• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Primo Piano > ITALIANS EURO 2016 - Kucka ancora a segno. Lulic, errore incredibile

ITALIANS EURO 2016 - Kucka ancora a segno. Lulic, errore incredibile

Le pagelle degli stranieri della Serie A impegnati nelle qualificazioni agli Europei 2016


Juraj Kucka (Getty Images)
Hervé Sacchi (@hervesacchi)

17/11/2014 16:00

ITALIANS EURO 2016 PAGELLE STRANIERI SERIE A QUALIFICAZIONI EUROPEI / ROMA - Nuovo appuntamento con la rubrica di Calciomercato.it che, oggi, propone tutte le pagelle dei giocatori europei della Serie A che sono stati impegnati nelle gare di qualificazione a Euro 2016. Solo un calciatore è andato a segno e si tratta di Juraj Kucka: il genoano è stato il migliore di questo turno. Un errore clamoroso davanti alla porta invece, costa l'insufficienza grave al laziale Senad Lulic.

Vediamo nel dettaglio tutte le pagelle degli Italians.

 

GRUPPO A (Islanda, Rep. Ceca, Lettonia, Kazakistan, Olanda, Turchia)

STEFAN DE VRIJ (Olanda - Lazio): 6 - Pericoli davvero limitati da parte della Lettonia e dunque serata tranquilla per il difensore della Lazio.

NIGEL DE JONG (Olanda - Milan) - Infortunato, non convocato.

EMIL HALFREDSSON (Islanda - Hellas Verona): 5,5 - Schierato a destra non riesce a dare il meglio di sé e viene sostituito a mezz'ora dal termine.

HOROUR MAGNUSSON (Islanda - Cesena) - In panchina contro la Repubblica Ceca.


GRUPPO B (Cipro, Galles, Israele, Belgio, Bosnia, Andorra)

DRIES MERTENS (Belgio - Napoli): s.v. - Entra nel secondo tempo per cercare di dare una sferzata alla gara. Invece è costretto a uscire pochi minuti dopo per un infortunio alla testa. Ha già rassicurato tutti sulle sue condizioni.

RADJA NAINGGOLAN (Belgio - Roma) - In panchina contro il Galles.

JEAN-FRANCOIS GILLET (Belgio - Torino) - In panchina contro il Galles.

SENAD LULIC (Bosnia - Lazio): 4,5 - Clamoroso il gol che si divora, tutto solo, a pochi centimetri dalla linea di porta. Sullo 0-0 poteva cambiare le sorti della gara.

MIRALEM PJANIC (Bosnia - Roma): 5,5 - Partita in chiaroscuro per lui. Prova a fare male sulle palle inattive ma commette anche qualche errore grave (un retropassaggio poteva costare in anticipo il gol del 0-3). Nel secondo tempo si accascia a terra e viene sostituito. Nessun problema, solo una delle conseguenze dell'influenza accusata in settimana.


GRUPPO C (Spagna, Slovacchia, Lussemburgo, Bielorussia, Ucraina, Macedonia)

RAUL ALBIOL (Spagna - Napoli) - In panchina contro la Bielorussia.

JOSE' CALLEJON (Spagna - Napoli): 6 - Entra nella ripresa, a risultato acquisito. Si vede comunque che ha voglia di dimostrare il suo potenziale. Corre e si batte con molta applicazione. Del Bosque sa che può contare anche su di lui.

ALVARO MORATA (Spagna - Juventus): s.v. - Solo 10' per lui.

MAREK HAMSIK (Slovacchia - Napoli): 6 - Ha un'occasione per segnare al quinto minuto del primo tempo. Alimenta le avanzate della sua Slovacchia ma è meno incisivo del solito. La sua prestazione è comunque sufficiente.

JURAJ KUCKA (Slovacchia - Genoa): 7 - Riesce a trovare un'altra rete con la sua Nazionale. L'infortunio è davvero lontano e ora, anche lui, è diventato un vero e punto di riferimento per la sua selezione.

STEFAN RISTOVSKI (Macedonia - Parma): 5 - Si perde Kucka nell'occasione che porta al primo gol della Slovacchia.


