• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Pagelle > PAGELLE E TABELLINO DI BAYERN MONACO-JUVENTUS

PAGELLE E TABELLINO DI BAYERN MONACO-JUVENTUS

La Juventus sfiora l'impresa ma Guardiola cambia la partita facendo entrare in campo l'ex Coman. Commovente la prova di Morata


Coman_e_Thiago.jpg
Rocco Crea (Twitter @Rocco_Crea)

16/03/2016 23:23

ECCO LE PAGELLE DI BAYERN MONACO-JUVENTUS:

 

BAYERN MONACO

Neuer 6,5 – Pronti via pasticcia con l’infelice collaborazione di Alaba ma salva il gol del tracollo su uno scatenato Cuadrado allo scadere del primo tempo. Blocca bene il pericoloso tiro di Lichtsteiner al primo tempo supplementare.

Lahm 6 – Solita diligenza tattica da parte del capitano del Bayern, che si accentra spesso partendo dal suo ruolo di terzino per fungere da uomo in più in mezzo al campo.

Kimmich 5 – Morata non lo vede nemmeno nell’azione del magistrale contropiede che porta al raddoppio bianconero. Va sempre in difficoltà quando lo scatenato spagnolo lo punta.

Benatia 5 – Anche lui troppo molle in occasione della volata di Morata, il nazionale marocchino sembra ancora lontano dai tempi di Roma. Guardiola lo sostituisce con Bernat non appena finisce il primo tempo. Dal 46’ Bernat 6 – Va anche lui in difficoltà nei primi minuti del secondo tempo, in cui la Juventus continua ancora a spingere sull’onda dell’entusiasmo. Si riprende però col proseguo del match.  

Alaba 4 – Commette un disastro sul lancio di Khedira che favorisce l’incursione di Lichsteiner per il gol di Pogba. Non contento, perde palla sulla trequarti bianconera favorendo la bruciante ripartenza di Morata e il raddoppio della Juventus. Prova a svariare anche sul fronte d’attacco ma con scarsi e deleteri risultati proprio come in occasione della palla persa al 28’ del primo tempo.

Xabi Alonso 5,5 – Prova a far girare la squadra con le sue geometrie ma le verticalizzazioni non sorprendono mai le maglie bianconere, che anzi si stringono e spesso riescono ad intercettare. Dal 60’ Coman 7,5 – Cambia la gara del Bayern il suo ingresso, anche perché l’ex Juve risulta fresco e dinamico. Bravo a crederci quando recupera un pallone destinato sul fondo alleggerendo poi su Douglas Costa e dando vita cosi alla rete di Lewandowski. Anche sulla rete del pareggio di Muller ci mette lo zampino, fornendo l’assist. Poi il capolavoro, in contropiede, quando con un tiro a giro batte Buffon e sigla il poker dei tedeschi.

Douglas Costa 7 – Parte dall’out di destra e spesso converge al centro provando ad imbeccare i compagni del reparto avanzato con passaggi filtranti in area di rigore, che però non sempre risultano precisi. E’ tuttavia una spina nel fianco per la difesa juventina, e serve a Lewandowski il pallone della rete che accorcia le distanze.

Vidal 6 – Recupera qualche pallone ma risulta prevedibile quando prova ad inserirsi fra le fitte maglie bianconere, anche perché quelli che sono i suoi ex compagni di squadra lo conoscono bene. Anche piuttosto nervoso, finisce col litigare con Cuadrado. Con l’ingresso di Coman gioca davanti alla difesa al posto di Alonso da’ il là all’azione che porta al pari di Muller.

Muller 7 – Fuori dal gioco per tutta la gara. Agisce dietro la punta Lewandowski ma non riesce a farsi vedere dai compagni, che di fatto lo servono poco e male di conseguenza. Ma al 90’ è lì dove deve essere quando serve, e di testa batte Buffon salvando il Bayern dall’eliminazione. Poi serve anche l’assist decisivo per la rete di Thiago Alcantara. L’incubo della Juventus fra andata e ritorno.  

