• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Inter > Calciomercato Inter, sacrifici e più qualità: ecco la formazione 2016/17 di Mancini

Calciomercato Inter, sacrifici e più qualità: ecco la formazione 2016/17 di Mancini

Handanovic, Murillo, Brozovic e Icardi i più corteggiati. In entrata, dopo Banega, i sogni sono Candreva e Biglia


Roberto Mancini © Getty Images
Lorenzo Polimanti (@oldpoli)

02/05/2016 11:55

CALCIOMERCATO INTER 2016-2017 MANCINI HANDANOVIC ICARDI BANEGA CANDREVA / MILANO - L'obiettivo stagionale era la qualificazione alla prossima Champions League: ampiamente alla portata dopo la partenza sparata, ma non è stato centrato. La sconfitta dell'Inter in casa della Lazio certifica matematicamente l'addio al terzo posto e non blinda definitivamente la quarta piazza, comunque solida con quattro lunghezze di vantaggio sulla Fiorentina, che vale l'accesso diretto all'Europa League. Europa League che, però, costringerà inevitabilmente a rivedere le strategie di calciomercato Inter, che in sede di calciomercato potrebbe essere costretta a sacrificare uno o più dei suoi big. Dal futuro di Handanovic e Icardi, all'arrivo di Banega ed il sogno Candreva, il calciomercato scalda i motori e si progetta già l'Inter 2016/2017. Che non potrà restare ancora una volta fuori dall'Europa che conta.

DA HANDANOVIC A ICARDI: UNA FORMAZIONE IN BILICO

L'Inter potrebbe essere costretta a fare un sacrificio eccellente, come detto. Ed i nomi per monetizzare non mancano in una rosa che in questa stagione ha valorizzato molti elementi interessanti. A partire dalla base, dalla difesa. Dove Samir Handanovic è tornato il portierone che aveva fatto innamorare gli interisti, ma nel post-partita di Lazio-Inter si congeda con un "nel calcio non si sa mai" rispondendo alle domande sul suo futuro, che aggiunto ai più antichi rumors sulla sua voglia di giocare in Champions League ed i 32 anni da compiere a luglio cominciano a fare quasi una prova. Poi Miranda e Murillo, perni di una difesa che nella cavalcata iniziale si era dimostrata impermeabile, a tratti imbattibile, e che sono finiti inevitabilmente nei radar delle big europee. Improbabile pensare alla doppia cessione, soprattutto dopo che Miranda ha annunciato di voler restare anche senza Champions League. Ma i top club inglesi, il Bayern Monaco ed il Barcellona non avrebbero problemi a presentare un assegno in grado di far vacillare l'Inter, soprattutto per il colombiano. A centrocampo, invece, è Marcelo Brozovic il pezzo pregiato. In Inghilterra si parla già di possibile asta e l'idea di piazzare una succosa plusvalenza ad un anno e mezzo dall'acquisto potrebbe convincere i nerazzurri a privarsi di un talento che Mancini coccola e punzecchia, rimarcandone le qualità e sottolineandone le grandi lacune in certe partite. Infine l'attacco: tutto ruota praticamente attorno a Mauro Icardi, finito di recente pure nel mirino della Roma. La priorità è trattenerlo a Milano, vista la media realizzativa spaventosa per un giocatore della sua età, ma offerte superiori ai 40 milioni di euro sarebbero difficilmente declinabili. Poi Ivan Perisic, entrato sempre più nei meccanismi interisti e diventato finalmente il giocatore tanto voluto da Mancini. Ma se ne è accorto pure Conte, che lo vorrebbe al Chelsea. Difficile invece la conferma di Stevan Jovetic, che potrebbe dar vita ad una nuova operazione 'alla Shaqiri': non ha convinto, e dopo il riscatto obbligatorio dal Manchester City potrebbe essere ceduto altrove.

Una lunga lista di big, ai quali si aggiungono anche altri tasselli in esubero. Come Santon che pare destinato a partire nuovamente, Alex Telles che difficilmente verrà riscattato dal Galatasaray e attenzione a Juan Jesus, che in Italia ha diversi estimatori. Rischia pure Felipe Melo, lontano dalla forma del 'comandante' che si era imposto nella prima parte di stagione. Infine Adem Ljajic, che rientrerà alla Roma. Tanti nomi, tante situazioni ancora da decifrare, ed un'intera squadra praticamente in bilico.

L'INTER IN BILICO: Handanovic; Santon, Murillo, Juan Jesus, Telles; Felipe Melo, Brozovic; Ljajic, Jovetic, Perisic; Icardi.

DA BANEGA ALL'ESTERNO: LA FORMAZIONE DELL'INTER 2016/2017

Ma non partiranno in blocco tutti i big, ovviamente. Si cercherà di 'limitare i danni', puntando a cedere al massimo uno dei giocatori considerati ormai la spina dorsale di questo progetto: Handanovic, Miranda, Murillo, Kondogbia (in netta crescita), Brozovic, Perisic e Icardi. Un blocco al quale andranno aggiunti due innesti di qualità, vera lacuna nerazzurra, come ampiamente sottolineato da Mancini. Uno, Ever Banega, è praticamente già bloccato: a lui, che arriverà a parametro zero dal Siviglia, sarà affidato il ruolo di 'regista avanzato', l'uomo che dovrà garantire maggiore tecnica là davanti. Sulla fascia sinistra poi è vicino Caner Erkin, altro elemento in arrivo gratis, mentre dall'altra parte sono tre i profili in ballo: Zabaleta il colpo internazionale, Vrsaljko il nome cerchiato in rosso (ma costa parecchio) e Widmer l'alternativa. Gli sforzi economici nerazzurri, però, saranno concentrati principalmente sull'esterno offensivo, dove il primo, grande sogno resta sempre Antonio Candreva, ed eventualmente in regia, con Lucas Biglia obiettivo top, ma bollato da Mancini come "troppo costoso" per l'Inter.

L'INTER 2016/2017: Handanovic (Perin-Sportiello); Vrsaljko, Miranda, Murillo, Erkin; Brozovic (Biglia), Kondogbia; Candreva, Banega, Perisic; Icardi.




Commenta con Facebook