• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Italians & Passengers > ITALIANS - Pellè rompe il digiuno, disastro Bonera. Giovinco già 'MVP'

ITALIANS - Pellè rompe il digiuno, disastro Bonera. Giovinco già 'MVP'

Le pagelle e i top/flop del fine settimana dei giocatori italiani all'estero


Sebastian Giovinco ©Getty Images
Michele Furlan (Twitter: @MicheleFurlan1)

15/03/2016 18:00

ITALIANS PAGELLE GIOCATORI ITALIANI ESTERO EX STRANIERI SERIE A / ROMA - Torna su Calciomercato.it l'appuntamento settimanale con Italians: ecco le pagelle dei giocatori italiani all'estero e i top ed i flop dell'ultimo turno di campionato. Questa settimana al top troviamo Pellè, Giuseppe Rossi e Giovinco. Disastro Bonera e Paloschi, male anche Caldirola. 

 

ITALIANS - LE PAGELLE DEI GIOCATORI ITALIANI ALL'ESTERO


FABIO BORINI (Sunderland): il Sunderland non è sceso in campo.

MATTEO DARMIAN (Manchester United): s.v. - Entra solamente all'87' della sfida di Fa Cup contro il West Ham.

ANGELO OGBONNA (West Ham): 5,5 - Il West Ham gioca una grande partita ad 'Old Trafford' ma l'1-1 finale certifica l'andamento a corrente alternata della difesa. Ogbonna non strappa l'occhio e spesso pecca nel posizionamento, anche in occasione della rete di Martial.

VITO MANNONE (Sunderland): il Sunderland non è sceso in campo.

GRAZIANO PELLE' (Southampton): 8 - Il Southampton di Koeman torna in corsa per un piazzamento europeo e lo fa grazie al bomber italiano. Partita di grande spessore la sua: doppietta decisiva nei primi minuti (sfiora anche il tris) e grande sacrificio nella ripresa di fronte al ritorno dello Stoke. Per l'ex Parma si tratta del settimo e ottavo centro dopo un lungo digiuno. 

ALBERTO PALOSCHI (Swansea): 4,5 - L'ex centravanti del Chievo gioca forse la sua peggior partita da quando è arrivato in Premier League. Schierato titolare in Bournemouth-Swansea, non riesce ad essere per nulla incisivo. I 'Jacks' perdono 3-2 e il prodotto del vivaio del Milan non riesce a farsi vedere mai in zona gol. Rimandato. 

FEDERICO MACHEDA (Nottingham Forest): non convocato.

GABRIELE ANGELLA (Qpr): 6,5 - Guida bene la difesa del suo Qpr nella gara interna vinta contro il Brentford. Il 3-0 finale lo vede autoritario in difesa nelle poche occasioni concesse alla squadra avversaria che ci prova più che altro con tiri da fuori.

MARCO SILVESTRI (Leeds United): 5,5 - Non troppo sicuro nella vittoria esterna del Leeds sul campo del Blackburn. Più incerto del solito, specie nelle uscite, fa tremare i suoi in occasione della rete avversaria che dimezza le distanze. 

MIRCO ANTENUCCI (Leeds United): 7 - Il solito guerriero. Attaccante preziosissimo per la squadra dello Yorkshire con cui è andato in gol già nove volte in questa stagione. Il nono sigillo è una rete di rara bellezza e vale i tre punti cruciale col Blackburn.

GIUSEPPE BELLUSCI (Leeds United): 5,5 - Come il compagno di reparto Silvestri, anche Bellusci pecca in sicurezza nella sfida col Blackburn. Viene anche ammonito per foga eccessiva e non è perfetto in occasione della rete del 2-1. 

FERNANDO FORESTIERI (Sheffield Wednesday): 6,5 - L'italo-argentino sfodera l'ennesima prova di grande valore contro il Nottingham Forest. Non entra nel tabellino marcatori dello 0-3 finale ma serve un assist al bacio ed è una costante pericolosa nella metà campo avversaria.

MICHAEL AGAZZI (Middlesbrough): in panchina nella partita contro il Charlton. 

DIEGO FABBRINI (Birmingham): in panchina nella partita contro il Wolverhampton. 

MARCO VERRATTI (Psg): infortunato.

THIAGO MOTTA (Psg): non convocato.

SALVATORE SIRIGU (Psg): in panchina nella partita contro il Troyes che sancisce la vittoria del campionato per il Psg. 

ANDREA RAGGI (Monaco): in panchina nella partita contro lo Stade Reims.

PAOLO DE CEGLIE (Marsiglia): non convocato.

CHRISTIAN BATTOCCHIO (Brest): 6 - Partita spigolosa contro il Valenciennes. L'italo-argentino fa vedere le solite buone cose ma anche alcune pause preoccupanti. Comunque sia il Brest strappa tre punti pesanti, ma il miglior Battocchio non si è visto. 

LUCA MIRACOLI (Tours): non convocato.

GIULIO DONATI (Mainz): squalificato.

