• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Pagelle > PAGELLE E TABELLINO DI JUVENTUS-SASSUOLO

PAGELLE E TABELLINO DI JUVENTUS-SASSUOLO

Pogba e Pepe risolvono una gara tiratissima, giocata a viso aperto dai ragazzi di Di Francesco. Bene Zaza e Vrsaljko


Paul Pogba (Getty Images)
Antonio Papa (Twitter: @antoniopapapapa)

09/03/2015 23:08

ECCO LE PAGELLE DI JUVENTUS-SASSUOLO:

 

JUVENTUS

Storari 6 - Il Sassuolo fa tanta densità poco prima dell'area ma davanti al portiere arriva pochissimo. Fa sentire giusto la sua presenza. 

Lichtsteiner 6 -  Si arrabbia sempre quando non riesce ad incidere come d'abitudine, e stasera è una di quelle sere. Preme il giusto, Sansone non è un buon cliente. 

Bonucci 6,5 - Fra Zaza e Sansone lavoro da fare ce n'è parecchio e lui non si tira certo indietro. Sfiora anche il gol con un missile da 30 metri, l'occasione più pericolosa della Juve prima del gol di Pogba. Una garanzia. 

Chiellini 6,5 - Fa capire a Zaza come sarà la vita quando anche lui dovrà affrontare spesso difensori del livello di Giorgione, che si becca in continuazione con l'avversario e gioca un duello sostanzialmente corretto, ma senza esclusione di colpi. 

Evra 6,5 - Fresco e molto propositivo, sulla sinistra crea spesso la superiorità numerica e si avventura in percussioni molto incisive che creano qualche grattacapo alla difesa del Sassuolo. 

Vidal 5,5 - Parte col freno a mano tirato, regala qualche sprazzo ma è davvero poco per lasciare il segno. Ha attraversato momenti migliori. 

Marchisio 6,5 - La gara non è agevolissima, lui entra nelle azioni giuste con la solita sapienza tattica, senza buttare mai un pallone, facendo sempre la cosa giusta. Ordinato. 

Pogba 7 - Paul Labile li attraversa questi momenti un po' così, quelli che in mezzo al campo lo vedi solo quando sbraita perché si arrabbia prima con se stesso e poi con tutti gli altri. Poi però c'è quel lampo, quell'attimo di follia creativa che in un istante cancella lo 0 dal tabellino e dalla sua prestazione. Gol che valgono tanto oro quanto pesano, come lui. 

Pereyra 5,5 - Si alterna con Vidal nel ruolo di trequartista alle spalle delle due punte, ma sia da centrocampista che più avanzato non riesce mai a far sentire la sua presenza in modo costruttivo. Giusto il cambio, giusto e decisivo. Dal 62' Pepe 7 - Il suo ingresso cambia le carte in tavola e regala alla Juve quello spunto che era mancato nella prima ora. Un gran cross sulla testa di Llorente, poi l'affondo che porta Pogba al gol. Ha così tanta fame che ogni volta che è in campo sbrana gli avversari e fa la differenza. 

Tevez 6 - L'Apache ha le polveri bagnate, ma ogni volta che ha il pallone sul piede dà sempre la sensazione di poter far male e mette in difficoltà gli avversari. Quando basta dire "bu!" per farsi valere. Dall'85' Barzagli sv - Pochi minuti per un grande ritorno dopo un calvario durato nove mesi. Un parto, ma ne è valsa la pena. Bentornato. 

Morata 5,5 - Ad inizio partita accusa un problema fisico che forse lo limita un po', lo porta anche a chiedere il cambio, poi recupera ma è un problema che forse lo condizione un po'. La qualità c'è sempre, stasera manca un po' di peso offensivo. Dal 62' Llorente 5,5 - Anche lui come il compagno non riceve molta assistenza dalle retrovie. Poche occasioni per farsi valere, sfruttate non al meglio. 

All. Allegri 7 - La Juve soffre tanto ma dà sempre la sensazione di avere la situazione sotto controllo, con la consueta ferocia agonistica che però stasera si scontra con un muro. Ci vuole il coniglio dal cilindro per risolverla, e anche il mister ci mette del suo: Pepe è un'intuizione felice, un'intuizione che entra a pieno titolo nell'azione del gol. Il guizzo del campione anche in panca. 


SASSUOLO 

Consigli 6,5 - Una paratissima su Pogba, con palla che probabilmente sarebbe uscita comunque. Un altro paio di ottimi interventi, poi la frustata del francese che rovina tanto lavoro. Si dispera, giustamente. 

