• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Atalanta > Lazio-Atalanta, Colantuono: "Ne verremo a capo col lavoro"

Lazio-Atalanta, Colantuono: "Ne verremo a capo col lavoro"

Il tecnico bergamasco ha parlato lucidamente della sconfitta in casa della Lazio


Stefano Colantuono (Getty Images)
Michele Furlan (Twitter: @MicheleFurlan1)

13/12/2014 23:11

CALCIO SERIE A LAZIO ATALANTA / ROMA - Stefano Colantuono è molto lucido nell'analizzare a 'Sky Sport' la sconfitta per 3-0 della sua Atalanta in casa della Lazio. Queste le parole del tecnico neroblu: "C'è qualche problema. Sugli esterni abbiamo tanti infortuni come Estigarriba e Raimondi. Il Papu Gomez si è fatto male e non è ancora in condizione, speriamo recuperi tono per il 2015. Questa sera per dare sostegno a Denis ho pensato di far giocare Bianchi con Moralez a supporto. Abbiamo fatto poco, avevamo tenuto bene contro una squadra che ci è superiore. Non so se cambierò, navighiamo a vista. Finché non avremo i giocatori in condizione dovremo riflettere. I giocatori sono duttili e capaci di interpretare le situazioni".

PARTITA- "Abbiamo una fase difensiva ottima. Il primo gol ci ha scombinato, poi abbiamo provato ad alzarci e la Lazio che ha qualità è stata difficile da contenere. I meriti della Lazio vanno riconosciuti. Da domani ci rimettiamo sotto per fare punti".

STAGIONE- "Siamo alla ricerca di far qualcosa di meglio in attacco. Stasera abbiamo sbagliato ma finora non abbiamo fatto male anche non raccogliendo. Nelle ultime 6 abbiamo perso solo con la Roma immeritatamente. Con il Cesena perdevamo 2-0 e abbiamo recuperato la partita. Fuori casa è diverso da ciò che riusciamo a fare a Bergamo. Dobbiamo migliorarci, abbiamo sbagliato tanto. Col lavoro ne verremo a capo, sarà un campionato di sofferenza. E' nel nostro dna soffrire".




Commenta con Facebook