LUCA CALDIROLA (Darmstadt): 4,5 - Come spesso gli capita si fa vedere di più in fase offensiva che in ripiegamento. Seconda frazione da film horror contro l'Augsburg che segna due reti e potrebbe farne altrettanti. Caldirola è uno dei principali colpevoli su entrambe le marcature avversarie. 

GIANLUCA CURCI (Mainz): in panchina nella partita contro il Borussia Dortmund.

DANIEL CALIGIURI (Wolfsburg): 5,5 - L'oriundo di origine tedesca non strappa l'occhio nella sconfitta con l'Hoffenheim. Schierato esterno nel tridente offensivo, dimostra di non essere in giornata come quasi tutti i 'Lupi' di Hecking. 

FEDERICO BARBA (Stoccarda): infortunato.

VINCENZO GRIFO (Friburgo): 6,5 - Buona prestazione dell'italiano di origine tedesca. Costante spinta sulla fascia, è un pericolo per la difesa avversaria. Non entra nel tabellino marcatori ma offre la solità prestazione di qualità che vale il secondo posto per la sua squadra.

MARCO ANDREOLLI (Siviglia): infortunato.

DANIELE BONERA (Villarreal): 4 - Pessima giornata per l'ex difensore del Milan. Il Villarreal incappa in una brutta sconfitta a Siviglia e il centrale bresciano è uno dei principali colpevoli. Lento e falloso, viene puntato con costanza dagli attaccanti di Unay Emery che ne inviduano la giornata no.

CRISTIANO BIRAGHI (Granada): 5,5 - Sotto la sufficienza ma di certo non tra i peggiori. Il laterale mancino del Granada soffre molto sulla fascia tanto da rimediare un giallo già nel primo tempo. La presenza di Hernan Perez lo manda sempre in difficoltà. 

CRISTIANO PICCINI (Betis Siviglia): infortunato.

GIUSEPPE ROSSI (Levante): 7 - Sette pieno per 'Pepito' che decide il derby di Valencia. Il suo Levante torna a vincere la stracittadina dopo un anno e mezzo e lui è decisivo: palo nel primo tempo e gol da vero opportunista nella ripresa. A Firenze un Rossi così, quest'anno, non lo si era mai visto.

VINCENZO RENNELLA (Valladolid): 6 - Partita positiva per l'italiano di origine francese, anche se nl 4-2 esterno del suo Valladolid sull'Oviedo non entra nel tabellino marcatori. Sembra essersi ripreso definitivamente dopo il lungo infortunio che lo aveva condizionato. 

ALBERTO AQUILANI (Sporting Lisbona): 5,5 - Schierato nel cuore del centrocampo nella trasferta con l'Estoril, Aquilani lascia intravedere qualche sprazzo e poco più. La sua classe non illumina la manovra e la sua prestazione si assesta al di sotto della sufficienza. 

EZEQUIEL SCHELOTTO (Sporting Lisbona): 6 - Sufficienza piena, invece, per Schelotto. L'italo-argentino viene schierato come terzino destro e fa vedere ottime cose soprattutto nel primo tempo. Cala nella ripresa, ma tiene bene difensivamente parlando. 

SALVATORE BOCCHETTI (Spartak Mosca): 5,5 - Non ha particolari colpe sul gol dell'Amkar nella vittoria del suo Spartak Mosca. Non riesce, però, ad infondere sicurezza al reparto. Compie qualche svista grossolana ma riesce sempre a cavarsela senza troppi danni. 

DOMENICO CRISCITO (Zenit): in panchina nella partita contro il Rubin Kazan. 

STEFANO OKAKA (Anderlecht): 7 - Eccellente nella gara casalinga vinta contro il Kortrijk. Segna la splendida rete dell'1-0 e regala la solità prova fatta di concretezza e giocate intelligenti. La squadra di Besnik Hasi avrà bisogno di tutto questo anche nella poule scudetto. 

DAVIDE PETRUCCI (CFR Cluj): 7 - Non gioca una partita indimenticabile. Il suo Cluj, impegnata nella poule retrocessione, va sotto di due gol contro il Poli Timisoara. Il numero 10 italiano sonnecchia ma si sveglia nella ripresa e, a tempo scaduto, segna la pesantissima rete del 2-2 finale. 

ALEX VALENTINI (Lugano): in panchina nella partita contro il Lucerna. 

ORLANDO URBANO (Lugano): in panchina nella partita contro il Lucerna. 

MARIO PICCINOCCHI (Lugano): non convocato.

STEFANO NAPOLEONI (Basaksehir): non convocato.

GIANDOMENICO MESTO (Panathinaikos): 5 - Il laterale italiano incappa in un passo falso insieme a tutto il Panathinaikos. Il derby con l'Olympiacos non ha storia: i biancorossi vincono 3-1 e Mesto non riesce ad offrire il consueto apporto in fase offensiva e difensiva. 

RAFFAELE DE VITA (Ross County): impegnato domani sera nella sfida contro il St. Johnstone. 

