• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Serie A > LA MOVIOLA DI CM.IT: Paletta-Gabbiadini trattenuta da rigore, Sala esagerato il rosso

LA MOVIOLA DI CM.IT: Paletta-Gabbiadini trattenuta da rigore, Sala esagerato il rosso

Mazzoleni e Cervellera non convincono. C’era un altro penalty per il Napoli. Frettolosa l’espulsione dello scaligero


Paolo Silvio Mazzoleni ©Getty Images
Antonio Russo (Twitter @tonyrusso93)

04/05/2015 07:32

MOVIOLA 34° GIORNATA MAZZOLENI PALETTA GABBIADINI / NAPOLI - Luci e ombre nella giornata odierna per gli arbitri di Serie A. Direzioni sufficienti per Valeri Doveri e arbitraggi più che positivi per Orsato e l’esordiente Pezzuto.
Male gli assistenti di Guida in Inter-Chievo, pessima la direzione di Damato a Roma capace di non vedere un rigore per parte. Male anche Cervellera in Verona-Udinese, che ha espulso lo scaligero Sala per un fallo che era solo da giallo.
Infine serataccia per Mazzoleni che nel posticipo del ‘San Paolo’ tra Napoli e Milan, non vede una trattenuta in area di Paletta su Gabbiadini e si dimentica di ammonire Mertens per simulazione.

 

SAMPDORIA-JUVENTUS 0-1, arbitro Valeri 6 - Perfettamente regolare la rete di Vidal, che parte alle spalle dei difensori doriani. Il fischietto capitolino dirige bene un match abbastanza semplice: non vi sono, infatti, particolari episodi da moviola da segnalare. Dubbi solo su un tocco di mano di Silvestre in area su un colpo di testa di Chiellini, poteva starci il penalty.

 

SASSUOLO-PALERMO 0-0, arbitro Pezzuto 6,5 - Ottimo l’esordio in A del giovane arbitro leccese. Pochi gli episodi da segnalare: corretta la decisione di punire l’intervento di Terzi su Berardi con il giallo e non con il rosso. Giusto anche non concedere al Palermo un calcio di punizione dal limite dell’area per un intervento di Chibsah su Vazquez.

 

ROMA-GENOA 2-0, arbitro Damato 5 - Prestazione decisamente insufficiente per l’arbitro pugliese. Nella prima frazione di gioco De Rossi segna a gioco fermo, Damato fischia l’off-side, ma i replay mostrano che il capitano dei giallorossi era in gioco. Nella ripresa protesta il Genoa per un fallo in area ai danni di Bertolacci, resta il sospetto di un possibile rigore. Infine manca un penalty alla Roma per fallo su Torosidis, che è stato invece erroneamente ammonito per simulazione.

 

FIORENTINA-CESENA 3-1, arbitro Doveri 6 - Buona la sua direzione. Un solo episodio da segnalare, il penalty concesso alla viola per fallo di Mudingayi su Borja Valero, decisione corretta quella presa da Doveri.

 

VERONA-UDINESE 0-1, arbitro Cervellera 5 - Partita dai due volti quella del fischietto tarantino. Primo tempo buono con le decisioni prese tutte corrette: giusto annullare nei primi minuti la rete a Thereau che effettivamente parte in fuorigioco. Ripresa invece da incubo per Cervellera. Espelle Sala per un fallo da dietro che non appare così cattivo, esagerato il rosso. Intervento sospetto in area di rigore di Danilo col braccio, poteva starci il penalty. Manda sotto la doccia anche Marquez, questa volta per qualche parola di troppo: esagerata anche in questo caso la decisione presa dall’arbitro pugliese. Ha perso completamente la gara di mano.

 

ATALANTA-LAZIO 1-1, arbitro Orsato 7 - Partita complessa da gestire, con tanti interventi rudi. Ottima però la direzione di Orsato, priva di sbavature, con una gestione oculata dei cartellini.

 

INTER-CHIEVO 0-0, arbitro Guida 5,5 - Paga la pessima prestazione di uno dei due guardalinee. Errate, infatti, quasi tutte le segnalazioni di off-side nel primo tempo. Manca qualche cartellino qua e là e non riesce a raggiungere la sufficienza.

 

NAPOLI-MILAN 0-3, arbitro Mazzoleni 5 - Direzione imperfetta che fortunatamente non ha inciso sul risultato finale. Dopo pochi secondi Hamsik, incuneatosi in area, sorprende alle spalle De Sciglio che lo stende: calcio di rigore ed espulsione per il milanista, decisione ineccepibile. Nella ripresa il Napoli protesta per una trattenuta di Paletta ai danni di Gabbiadini, Mazzoleni lascia proseguire, ma sbaglia: c’era il penalty per i partenopei e la conseguente espulsione del difensore ex Parma. Nel finale Mertens cade in area su presunto contatto con Alex, non c’è assolutamente nulla e bene fa il fischietto di Bergamo a comandare la rimessa dal fondo, ma il belga doveva essere ammonito per simulazione. Male in generale anche nella gestione dei cartellini, prestazione infelice la sua.




Commenta con Facebook