• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Italia > Italia Under 21, Belotti: "Ci davano per spacciati, ora anche in A credono in noi"

Italia Under 21, Belotti: "Ci davano per spacciati, ora anche in A credono in noi"

Il centravanti del Palermo sul match con la Slovacchia: "Puntiamo solo a vincere"


Andrea Belotti (Getty Images)

13/10/2014 10:02

ITALIA UNDER 21 BELOTTI / ROMA - E' la vigilia del match di ritorno tra Italia e Slovacchia Under 21 per accedere all'Europeo di categoria del prossimo anno e per un posto alle prossime Olimpiadi. Dopo l'1-1 dell'andata, il centravanti Andrea Belotti appare fiducioso: "E' una gara molto importante, dobbiamo fare del nostro meglio. Abbiamo due risultati su tre per passare il turno, ma puntiamo solo alla vittoria. Siamo consapevoli delle nostre qualità e dei nostri mezzi. Tanti complimenti? Non devo montarmi la testa, basta poco per sentirsi arrivati e perdersi. Io invece voglio rimanere sempre concentrato e seguire i consigli del mister e dei compagni. Italia dei 'B Four' in attacco? Sì, ma non solo noi quattro: è tutto il gruppo che sta facendo bene. Ognuno mette le proprie caratteristiche al servizio della squadra, poi siamo migliorati grazie al mister e al suo staff. Più fiducia nei giovani? Tutti ci davano per spacciati nel girone, ma siamo riusciti a qualificarci: per questo gli allenatori di Serie A hanno iniziato a darci fiducia. Sia col Palermo che con la Nazionale ho sempre dato tutto e non ho paura: provo sempre a far bene quando vengo chiamato in causa sia da titolare che da subentrante. Troppi stranieri in Italia? Ultimamente è stato un po' cos: hanno preso giocatori già 'fatti' all'estero, lasciando poco spazio per i giovani, ma poi hanno avuto problemi di lingua e ambientamento... Abbiamo dato un segnale forte che anche noi siamo presenti e possiamo essere importanti".

M.R.




Commenta con Facebook