SEBASTIAN GIOVINCO (Toronto FC): 7,5 - Ricomincia da dove aveva finito. Guida il Toronto ad una splendida rimonta sul campo del New York City. Assist al bacio per la rete dell'1-2 e pareggio con un gol di pregevolissima fattura. Due partite e due gol decisivi, in Canada sono tutti ai suoi piedi. 

ANDREA PIRLO (New York City): 6 - Non è ancora al 100% della condizione fisica ma riesce comunque a creare grattacapi alla difesa di Toronto con la propria classe. Volente o nolente entra nelle azioni che portano ad entrambi i gol di David Villa. Classe superiore. 

MARCO DONADEL (Montreal Impact): non convocato.

ANTONIO NOCERINO (Orlando City): 6 - La sua sostanza sarà preziosa per l'Orlando City. Nella sfida casalinga con i Chicago Fire mostra una condizione ancora da migliorare ma il piglio giusto c'è. Esce all'intervallo. 

PAOLO TORNAGHI (Vancouver Whitecaps): in panchina nella partita contro lo Sporting Kansas City. 

FEDERICO PIOVACCARI (Western Sydney Wandererers): non convocato. 

IACOPO LA ROCCA (Adelaide United): 5,5 - Staziona al centro della difesa dell'Adelaide United ma il Melbourne City riesce a vincere senza troppi patemi. Giornata sfortunata per la squadra di casa e per il centrale italiano che comunque non si rende colpevole di chissà quali disastri. 

PABLO DANIEL OSVALDO (Boca Juniors): non convocato.


ITALIANS - TOP E FLOP ITALIANI ALL'ESTERO


I TOP 3 DEL WEEKEND


GRAZIANO PELLE' (Southampton): 8 - Il bomber italiano che tanto piace ad Antonio Conte torna ad essere dominatore in Premier League. Rompe un lunghissimo digiuno in campionato che durava da novembre e lo fa nel migliore dei modi, con una doppietta decisiva che regala tre punti pesantissimi al Southampton di Ronald Koeman. I 'Saints' tornano a sperare nella qualificazione in Europa e Pellè rivede l'azzurro con nuove motivazioni. In Francia toccherà anche a lui. 

SEBASTIAN GIOVINCO (Toronto Fc): 7,5 - La 'Formica Atomica' si è lasciato alle spalle un 2015 da urlo in Mls aprendo il 2016 nella stessa identica maniera. Dopo la rete contro i New York Red Bulls all'esordio arriva il gol anche contro il New York City, ed è di quelli pesanti perché fissa il 2-2 dopo il doppio svantaggio iniziale. Giovinco aveva firmato anche l'assist al bacio per la rete di Perquis che ha riaperto la contesa. E' presto per dirlo ma l'ex Juventus ha un obiettivo chiaro: essere di nuovo Mvp. 

GIUSEPPE ROSSI (Levante):  7 - L'aria della Spagna evidentemente lo ritempra. Come ai tempi del Villarreal, Giuseppe Rossi sembra rinato anche con la maglia del Levante dopo un inizio annata troppo timido a Firenze. Il derby col Valencia di Gary Neville lo decide lui. Coglie un palo nel primo tempo e segna il gol partita (e che gol!) nella ripresa, regalando la vittoria nella stracittadina ai suoi dopo un anno e mezzo circa di digiuno. Chissà che Antonio Conte non ci stia facendo un pensierino in chiave Euro 2016...


I FLOP 3 DEL WEEKEND


LUCA CALDIROLA (Darmstadt): 4,5 - Il difensore scuola Inter non conosce mezze misure. Nel primo tempo il suo Darmstadt va avanti di due gol contro l'Augsburg. Caldirola, schierato terzino, si fa vedere in fase di spinta ma nella ripresa mostra di essere in giornata no sbagliando quasi tutte le scelte difensive. I bavaresi arrivano al pareggio ma avrebbero anche potuto vincere se non fossero stati fermati dal palo. Per l'ex Werder Brema una partita da dimenticare. 

ALBERTO PALOSCHI (Swansea): 4,5 - Prendere le misure ad un campionato come la Premier League non è facile per nessuno. Paloschi sta facendo ancora fatica, nonostante si sia già sbloccato. Nella sfida persa con il Bournemouth, però, delude le attese: schierato titolare come centravanti dimostra di essere volenteroso ma poco incisivo e mai determinante. Mette a nudo le difficoltà offensiva del club gallese orfano momentaneamente di Francesco Guidolin, fermato da problemi di salute. 

DANIELE BONERA (Villarreal): 4 - Il Villarreal paga la fatica di Europa League. Nel brillante 2-0 con il Bayer Leverkusen però Daniele Bonera non era titolare. Lo è nella sfida del 'Sanchez Pizjuan' contro il Siviglia. L'ex Milan però stecca clamorosamente ed è uno dei principali colpevoli della disfatta (4-2 per gli andalusi). Ammonito già al 25', gioca condizionato per tutta la gara compiendo errori che un giocatore così esperto non dovrebbe commettere. Bocciato. 

 




Commenta con Facebook