Ribery 5,5 – Cross numerosi ma sempre poco pericolosi. Lewandowski del resto è marcato spesso e lui comunque non è Robben, anche perché non prova quasi mai la giocata a rientrare tipica dell’esterno olandese. Esce zoppicando ed il pubblico lo applaude, anche perché reduce da infortunio. Dal 100’ Thiago Alcantara 6,5 – Segna la rete dell’effettuata rimonta bavarese con un destro vincente all’interno dell’area bianconera su assist di Muller.

Lewandowski 6 – Il nulla fino al 72’, quando scappa via a Bonucci ed infila in rete un bel colpo di testa che non lascia scampo a Buffon e riapre i giochi. Il minimo per rimediare una sufficienza. Poi anche per lui tutto è in discesa.

All. Guardiola 6,5 – Il giropalla del suo Bayern risulta lento ed inefficace per gran parte della partita. Il primo cambio adottato però porta i frutti sperati perché Coman risulta il migliore dei suoi e salva il Bayern cambiando le carte in tavola.   

 

JUVENTUS

Buffon 6 – Non corre pericoli nel corso del primo tempo, ma regala sempre sicurezza al reparto arretrato con uscite sempre all’altezza del suo nome. Non può nulla sulla rete di Lewandowski, fatto scappare da Bonucci e nemmeno sulle altre.

Lichtsteiner 6 – Ha il merito di inserirsi e crederci sulla palla di Khedira, e di indurre alla catastrofe Alaba. Ha la prima vera occasione dei tempi supplementari, ma Neuer para bene il suo tiro.

Barzagli 6 – Gioca una gran partita specialmente in chiusura su Lewandowski, trovando quasi tutti i palloni che bazzicano in area di rigore. Non riesce ad arrivare sul pallone nonostante il gran salto per intercettare il traversone di Coman, che dunque vale il gol del pari. Sui contropiedi che portano agli altri due gol del Bayern non ha colpe.

Bonucci 5 – Pressa molto alto nei primi minuti, persino sulla linea dei centrocampisti. Sembra voler suonare la carica ai compagni con il suo atteggiamento coraggioso ma mai spavaldo. Difende bene fino al 72’, quando si perde il movimento del polacco che quindi può incornare indisturbato e trafiggere Buffon riaprendo la gara.

Evra 5,5 – Partita di grande esperienza per il francese. Risulta preziosissimo in fase difensiva grazie a chiusure ed anticipi sempre tempestivi. Ha sulla coscienza il pari di Muller, visto che abbandona la sua posizione per andare a chiudere su Ribery, lasciando quindi il tedesco libero di colpire di testa e pareggiare.

Cuadrado 7 – Bravissimo a seguire la galoppata di Morata, raccogliere il pallone lavorato e suggerito dallo spagnolo e poi dimostrare sangue freddo dribblando anche il ritorno disperato di Lahm per battere Neuer in occasione del raddoppio. Si divora però la chance del tris su assist di Pogba. Dall’89’ Pereyra 5 – Non offre nulla alla causa bianconera nonostante subentri praticamente a tempo scaduto. Mai uno spunto o un affondo. Molto male.   

Khedira 6 – Ottimo il pallone per Lichtsteiner in occasione del vantaggio firmato da Pogba. Il tedesco gioca una partita di grande sacrificio restando a difesa della retroguardia bianconera e fungendo da schermo. Dal 67’ Sturaro 5 – Non entra bene in partita, al contrario del match di andata. Sbaglia qualche pallone di troppo e scivola spesso sul terreno di gioco. Poi ad una manciata di minuti dalla fine del secondo tempo supplementare si divora un gol clamoroso su respinta di Neuer.   

Hernanes 6 – La Juve si affida alle ripartenze brucianti e quindi lui inventa poco, ma risulta comunque utilissimo nel piazzarsi fra le linee di passaggio bavaresi e infastidire i portatori di palla giunti sino alla trequarti bianconera perlomeno sino alla metà del secondo tempo. Poi cala anche lui fisicamente.

