• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Pagelle > PAGELLE E TABELLINO DI EMPOLI-INTER

PAGELLE E TABELLINO DI EMPOLI-INTER

Handanovic salva l'Inter. Valdifiori crea tanto, a Pucciarelli manca solo il gol


Andrea Della Sala

17/01/2015 19:59

ECCO LE PAGELLE DI EMPOLI-INTER:

EMPOLI

Sepe 6 – L’Inter non calcia mai in porta, si limita ad accompagnare fuori un colpo di testa di Palacio.

Barba 5,5 – A differenza di Hysaj non lo si vede mai in fase offensiva e quando cerca di spingere non crea mai pericoli. Troppo timido, pensa solo a non concedere metri all’avanzata dell’Inter.

Rugani 6,5 – Conferma quanto di buono detto di lui finora da tutti gli operatori dell’ambiente. Insuperabile sulle palle alte, annulla Icardi a cui concede poco e niente. E’ giovane ma dimostra di avere grande maturità.

Tonelli 6 – L’Inter non crea pericoli in attacco, ma questo anche per merito di una coppia difensiva ormai ben collaudata. Nessun rischio e gara di grande concretezza.

Hysaj 6,5 – Partita coraggiosa, non si tira mai indietro. Arriva spesso al cross, conquistando la fascia e in un paio di occasioni prova anche il tiro. Non soffre mai in fase difensiva.

Vecino 6 – E’ lui a dare equilibrio alla squadra empolese. Si piazza in mediana e cerca di smistare tutti i palloni che gli arrivano.

Valdifiori 7 – E’ il cervello della squadra di Sarri. Tutta la manovra dei toscani passa dai suoi piedi, dalla sua testa e dalle sue intuizioni. Impossibile vederlo sbagliare un passaggio, recupera palla e rilancia i suoi all’attacco. Velenoso sui calci da fermo.

Croce 6 – Fa il lavoro sporco, lo si vede poco, ma corre davvero tanto.

Verdi 6,5 – Dà filo da torcere alla retroguardia nerazzurra, si rende sempre pericoloso con i suoi inserimenti e la sua velocità. Quando accelera apre la difesa dell’Inter. Dal 65’ Zielinski 6 – Ha una buona occasione, ma Handanovic gli nega la gioia del gol

Mchedlidze 5,5 – Ha una buona occasione nel primo tempo, ma niente di più. Prova a sfruttare l’occasione che l’allenatore gli concede schierandolo titolare, ma forse la troppa voglia lo frega. Dal 71’ Maccarone 5,5 – Entra nel finale, ma non trova mai la porta.

Pucciarelli 7 – Mina vagante. Sicuramente il più pericoloso dell’Empoli. Impegna Handanovic con due bei diagonali, con i quali va vicino al gol. Cona la sua rapidità tiene in apprensione tutto il reparto difensivo dell’Inter. Dall’84’ Tavano sv.

All. Sarri 6,5 – Alla fine è lui ad avere qualche rimpianto al termine della gara. Questo Empoli conferma di essere una squadra difficile da affrontare, soprattutto sul proprio terreno di gioco. Il punto gli va stretto, sono i padroni di casa a creare le occasioni migliori.

INTER

Handanovic 7 – L’Empoli mette sempre grande apprensione, nel primo tempo sembra un po’ disorientato, soprattutto sull’occasione di Mchedlidze. Nel secondo dimostra ancora una volta la sua importanza, deviando due conclusioni ravvicinate di Pucciarelli, prima di mano e poi di piede. Decisivo anche su Zielinski.

Campagnaro 6 – Alterna buoni recuperi ad alcune amnesie. Non ha la spinta di un terzino di ruolo, ma tutto sommato fa il suo dovere come al solito.

Vidic 5,5 – Confermato al centro della difesa, complice anche l’assenza di Juan Jesus. Dimostra di adattarsi certamente meglio nella difesa a quattro, anche se rimane qualche incertezza. Si rende pericoloso di testa su calcio d’angolo.

