• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > > IL PAGELLONE DI CALCIOMERCATO.IT: Shaqiri supersonico, Defour fuori luogo

IL PAGELLONE DI CALCIOMERCATO.IT: Shaqiri supersonico, Defour fuori luogo

Top e Flop della 3a giornata di Brasile 2014 secondo i voti dei nostri inviati


Xherdan Shaqiri (Getty Images)

27/06/2014 07:39

PAGELLONE, SHAQIRI DEFOUR / MILANO – La fase a gironi dei Mondiali 2014 si chiude con diverse vittime illustri tra le quali la nostra Nazionale che ha già fatto ritorno in Patria dopo una cocente eliminazione. Tra le formazioni più attese arrivano conferme dall'Argentina e dal Brasile trascinate dalle stelle Messi e Neymar. Da possibile outsider la Colombia imbottita di talenti è più che mai una splendida realtà guidata da un Rodriguez in stato di grazia. Tra i protagonisti del terzo turno non potevano mancare il capitano e trascinatore del Messico Rafa Marquez e l'imprendibile Shaqiri che con un tris da campione vero ha portato la Svizzera agli ottavi. Tra le delusioni di questo Mondiale c'è anche la Russia di Fabio Capello che saluta senza mai vincere e mettendosi in mostra solo per le papere del portiere Akinfeev. Nonostante l'ottimo cammino della sua nazionale il belga Defour con un'espulsione evitabilissima conquista la palma del peggiore di giornata.

 

TOP

 

5.Rodriguez (Colombia) – E' proprio il caso di dire che con lui in campo è tutta un'altra musica. Entra nella ripresa al posto di Quintero e la Colombia cambia marcia; il centrocampista del Monaco prima manda in rete Martinez poi chiude i conti con una splendida azione personale. La sua stella brilla più che mai nelle calde notti brasiliane. Fenomeno. VOTO 8

 

4.Marquez (Messico) – Punto di riferimento per tutti i compagni; non molla mai un pallone da grande condottiero qual è.  Indispensabile non solo in qualità di colonna difensiva ma anche per la personalità e l'opportunismo in avanti nei momenti chiave del match. Apre le marcature  con un grande stacco di testa poi serve al 'Chicharito' Hernandez l'assist che chiude definitivamente il discorso qualificazione. Monumentale. VOTO 8

 

3.Neymar (Brasile) – E' lui l'arma letale dei verdeoro. Mette in ginocchio la fragile difesa camerunense con scatti brucianti e magie a ripetizione. Puntuale in zona gol nell'azione che sblocca il risultato; riporta in vantaggio i suoi dopo il momentaneo pari di Matip con un'azione personale che delizia il pubblico sugli spalti. Il destino mondiale del Brasile è nelle sue mani. Anzi nei suoi piedi. Prestigiatore. VOTO 8

 

2.Messi (Argentina) – Il fuoriclasse del Barcellona sembra davvero intenzionato a riprendersi la scena sotto gli occhi del mondo intero. Partita dopo partita la Pulce continua a crescere di condizione e a suon di prodezze sta trascinando la sua Argentina verso il sogno Mondiale e il suo nome verso la leggenda. Immenso. VOTO 8

 

1.Shaqiri (Svizzera) – Il 22enne centrocampista del Bayern Monaco vive la sua 'notte magica' mettendo a segno addirittura una tripletta che vale il passaggio del turno per la formazione svizzera. Shaqiri è magnifico sul primo gol quando dal limite dell'area disegna col sinistro una parabola che si infila proprio all'incrocio dei pali. La sua gara perfetta prosegue all'insegna di una serie infinita di combinazioni in velocità con i compagni e con altre due reti. Spettacolo. VOTO 8

 

 

 

FLOP

 

5.Akinfeev (Russia) – Altra grave incertezza per l'estremo difensore della formazione allenata da Fabio Capello dopo la papera contro la Corea. Se l'Algeria riesce ad agguantare il pari molti (de)meriti sono i suoi vista l'uscita inguardabile che si trasforma in un regalo inaspettato per Slimani. Disastro. VOTO 4,5

 

4.Beckeles(Honduras) – Dalle sue parti gli svizzeri fanno quello che vogliono vista l'opposizione quasi nulla del difensore honduregno. Di poca sostanza anche il suo supporto alla fase offensiva. Dissolto. VOTO 4

 

3.Claros (Honduras) – Tra i suoi compiti di mediano ci dovrebbe essere anche quello proteggere i difensori dagli assalti avversari. Invece il centrocampista 28enne dell'Honduras si è reso più utile in fase di costruzione tralasciando spesso e volentieri i compiti di copertura. Indisciplinato. VOTO 4

 

2.Bernardez (Honduras) – Il centrale honduregno è completamente in balia degli avversari. Non riesce praticamente mai ad opporsi alle folate di Shaqiri e compagni. Stordito. VOTO 4

 

1.Defour (Belgio) – I ragazzi di Wilmots hanno chiuso il girone con la terza vittoria su tre gare. Unica nota stonata la serataccia del centrocampista del Porto che dopo un primo tempo anonimo esce di scena per via di un fallaccio gratuito che gli costa il rosso. Ingiustificabile. VOTO 4

 




Commenta con Facebook