GRUPPO D (Germania, Polonia, Irlanda, Scozia, Georgia, Gibilterra)

KAMIL GLIK (Polonia - Torino) - Rimedia un'ammonizione al minuto '79, ma è solo una piccola macchia sull'ennesima prova positiva. Contro la Georgia, la sua Nazionale ha disputato una prova impeccabile, culminata con un secco 4-0.

PIOTR ZIELINSKI (Polonia - Empoli) - In panchina contro la Georgia.

LEVAN MCHELIDZE (Georgia - Empoli): 5,5 - E' titolare ma di fatto ha davvero pochi palloni giocabili. Non impensierisce la difesa polacca.
 

GRUPPO E (Inghilterra, Lituania, Estonia, Slovenia, San Marino, Svizzera)

SAMIR HANDANOVIC (Slovenia - Inter): 5,5 - Intuisce il rigore di Rooney ma non riesce a deviare la traiettoria. Forse poteva fare qualcosina di più nell'azione che porta alla seconda rete.

BOSTJAN CESAR (Slovenia - Chievo Verona): 5 - E' lui a provocare il rigore, comunque generoso, con il quale l'Inghilterra prontamente recupera lo svantaggio. A tratti nervoso, c'è una gomitata ai danni di Lallana che in Inghilterra ha fatto discutere.

JASMIN KURTIC (Slovenia - Fiorentina): 5 - Passaggi non propriamente precisi caratterizzano la sua gara. Da sottolineare anche un brutto retropassaggio ad Handanovic che permette all'Inghilterra di usufruire di un corner. Avrebbe potuto fare di più.

VALTER BIRSA (Slovenia - Chievo Verona): 5,5 - Un po' meglio dei compagni citati. Schierato titolare, cerca di creare qualche problema a Clyne, ma in circa 60 minuti di gioco i pericoli sono stati comunque pochi e di minima entità.

DEJAN LAZAREVIC (Slovenia - Chievo Verona): 5,5 - Ha mezz'ora di tempo per farsi vedere, ma non riesce a far meglio di Birsa.

STEPHAN LICHTSTEINER (Svizzera - Juventus): 6,5 - Ci mette un po' la Svizzera a trovare il vantaggio, ma dopo essersi sbloccata gira che è una meraviglia. Lituania travolta 4-0 e novanta minuti per lo juventino che, obiettivamente, non è stato granché impegnato in fase difensiva. In avanti, ci hanno pensato gli interpreti offensivi ad alimentare la manovra e creare le migliori occasioni da gol per cui non ha dovuto spendere grandi energie per supportare le azioni d'attacco.

GOKHAN INLER (Svizzera - Napoli): 6,5 - Novanta minuti anche per lui. Attento e preciso, ha ritrovato i suoi ex compagni di club Behrami e Dzemaili con cui ha composta una linea mediana validissima.


GRUPPO F (Finlandia, Irlanda del Nord, Romania, Ungheria, Grecia, Faer Oer)

PERPARIM HETEMAJ (Finlandia - Chievo Verona): 5 - Gara non facile per la Finlandia che, in Ungheria, esce sconfitta per 1-0. Il centrocampista del Chievo, schierato titolare, non ha inciso.

KOSTAS MANOLAS (Grecia - Roma): 5 - Qualche pasticcio di troppo per il difensore romanista, su cui pesa discretamente anche il gol realizzato dalle Faer Oer: è infatti lui a tenere in gioco Edmundsson. Anche nel primo tempo qualche svista di troppo ha permesso agli avversari di poter cogliere impreparata la difesa. Non certo la sua miglior partita in Nazionale.

JOSE' HOLEBAS (Grecia - Roma) - Infortunato, non convocato.

VASILIS TOROSIDIS (Grecia - Roma): 5,5 - Talvolta è troppo sbilanciato in avanti. E' chiaro che era la Grecia a dover fare la partita contro le Faer Oer.

PANAGIOTIS KONE' (Grecia - Udinese): 5,5 - Una traversa e un altro paio di occasioni mancate. Tuttavia, un errore colossale davanti alla porta gli costa un peggioramento della valutazione.