Vrsaljko 6,5 - Primo tempo più prudente, la ripresa lo vede molto più propositivo, costante nella spinta ai danni di Evra. Anche lui è in odore di Juve e anche per lui, come per Zaza, questa gara vale senz'altro come biglietto da visita. 

Acerbi 5,5 - Gioca una gara attentissima e come sempre è il leader del reparto, ma sul gol di Pogba è fuori posizione e si fa prendere d'infilata dall'invenzione di Pogba. Un errore che getta via 80 minuti straordinari giocati da lui e dai suoi compagni. 

Peluso 6 - L'ex di turno sfodera una prestazione da applausi, di esperienza e grande concentrazione, sacrificandosi in un ruolo non suo con la dimestichezza di un veterano. Una "vendetta" niente male, rovinata nelle battute conclusive da un contropiede finito in tragedia. Si starà mangiando le mani.  

Longhi 6 - Lichtsteiner è un cliente arcigno e anche parecchio antipatico, lui lo argina con mestiere e tanta corsa. Bel duello su quella fascia. 

Brighi 6,5 - In pochi lo ricordano ma anche lui è un ex bianconero. Non ha fatto la carriera che ci si aspettava, ma è rimasto sempre un ottimo mediano, dal motore rombante, che non dice mai di no. Un altro che stasera ha dato tutto. Dal 78' Chibsah s.v.

Magnanelli 6,5 - Molto lucido nell'organizzazione del gioco, generosissimo in chiusura. Cala vistosamente dopo un'oretta, segno che ha dato davvero tutto. 

Missiroli 6,5 - Anche lui corre tantissimo ma ci mette anche tanta qualità. Aperture di fino, passaggi sempre precisi, inserimenti pericolosi. Un altro calciatore rigenerato da Di Francesco. Dall'84' Lazarevic s.v.

Berardi 5,5 - Tanta qualità anche per lui, che fra i piedi sembra avere la bacchetta magica rivestita di velluto. L'età e l'esperienza però sono quelle che sono, idem la testaccia che gli fa commettere errori come quello che causa la ripartenza Juve in occasione del gol decisivo. Peccato davvero. 

Zaza 6,5 - E' la "sua" partita e lo sa bene. Si batte come un leone con Chiellini, gioca di fino ma anche col fisico, tiene costantemente in difficoltà l'intera difesa juventina. Se questo era l'assaggio di Juventus Stadium non vediamo l'ora di provare la pietanza completa. 

Sansone 6,5 - Come sempre dà un apporto fenomenale in termini di corsa e crea una mole di gioco imponente sul lato sinistro. Sostituito sia per rinforzare il centrocampo sia perché davvero non ne aveva più. Dal 71' Taider s.v.

All. Di Francesco 6,5 - Arriva ad un passo dall'impresa allo Stadium mettendo in campo una squadra che non rinnega mai la sua natura, propositiva ma finalmente anche accorta, concentratissima e focalizzata sull'obiettivo di fare risultato. Un tecnico che meriterebbe ben altra classifica: sarebbe bello se invece di arrivarci con una big la raggiungesse con questo Sassuolo. 


Arbitro Peruzzo 6 - Rischia il pestaggio da parte di Zaza nel finale, "colpa" di un cartellino giallo per fallo di mano che effettivamente c'era. Gara agevole, senza grossi episodi da moviola. 

 

TABELLINO 

JUVENTUS-SASSUOLO 1-0

Juventus (4-3-1-2): Storari; Lichtsteiner, Bonucci, Chiellini, Evra; Vidal, Marchisio, Pogba; Pereyra (Dal 62' Pepe), Morata (Dal 62' Llorente), Tevez (85' Barzagli). A disp: Rubinho, Audero; De Ceglie, Padoin, Ogbonna, Sturaro, Matri. All. Allegri

Sassuolo (4-3-3): Consigli; Vrsaljko, Acerbi, Peluso, Longhi; Brighi (Dal 78' Chibsah), Magnanelli, Missiroli (Dall'84' Lazarevic); Berardi, Zaza, Sansone (Dal 71' Taider). A disp: Pomini, Polito; Bianco, Natali, Fontanesi, Biondini, Donis, Floro Flores, Floccari. All. Di Francesco

Arbitro: Peruzzo di Schio

Marcatori: 82' Pogba (J)

Ammoniti: 26' Missiroli (S), 37' Tevez (J), 69' Sansone (S), 77' Pogba (J), 79' Magnanelli (S), 91' Zaza (J)




Commenta con Facebook