• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > TDM - Tattica del Mercato > TATTICA DEL MERCATO - Inter, Jesé Rodriguez: una freccia per Mancini

TATTICA DEL MERCATO - Inter, Jesé Rodriguez: una freccia per Mancini

L'analisi di Calciomercato.it sui protagonisti del mercato: occhi puntati sull'attaccante del Real Madrid


Jesé Rodriguez (Getty Images)
Michele Furlan (Twitter: @MicheleFurlan1)

14/10/2015 17:10

TATTICA DEL MERCATO CALCIOMERCATO INTER REAL MADRID JESE' RODRIGUEZ MANCINI / ROMA - L'Inter di Roberto Mancini è divisa tra campo e calciomercato. La squadra nerazzurra sta disputando un ottimo campionato ed ha racimolato 16 punti in 7 giornate. Icardi e soci saranno impegnati domenica sera nel derby d'Italia contro la Juventus. Dietro la scrivania, invece, Piero Ausilio non si ferma e pianifica i prossimi colpi del calciomercato Inter, volti a migliorare un'intelaiatura che appare solida. Il nome nuovo in casa Inter è quello di Jesé Rodriguez, attaccante del Real Madrid.

Jesé Rodriguez è una promessa e già a gennaio potrebbe partire l'assalto dell'Inter, magari con una formula in 'stile Morata'. Conosciamolo meglio attraverso la nostra rubrica 'Tattica del Mercato'.

 

BIOGRAFIA DI JESE' RODRIGUEZ, OBIETTIVO DELL'INTER PER L'ATTACCO

Jesé Rodriguez Ruiz nasce a Las Palmas de Gran Canaria, in Spagna, il 26 febbraio 1993. Milita in piccole società (El Pilar ed Huracan) nelle quali si fa subito notare dal Real Madrid che lo inserisce nel proprio vivaio a 14 anni. Il ragazzo compie tutta la trafile nelle giovanili, disputando ottime annate con il Real Madrid Castilla. Nel frattempo esordisce con le 'Merengues' senior sotto la guida di José Mourinho, nella stagione 2011/2012. Nel 2012/2013 il suo talento esplode lettaralmente: segna 22 gol e realizza 12 assist in 38 partite della seconda divisione iberica. L'anno seguente viene promosso tra i grandi da Carlo Ancelotti che dimostra di avere fiducia in lui. Durante una gara di Champions League però si procura la rottura del legamento crociato del ginocchio che ne condiziona la stagione successiva. Ha vinto un campionato spagnolo, una coppa del Re, una Champions League, un Mondiale per Club ed una Supercoppa Europea.

Jesé non ha ancora esordito con la maglia della Spagna ma può vantare presenze in tutte le selezioni giovanili dalla under 17 all'under 21. Ha preso parte al Mondiale under 20 del 2013, in cui ha segnato 5 gol vincendo la scarpa di bronzo.


CARATTERISTICHE TECNICO-TATTICHE DI JESE' RODRIGUEZ

Alto 1,78 per 73 kg, fisico normolineo e compatto, destro naturale. Jesé è sicuramente uno dei prodotti più interessanti del Real Madrid Castilla. Il suo ruolo naturale è quello di attaccante esterno in un reparto offensivo a tre. Preferisce giostrare a sinistra (per rientrare poi sul destro) ma può anche giocare sulla corsia opposta oppure da attaccante centrale, con caratteristiche diverse da quelle del centravanti classico. Fisicamente parlando non è un colosso (e l'infortunio al ginocchio l'ha condizionato parecchio) ma è compatto, ha il baricentro basso ed è difficile fermarlo. Velocissimo e con un dribbling ubriacante, è devastante sia in campo aperto che nello stretto. Crea la superiorità numerica ed è efficace sia nel segnare che nel far segnare i compagni. Come caratteristiche è stato spesso paragonato al compagno di squadra Cristiano Ronaldo ed in effetti i due hanno tratti tecnici davvero simili.


JESE' RODRIGUEZ E' UN GIOCATORE ADATTO ALL'INTER? 

Jesé Rodriguez è un giocatore che ha un futuro luminoso, solo parzialmente rinviato dal brutto infortunio patito un anno e mezzo fa. Sarebbe un colpo intelligente da parte dell'Inter, anche con eventuale clausola di 'recompra'. Il talento del ragazzo non è in discussione e tatticamente potrebbe sposarsi molto bene con un eventuale 4-3-3 di Roberto Mancini, formando con Perisic una coppia di esterni micidiale. Potrebbe anche essere una valida alternativa a Icardi, giocando al centro dell'attacco con caratteristiche diverse rispetto all'argentino. Classe '93, talento infinito e già buona esperienza. Ma strapparlo al Real sarà tutt'altro che semplice.

 




Commenta con Facebook