• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Juventus > Juventus, scatta l'ora di Morata: come cambiano le gerarchie in attacco

Juventus, scatta l'ora di Morata: come cambiano le gerarchie in attacco

Focus sul rientro dell'attaccante spagnolo e sulle dinamiche del reparto offensivo bianconero


Michele Furlan (Twitter: @MicheleFurlan1)

08/09/2014 15:51

CALCIO JUVENTUS MORATA SERIE A CHAMPIONS LEAGUE ALLEGRI LLORENTE TEVEZ GIOVINCO COMAN / TORINO- Buone news Juventus: Alvaro Morata ha recuperato, è pronto e nelle prossime settimane farà di tutto per prendersi un posto da titolare nell'attacco bianconero. Il centravanti spagnolo classe '92 infatti rappresenta il fiore all'occhiello della campagna acquisti del club di corso Galileo Ferraris che lo hanno prelevato dal Real Madrid pagando venti milioni di euro, cifra record della gestione Andrea Agnelli. L'avventura di Morata è però cominciata malissimo con un infortunio al ginocchio nei primi giorni di allenamento ed il conseguente stop di 50 giorni, che lo ha costretto a saltare la preparazione estiva. Un inzio in salita che non ha però condizionato il morale del giocatore, pronto a stupire Massimiliano Allegri che lo sta aspettando e che è pronto a valutarne l'impatto con il mondo Juventus.


Morata, come detto, è pronto per fare il suo esordio con la maglia bianconera. Gli scenari possibili sono due, secondo quanto riportato da 'Tuttosport'. Il giocatore spagnolo infatti potrebbe trovare spazio trai i convocati per la sfida di sabato contro l'Udinese, ma al massimo siederà in panchina per giocare uno spezzone. Il 'Morata-day' dunque potrebbe scattare martedì 16 settembre, quando allo 'Juventus Stadium' si presenterà il Malmo in occasione della prima sfida della fase a gironi di Champions League. Mancano otto giorni e Allegri avrà tutto il tempo di valutare le condizioni del ragazzo e vedere se lanciarlo titolare, magari in un tridente pesante, oppure dosarne l'utilizzo.


Ma come cambia il reparto offensivo juventino col rientro dell'ex Real Madrid? Cerchiamo di fare chiarezza. Carlos Tevez al momento sembra l'unico intoccabile: centravanti, trequartista o attaccante esterno, per lui Allegri troverà sempre spazio. Diversa la situazione di Fernando Llorente. Il centravanti navarro infatti ha dalla sua un'annata giocata alla grande, ma la convivenza con Morata potrebbe essere problematica per caratteristiche fisiche e tecniche. Il vero dualismo sarà, dunque, tra i due spagnoli, considerando che Sebastian Giovinco è indietro nelle gerarchie e l'assenza col Chievo (dovuta ad una influenza) potrebbe aver determinato il sorpasso del giovanissimo Kingsley Coman. L'enfant prodige pescato da Giuseppe Marotta e Fabio Paratici nelle giovanili del Psg è pronto a dare battaglia ai compagni di reparto.




Commenta con Facebook