• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Serie A > LA MOVIOLA DI CM.IT: Due penalty negati a Nainggolan, Gentiletti strattona Bonucci

LA MOVIOLA DI CM.IT: Due penalty negati a Nainggolan, Gentiletti strattona Bonucci

Calvarese non sanziona due falli di mano in area granata. Mazzoleni vede la scorrettezza del difensore biancoceleste


Paolo Silvio Mazzoleni ©Getty Images
Emiliano Forte

21/04/2016 07:40

MOVIOLA, NAINGGOLAN GENTILETTI / MILANO – L'ultimo turno infrasettimanale di Serie A è risultato indigesto all'arbitro Calvarese, autore di una prova tutt'altro che convincente in Roma-Torino. Sono almeno tre gli episodi dubbi dove il 'fischietto' ed i suoi collaboratori non sono stati all'altezza del loro compito: da rivedere le due azioni con protagonista Nainggolan che hanno portato alle presunte irregolarità di Gaston Silva prima e di Gazzi dopo. In Juventus-Lazio, Mazzoleni pur non brillando si fa trovare pronto sugli episodi più delicati, ovvero l'espulsione di Patric e il rigore concesso per il contatto Bonucci-Gentiletti. Positivo il debutto in Serie A del giovane Marco Serra in Empoli-Verona.

NAPOLI-BOLOGNA 6-0, arbitro Gervasoni 6 – Superata la mezzora di gioco, vivaci proteste del Bologna per il rigore concesso ai padroni di casa dopo il contatto Callejon-Constant. Le immagini sono chiare e non lasciano dubbi: Callejon, dentro l'area, punta il difensore felsineo che non prende la palla ma colpisce l'avversario facendolo cadere a terra. Penalty netto.

SASSUOLO-SAMPDORIA 0-0, arbitro Mariani 5,5 – Funziona la collaborazione con il giudice di porta sul secondo giallo mostrato a Ranocchia. Il difensore blucerchiato, anticipato da Defrel, cerca l'intervento in extremis alzando la gamba e colpendo al volto l'avversario. Anche se non c'è la volontà di far male da parte di Ranocchia, il fallo è evidente. Particolarmente severo ed evitabile il giallo per simulazione mostrato a Sansone, visto che l'attaccante neroverde si rialza subito per riprendere il gioco. Giusto assegnare il rigore nel finale per il fallo di Krsticic su Berardi.

PALERMO-ATALANTA 2-2, arbitro Doveri 6,5 – Sul pronti via, Bellini tocca il pallone con una mano su un colpo di testa di Chochev: Doveri non ha dubbi e assegna il penalty in favore dei padroni di casa. Decisione corretta. Poco dopo, nel corso del decimo minuto, Struna stende Gomez in area rosanero con l'arbitro che anche in questo caso fa bene ad assegnare il tiro dal dischetto.

ROMA-TORINO 3-2, arbitro Calvarese 4 – Serata no per il fischietto di Teramo che commette diversi errori di valutazione nel corso del match dell'Olimpico. Superata la mezzora arriva il rigore concesso al Torino per il contattto Manolas-Belotti con il primo che trattiene l'attaccante granata in maniera evidente. Il rigore è netto. A seguire altro episodio, questa volta nell'area ospite con Gaston Silva che intercetta con una mano una conclusione di Nainggolan. Anche in questo caso il penalty c'è ma Calvarese non è dello stesso avviso e lascia correre. In seguito, altra azione da rivedere questa volta con protagonisti Maicon ed Obi: quest'ultimo commette fallo di mano sul traversone del brasiliano ex Inter. Calvarese lascia proseguire ma la punizione dal limite per la Roma era netta. Ad inizio ripresa Gazzi, in area granata, allarga il braccio sul traversone di Nainggolan con Calvarese che poco assistito sbaglia ancora negando la massima punizione ai giallorossi. Rigore che arriva nel finale per un presunto mani di Maksimovic il quale interviene deviando un cross di Perotti: dalle immagini si può notare il braccio attaccato al corpo del giocatore granata quindi in questo caso Calvarese avrebbe dovuto lasciar proseguire il gioco.

JUVENTUS-LAZIO 3-0, arbitro Mazzoleni 5,5 – Mancano all'appello dei cartellini come quello all'indirizzo di Gentiletti quando trascina a terra Bonucci sugli sviluppi di un calcio d'angolo. E' il 50esimo minuto e Mazzoleni senza esitare indica il dischetto graziando però il difensore della Lazio. Poco prima Patric, già ammonito, è fin troppo ingenuo ed istintivo perché una volta superato sullo slancio da Dybala atterra l'attaccante bianconero costringendo i suoi a giocare il resto del match in 10.

EMPOLI-VERONA 1-0, arbitro Serra 6  - Nel complesso è un buon debutto quello del giovane fischietto torinese anche se rimangono dei dubbi su un contatto Souprayen-Paredes in area toscana. Serra opta per la simulazione del giocatore del Verona ma dalle immagini un tocco di Paredes sul piede dell'avversario c'è, quindi il penalty poteva starci. Corretta l'espulsione per somma di ammonizioni di Viviani.

GENOA-INTER 1-0, arbitro Irrati 6 – Convince la gestione all'inglese di Irrati che fischia poco senza perdere il controllo delle operazioni. A Marassi la gara è stata intensa e combattuta ma sostanzialmente corretta.

CHIEVO-FROSINONE 5-1, arbitro Russo 4,5 – Anche se priva di errori eclatanti la direzione di Russo non è stata sufficiente per via delle molte sbavature soprattutto nella valutazione dei contatti dubbi e nella gestione dei cartellini. Severo ma condivisibile il rosso diretto mostrato ad Ajeti per l'entrata su Floro Flores. Da rivedere la decisione di punire Chisbah con il secondo giallo: il tocco con la mano c'è ma il braccio è attaccato al corpo quindi Russo avrebbe potuto sorvolare. Giusto concedere il rigore al Chievo per il contatto Pavlovic-Rigorni ad inizio ripresa.

UDINESE-FIORENTINA 2-1, arbitro Massa 6 – Al decimo Tomovic interviene fallosamente su Zapata interrompendo una chiara occasione da gol; Massa lo grazia estraendo solo il giallo. Nella ripresa i viola chiedo il penalty per un presunto fallo su Ilicic ma lo sloveno finisce a terra senza subire alcuna irregolarità. 




Commenta con Facebook