Ranocchia 6 – Nel primo tempo l’Empoli preme e crea qualche fastidio alla retroguardia nerazzurra, il capitano dell’Inter, al rientro dopo la squalifica, non va in affanno ma riesce e riesce a limitare gli attaccanti dell’Empoli. Dal 46’ Andreolli 5,5 – Ben quando deve chiudere, meno bene sicuramente quando ha la palla tra i piedi e deve far ripartire l’azione, si mette in difficoltà da solo.

D'Ambrosio 5,5 – Molto meno convincente rispetto alle ultime prestazioni. Mai pericoloso, quasi mai riesce ad andare al traversone. Sventa una buona occasione dell’Empoli, ma era tra i più in forma e da lui ci si aspettava di più.

Guarin 6 – La posizione gli piace e si vede. Si cala alla perfezione nel ruolo di mediano, di fianco a Medel. Ha spazio per le sue accelerazioni, ne trova poche, ma è lui ad innescare l’azione dell’Inter. Ripiega spesso indietro, rendendosi importante anche in fase difensiva.

Medel 5,5 – Fa quello che può. I suoi limiti in fase di costruzione sono evidenti, non ha il piede per servire le punte e infatti lo fa raramente. Sradica qualche palla, ma non è il solito martello a centrocampo.

Hernanes 5,5 – Gioca in un ruolo che non è il suo. Ha la qualità, ma non la corsa per giocare sulla fascia. Fatica a portare palla e non si fa trovare pronto quando gli tocca ripiegare in difesa. Serve una gran palla a Palacio, ma la sua partita è solo in quel passaggio.

Palacio 5 – Parte a destra, poi si sposta a sinistra e chiude da punta. Non fa mai mancare la sua corsa e il suo spirito di sacrificio, ma non ha lo spunto per mettere in difficoltà la retroguardia dell’Empoli. Ha una grande occasione su assist di Hernanes, ma il suo tiro di testa finisce fuori.

Podolski 5 – Meno entusiasmante rispetto alle prime due uscite con l’Inter. Servito poco, non è mai al centro della manovra della squadra di Mancini. Dal 73’ Shaqiri 5,5 – Entra nel finale, ma non riesce a incidere. Ha bisogno di giocare.

Icardi 5 – Combina davvero poco. Come al solito quando la squadra non gira e crea poco, lui è quello che fa la figura peggiore. Pochi palloni giocabili, nessuna occasione da gol creata, Mancini lo sostituisce nella ripresa. Dal 59’ Kovacic 5,5 – Chiamato da Mancini per cercare di accendere un’idea in una giornata negativa per i nerazzurri. Non riesce, però, nell’intento. Anonimo.

All. Mancini 5,5 – Non convince la soluzione Hernanes sulla fascia. Davanti l’Inter non crea praticamente nemmeno un’occasione da rete. Attende forse troppo a cambiare qualcosa davanti. Ha ancora tanto da lavorare.

Arbitro: Doveri 6 – Buona gestione della gara. Vede bene in tutte le decisioni che prende. Decide di dirigere la gara lasciando giocare e sanzionando poco, e alla fine la scelta è quella giusta.

 

TABELLINO

EMPOLI-INTER 0-0

EMPOLI (4-3-1-2): Sepe; Barba, Rugani, Tonelli, Hysaj; Vecino, Valdifiori, Croce; Verdi (dal 65’ Zielinski); Mchedlidze (dal 71’ Maccarone), Pucciarelli (dall’84 Tavano). A disposizione: Pugliesi, Bassi, Laurini, Perticone, Signorelli, Laxalt, Bianchetti. Allenatore: Maurizio Sarri.

INTER (4-2-3-1): Handanovic; Campagnaro, Vidic, Ranocchia (dal 46’ Andreolli), D'Ambrosio; Guarin, Medel; Hernanes, Palacio, Podolski (dal 73’ Shaqiri); Icardi (dal 59’ Kovacic). A disposizione: Carrizo, Berni, Kuzmanovic, Obi, Dodò, Mbaye, Krhin, Donkor, Bonazzoli. Allenatore: Roberto Mancini.

Marcatori:

Arbitro: Doveri

Ammoniti: 57’ Mchedlidze (E), 86’ Vidic (I)

Espulsi:




Commenta con Facebook