• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Inter > Calciomercato Inter, Mazzarri sotto osservazione: il Piano B degli 'ex'

Calciomercato Inter, Mazzarri sotto osservazione: il Piano B degli 'ex'

Il fairplay finanziario potrebbe condizionare le scelte di Thohir


Walter Mazzarri (Getty Images)
Stefano D'Alessio (Twitter: @SDAlessio)

28/10/2014 07:33

CALCIOMERCATO INTER MAZZARRI VECCHI MANCINI ZENGA LEONARDO MIHAJLOVIC / MILANO - "Per conoscere il destino di Mazzarri saranno decisive le prossime due partite. Anzi, no: i risultati sono importanti, ma non siamo qui per contare le partite a nessuno". Erick Thohir, nel giro di 24 ore, ha detto tutto e il contrario di tutto ("Le mie parole sono state travisate") sul calciomercato Inter.

SOTTO OSSERVAZIONE - Una cosa è certa, scrive oggi 'La Gazzetta dello Sport': Walter Mazzarri resta comunque sotto osservazione nelle prossime partite contro Sampdoria e Parma, con il presidente Thohir alla ricerca di conferme sul carattere, la capacità di reagire e la fluidità di manovra della squadra.

Secondo il quotidiano milanese, l'ipotesi esonero resta lontana: la strategia di Thohir, salvo nuove catastrofi (con slittamento nella parte destra della classifica), resta quella di cercare nuove strade a giugno, quando la scelta sarà più ampia (vedi lo stesso Mihajlovic, che si potrebbe giocare il proprio futuro nerazzurro domani a 'San Siro').

ALTERNATIVE - La dirigenza, ad ogni modo, sta studiando un Piano B che prevede il possibile ritorno di molti ex, a partire da Roberto Mancini. Costoso ma senza panchina e pronto ad accettare la sfida, al momento il 'Mancio' è l'ipotesi più suggestiva. Poi c’è Walter Zenga, idolo dei tifosi e anche lui in cerca di squadra. Leonardo, da par suo, mantiene inalterato il suo appeal ma è una figura più legata al dimissionario Massimo Moratti. E l’ipotesi interna Stefano Vecchi, tecnico che con la Primavera nerazzurra ha vinto fin qui 7 gare su 7, non va trascurata perché il 7 novembre l’Inter andrà alla Uefa per garantire che, pur essendo fuori dai parametri del fairplay finanziario, ha intrapreso un percorso di aumento dei ricavi e di riduzione dei costi. Andare a Nyon con una spesa extra di calciomercato non si può...




Commenta con Facebook