• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Juventus > Juventus-Inter, Allegri: "Sneijder? Facciamolo arrivare. Se Tevez vorrà andar via..."

Juventus-Inter, Allegri: "Sneijder? Facciamolo arrivare. Se Tevez vorrà andar via..."

Manca un giorno al derby d'Italia e l'allenatore bianconero prepara la sfida


Massimiliano Allegri (Getty Images)
Matteo Torre (@torrelocchetta)

05/01/2015 11:50

JUVENTUS INTER ALLEGRI TEVEZ SNEIJDER / VINOVO - Il derby d'Italia è alle porte. Domani andrà in scena Juventus-Inter e oggi l'allenatore bianconero, Massimiliano Allegri, incontra i giornalisti nella consueta conferenza stampa della vigilia, che coincide col giorno di apertura del calciomercato invernale. Calciomercato.it l'ha seguita in diretta per voi.

"Siamo tornati carichi dopo le vacanze e cinque mesi ad alta intensità", ha esordito Allegri. "La prima dell'anno è sempre difficile, è una partita strana. Domani dipenderà dalla concentrazione, non dalla tecnica o dallo stato fisico".

INFORTUNATI - "Caceres e Marrone sono in gruppo, mentre Barzagli e Romulo restano lungodegenti. Gli altri stanno tutti bene".

SUPERCOPPA - "Non c'è contraccolpo dopo Doha. A me piace vincere sempre ma è stata una gara decisa dopo quindici rigori, con tre match ball sprecati. Dispiace aver perso, ma direi che il percorso della Juventus dal mio arrivo è quasi netto a livello di obiettivi. Più avanza la stagione più crescono gli obiettivi da raggiungere".

TEVEZ - Subito un importante tasto del calciomercato Juventus, dopo le dichiarazioni dell''Apache': "Manca ancora un anno e mezzo, spesso o a volte si può cambiare idea. Magari ha detto le cose in un momento di rilassatezza. Credo non ci sia niente di particolare. In Italia facciamo dietrologie che servono a poco. Siamo dei professionisti, uno può tranquillamente avere l'idea per motivi suoi di cambiare squadre tra un anno, ma su questo non c'è niente di particolare. Farà il professionista fino alla fine. In America il professionismo è vissuto così e non credo facciano dietrologie come in Italia. Se tra due anni vorrà andare via è giusto che lo faccia, per il bene suo e della società. Il calcio e la vita non si fermano, altrimenti saremmo fermi ai tempi di Pelé".

CHI SEGNA? - "Abbiamo fatto 34 gol e avuto molte occasioni a Doha. Tevez gioca più di tutti in attacco ed è normale che sia capocannoniere con le sue qualità. Hanno segnato anche i centrocampisti: sento dire che Vidal non è quello dell'anno scorso, ma ha già segnato 5 gol e continuando così andrà a quota 10-12. Gli attaccanti non fanno più fatica: ci sono momenti in cui segnano più loro o i centrocampisti. A fine stagione i numeri son quelli e non si scappa. Ora gradirei qualche gol dei difensori su palla inattiva".

SNEIJDER - "Wesley e Pirlo compatibili o in competizione con Vidal e Pereyra? Anzitutto facciamolo arrivare, se arriva. E' ancora un giocatore del Galatasaray. Il nostro obiettivo deve essere migliorare e per farlo servono giocatori qualitativamente pari o superiori a quelli in organico. Sneijder ha grandi qualità tecniche e completerebbe un centrocampo già molto forte, creando competizione importante".

INTER - "Dobbiamo migliorare, siamo stati meno brillanti nelle ultime partite. I nerazzurri stanno guadagnando via via più fiducia e sono sempre pericolosi. Domani vincere sarà difficile ma dovremo farlo. Solo dopo penseremo al Napoli".

BORUSSIA DORTMUND - "Quando ci prepareremo per affrontarlo lo faremo con l'obiettivo di andare ai quarti di Champions League".




Commenta con Facebook