajlovic potrebbe riportare in Italia un altro suo ex: quel Pablo Barrientos che ha svezzato sette anni fa in Sicilia e che ha una voglia matta di giocare nuovamente in Italia.




Commenta con Facebook