Pogba 7,5 – Il suo primo gol in questa edizione di Champions è pesantissimo, perché regala la concreta speranza ai bianconeri di poter provare l’impresa all’Allianz. Segna un gol non certo difficile, sfruttando l’erroraccio di Alaba, ma dimostrando di saper mantenere nervi saldi. Gioca con una personalità mostruosa, e serve a Cuadrado il delizioso assist allo scadere della prima frazione ma il colombiano sbaglia sotto porta. Si ripete ancora sul finale, fornendo a Mandzukic il secondo assist al bacio della gara, tuttavia ancora una volta non sfruttato a dovere.

Alex Sandro 7 – Ottima la sua partita. Sacrificio nelle diagonali difensive, proposizioni e suggerimenti continui. Bellissimo quello che imbecca Pogba sulla corsa e che scaturisce la terza occasione colossale dei bianconeri, tuttavia fallita da Cuadrado. Si arrende solo perchè nei tempi regolamentari da tutto e di più, quindi Coman, che è più fresco, alla fine riesce ad impadronirsi col passare dei minuti della sua fascia.

Morata 7,5 – Quello che combina al 28’ è a dir poco strepitoso e vale il prezzo del biglietto. Prende palla a casa sua e corre a perdifiato per sessanta metri dribblando Benatia e Kimmich neanche fossero birilli, per poi servire all’accorrente Cuadrado il pallone del raddoppio. Lo spagnolo fa quello che Allegri gli chiede: pressa su tutto il fronte d’attacco e spesso riesce a rendersi pericoloso con azioni personali. Commovente. Dal 71’ Mandzukic 5 – Non sta benissimo fisicamente e si vede. Non pressa e non corre come Morata nonostante sia fresco quando subentra. Il guaio della Juventus è che al posto dello spagnolo non potesse entrarne un altro.

All. Allegri 7 – Il suo spartito è un capolavoro per 60 minuti, poi la Juve crolla fisicamente ma lui non ha colpe. Adopera i cambi giusti per regalare freschezza in vista dell’arrembaggio teutonico ma i giocatori che manda in campo deludono le aspettative. Peccato, perché aveva azzeccato la tattica iniziale nonostante le numerose e gravi emergenze dettate dagli infortuni.

 

Arbitro: Eriksson 5,5 – Dubbi sul fischio che segnala il fuorigioco poco prima che Morata possa calciare la palla dopo un rischioso disimpegno di Neuer. L’impressione tuttavia è che lo spagnolo fosse tenuto in gioco da Kimmich. Per il resto arbitra bene e seda gli accenni di nervosismo sul nascere con i cartellini gialli. Ottima la segnalazione di fuorigioco su Lewandowski all’86’, in collaborazione con i suoi assistenti.

 

TABELLINO

BAYERN MONACO-JUVENTUS 4-2 d.t.s.

Bayern Monaco (4-1-4-1): Neuer; Lahm, Kimmich, Benatia (dal 46’ Bernat), Alaba; Xabi Alonso (dal 60’ Coman); Douglas Costa, Vidal, Muller, Ribery (dal 100’ Thiago Alcantara); Lewandowski. A disp.: Gotze, Rafinha, Ulreich, Rode. All. Guardiola.

Juventus (4-5-1): Buffon; Lichtsteiner, Barzagli, Bonucci, Evra; Cuadrado (dall’89’ Pereyra), Khedira (dal 67’ Khedira), Hernanes, Pogba, Alex Sandro, Morata (dal 71’ Mandzukic). A disp.: Asamoah, Zaza, Neto, Rugani. All. Allegri.

Arbitro: Jonas Eriksson (SVE)

Marcatori: 5' Pogba (J), 28' Cuadrado (J), 73' Lewandowski (B), 91' Muller (B), 108' Thiago Alcantara (B), 110' Coman (B)

Ammoniti: 29' Khedira (J), 38' Morata (J), 43' Lahm (B), 48' Vidal (B), 48' Lichtsteiner (J), 51' Lewandowski (B), 52' Bonucci (J), 70' Cuadrado (J), 103' Pereyra (J), 109' Thiago Alcantara (B), 112' Bernat (B)

Espulsi: -




Commenta con Facebook