• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Video > VIDEO - Calciomercato Milan, Mihajlovic apre alla sfida: ma in passato...

VIDEO - Calciomercato Milan, Mihajlovic apre alla sfida: ma in passato...

Dal secco 'no' ai tempi di Catania, all'apertura dei mesi scorsi ad un ipotetico approdo in rossonero


Sinisa Mihajlovic (Getty Images)
Giorgio Musso (Twitter: @GiokerMusso)

03/06/2015 14:26

CALCIOMERCATO MILAN MIHAJLOVIC / MILANO - Potrebbero aprirsi le porte del Calciomercato Milan per Sinisa Mihajlovic dopo il 'niet' di Ancelotti per il ritorno in rossonero. Proprio il serbo, ai tempi del Catania, aveva perentoriamente escluso la possibilità di accettare una 'sfida' sulla panchina del 'Diavolo' se in futuro se ne fosse presentata l'occasione, vista la sua 'fede' interista.

L'attuale tecnico della Sampdoria disse in una conferenza stampa del maggio 2010: "Non potrei mai andare ad allenare il Palermo, con tutto il rispetto per la società rosanero. Ma nella mia vita ho certe cose da rispettare, forse sono uno dei pochi che lo fa... Né adesso né tra 15 anni potrei prendere una decisione del genere - diceva Mihajlovic - Non potrei essere neanche l'allenatore del Milan: io sono fatto così. Forse è sbagliato, posso morire anche di fame, ma devo sempre rispettare le squadre in cui ho giocato e allenato. Sarebbe difficile rifiutare un'offerta del Milan: non succederà mai però se dovesse capitare un giorno, non potrei mai decidere di allenare il Milan perché sono interista e sono stato 4 anni in maglia nerazzurra".

Pensieri e parole poi 'ritrattate' anni dopo in un'intervista a 'La Gazzetta dello Sport' dello scorso 20 marzo: "Il mio sogno è vincere e affermarmi come tecnico. Poi credo che a tutti piacerebbe un giorno allenare una squadra dove si è giocato e vinto. Ma se aspettassi solo Inter o Lazio, oltre al rischio di diventare vecchio, limiterei la mia crescita di uomo e allenatore - aveva spiegato Mihajlovic - Quando ero più giovane avevo perennemente bisogno di dividere il mondo in 'noi' e gli 'altri'. Mi caricava. Alcuni storici lo definiscono bisogno del nemico. Oggi non ho bisogno di nemici. Ho 46 anni, non vivo più per esclusione ma per accumulo di esperienze. Non rinnego nulla di ciò che ho vissuto, ma mi piace scoprire anche tutto ciò che non conosco. E se farsi amare da chi già ti ama è facile, trovo stimolante anche convincere chi magari è prevenuto o vuole metterti alla prova. Pensate ad Allegri, a inizio anno non lo voleva nessuno a Torino e ora... La soddisfazione per lui sarà doppia. Niente nemici, ma le sfide sì, quelle mi esaltano sempre".

E, i prossimi giorni, ci diranno se il Milan sarà la prossima sfida di Mihajlovic, a dispetto della 'netta' chiusura in chiave calciomercato mostrata all'inizio della carriera da allenatore.




Commenta con Facebook