• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Juventus > Juventus, nuovo 'Clasico' col Real. Fiorentina alla prova Siviglia, Napoli attento al Dnipro

Juventus, nuovo 'Clasico' col Real. Fiorentina alla prova Siviglia, Napoli attento al Dnipro

Analisi delle avversarie delle italiane nelle semifinali di Champions ed Europa League


Real Madrid (Getty Images)
Giorgio Musso (Twitter: @GiokerMusso)

24/04/2015 20:45

SORTEGGIO CHAMPIONS EUROPA LEAGUE JUVE-REAL SIVIGLIA-FIORENTINA NAPOLI-DNIPRO / ROMA - Si entra nella fase 'bollente' della stagione, soprattutto sul palcoscenico continentale. Con l'Italia, dopo annate di vacche magre, che reciterà un ruolo di primo piano. Juve in Champions, Fiorentina e Napoli in Europa League: un 'tridente' da sogno in grado di stupire e forse regalare una gioia in campo internazionale che ad una nostra rappresentante manca dal 2010, quando l'Inter di Mourinho trionfò sotto il cielo stellato di Madrid. Proprio quel 'Santiago Bernabeu' che sarà la porta dell'inferno o del paradiso per le news Juventus, con i bianconeri che avranno l'onore e l'onere di contendere un posto per la finalissima di Berlino ai campioni uscenti di Ancelotti.

Andiamo ad analizzare le avversarie che le tre italiane incontreranno in semifinale dopo il sorteggio di Nyon, con la Juventus in Champions League che ha pescato il Real Madrid, mentre Fiorentina e Napoli in Europa League sfideranno rispettivamente Siviglia e Dnipro.

 

Champions League: Juve-Real, 12 anni dopo rimette in palio una finale
 

La Juventus con la sofferta qualificazione ai danni del Monaco è tornata nel lotto delle 'Fab Four' d'Europa a 12 anni di distanza. E, proprio come nel 2003, sulla strada della 'Vecchia Signora' ci sarà nuovamente il Real Madrid per un 'Clasico' che in campo europeo ha già deliziato per ben 16 volte gli appassionati, con otto successi merengues e sette hurrà bianconeri. All'epoca la Juve allenata da Lippi sovvertì il pronostico, di fronte ai 'Galacticos' di Del Bosque che vantavano nelle proprie fila big del calibro di Roberto Carlos, Figo, Raul, Ronaldo (il 'Fenomeno') e Zidane; Allegri proverà ad imitare il collega e corregionale, sperando che i vari Tevez, Vidal e l'ex di turno Morata si trasformino nei Del Piero, Nedved e Trezeguet di turno. Questo Real, almeno sulla carta, sembra più abbordabile rispetto all'undici del 2003, anche perché arriverà alla doppia sfida con 'Madama' senza l'uomo cardine Modric (per lui stagione praticamente conclusa) e con Bale e Benzema non al massimo della condizione dopo gli ultimi acciacchi, senza dimenticare il fattore Liga con i 'Blancos' che nella settimana del doppio impegno di Champions saranno attesi da due gare 'vitali' per il campionato contro Siviglia e Valencia, a dispetto invece di una Juventus che ha ormai messo in cassaforte lo scudetto. A questo, si aggiunge un pacchetto difensivo non irresistibile e un ambiente da qualche mese a questa parte ostile (incomprensibilmente) con l'eroe della 'Decima' Carlo Ancelotti, che la stampa madrilena dà come sicuro partente in estate. Il Real rimane comunque un undici stratosferico a livello di singoli e ha sicuramente ritrovato morale e nuova linfa dopo aver eliminato i cugini dell'Atletico nell'infuocato derby dei quarti, oltre a poter sempre contare su un certo Cristiano Ronaldo (decisivo anche come uomo-assist contro Simeone) e un James Rodriguez in grado di spaccare in due le contese e tornato al top della forma dopo l'infortunio patito a febbraio. Allegri cercherà di tenere in vita la sua Juve nel primo round allo 'Stadium', per poi tentare il colpaccio nel tempio del 'Bernabeu' magari con un Pogba in più nel motore...

Formazione tipo Real Madrid (4-3-3): Casillas; Carvajal, Sergio Ramos, Pepe, Marcelo; Isco, Kroos, James Rodriguez; Bale, Benzema, Cristiano Ronaldo. All.: Ancelotti.

 

Europa League: ostacolo Siviglia per la Fiorentina. Napoli, occhio al Dnipro

 

Il duello Italia-Spagna non si esaurisce però con Juve-Real, visto che la Fiorentina (come i bianconeri del resto) è stata accoppiata al Siviglia campione uscente nella semifinale di Europa League. La più 'spagnola' delle nostre rappresentanti al cospetto di un'outsider di lusso della Liga, che punta a bissare il trionfo di un anno fa a Torino quando ai rigori diede nuova frustazione alla 'maledizione' europea del Benfica. Squadra imprevedibile, spietata e di talento quella di Unai Emery, sicuramente uno dei tecnici più appetiti sul calciomercato e in passato accostato soprattutto alla panchina del Milan. Punto di forza degli andalusi il bomber colombiano Bacca, ieri a segno su rigore nel 2-2 qualificazione in casa dello Zenit, oltre alle geometrie di Banega, alle serpentine del frizzante Vitolo e all'esperienza in mediana del colosso Mbia. Montella ha però le carte per giocarsela ad armi pari e regalare al popolo viola una storica finale.
Fortunatamente niente derby italiano quindi in semifinale, con il Napoli che può sorridere per il sorteggio di stamani a Nyon che ha regalato a Benitez la mina vagante Dnipro. Gli ucraini sono la squadra rivelazione dell'Europa League, ma non per questo da sottovalutare per gli azzurri visto che durante il loro cammino hanno eliminato formazioni ben più blasonate come Olympiacos e Ajax, entrambe retrocesse della Champions. E' il collettivo la forza della squadra di Markevich, con qualche individualità da non trascurare come Konoplyanka (in Italia adocchiato in particolare dalla Roma) e Shakhov, l'uomo copertina contro il Bruges che con la sua prodezza ha steso i belgi trascinando il Dnipro in semifinale. Vietato distarsi per il Napoli: c'è da conquistare una finale 26 anni dopo i fasti del 'Pibe' e magari un trofeo da contendere alla Fiorentina per un derby tutto italiano che riscriverebbe la storia.

Formazione tipo Siviglia (4-2-3-1): Beto; Koke, Pareja, Carriço, Tremoulinas; Krychowiak, Mbia; Vidal, Banega, Vitolo; Bacca. All.: Emery.

Formazione tipo Dnipro (4-2-3-1): Boyko; Fedetskiy, Douglas, Cheberyachko, Matos; Kankava, Rotan; Luchkevich, Shakhov, Konoplyanka; Seleznyov. All.: Markevich.




Commenta con Facebook