PANAGIOTIS TACHTSIDIS (Grecia - Hellas Verona) - Non convocato.

LAZAROS CHRISTODOULOPOULOS (Grecia - Hellas Verona): 5 - Ha un'occasione per segnare nel primo tempo, ma la sua conclusione non trova lo specchio della porta.

VANGELIS MORAS (Grecia - Hellas Verona): 5 - Alla fine è stato schierato titolare da Ranieri. Nell'occasione del gol preferisce alzare la linea e mettere in fuorigioco Edmundsson. Manolas resta impiantato e il gol è valido.

ORESTIS KARNEZIS (Grecia - Udinese): 6,5 - Compie due belle parate nel primo tempo. Il gol subito, per rapidità d'esecuzione, risulta imprendibile nonostante il tiro non fosse propriamente angolato. Si aspettava una serata tranquilla e invece è stato impegnato in diverse occasioni. Il migliore dei suoi e questo dice tutto.

CIPRIAN TATARUSANU (Romania - Fiorentina): 6 - Mantiene inviolata la porta nel difficile match contro l'Irlanda del Nord, precedentemente a punteggio pieno. Dalle sue parti non arrivano conclusioni irresistibili, ma è sempre attento quando chiamato in causa.

 

GRUPPO G (Russia, Montenegro, Austria, Svezia, Moldavia, Liechtenstein)

ALBIN EKDAL (Svezia - Cagliari): 5,5 - Dopo che la Svezia ha subito il gol del pareggio, ha una grossa occasione per riportare la sua Nazionale in vantaggio. Spreca malamente, spedendo un pallone piuttosto facile alto sopra la traversa. Non si era comportato male, ma questo errore pesa discretamente sulla sua pagella.

PONTUS JANSSON (Svezia - Torino) - In panchina contro il Montenegro.

STEFAN SAVIC (Montenegro - Fiorentina): 5,5 - Non è reattivo sul pallone che arriva a Ibrahimovic e che lo svedese spedisce in porta con la punta.  

ARTUR IONITA (Moldavia - Hellas Verona): 6,5 - Va vicino al gol in diverse occasioni. E' certamente il giocatore di maggior qualità nella sua Nazionale. Nonostante tutto, non riesce a contribuire e così a evitare la sconfitta contro il Liechtenstein. Non si può dire comunque che non ci abbia provato.


GRUPPO H (Italia, Croazia, Bulgaria, Azerbaigian, Malta, Norvegia)

MATEO KOVACIC (Croazia - Inter): 5,5 - Parte come riserva ma l'infortunio a Modric gli permette di trovare la via del campo, che peraltro conosce bene. Nonostante ciò, non si trova a proprio agio. Davanti al neo-tecnico Mancini, la sua prestazione non è stata propriamente incoraggiante.

SIME VRSALJKO (Croazia - Sassuolo) - In panchina contro l'Italia.

MILAN BADELJ (Croazia - Fiorentina): s.v. - Entra a pochi minuti dal termine della gara.


GRUPPO I (Danimarca, Albania, Serbia, Armenia, Portogallo)

LORIK CANA (Albania - Lazio) - Non impegnato in gare di qualificazione.

ETRIT BERISHA (Albania - Lazio) - Non impegnato in gare di qualificazione.

ELSEID HYSAJ (Albania - Empoli) - Non impegnato in gare di qualificazione.

FILIP DJORDJEVIC (Serbia - Lazio) - In panchina.

ZDRAVKO KUZMANOVIC (Serbia - Inter): 5,5 - Viene chiamato in causa dopo l'intervallo. Disputa così 45 minuti. Complessivamente sfortunato visto che, nella ripresa, la sua Serbia - precedentemente in vantaggio 1-0 - subisce tre reti.

NENAD TOMOVIC (Serbia - Fiorentina) - In panchina contro la Danimarca.

ZELJKO BRKIC (Serbia - Udinese) - In panchina.

NIKOLA MAKSIMOVIC (Serbia - Torino) - In panchina.

 




Commenta con Facebook