• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > > PAGELLE E TABELLINO DI AUSTRALIA-SPAGNA

PAGELLE E TABELLINO DI AUSTRALIA-SPAGNA

Nella 'Roja' tutti sufficienti, spiccano Villa e Iniesta. Si salva Jedinak, malissimo McGowan


Marco Cattarulla

23/06/2014 20:16

PAGELLE E TABELLINO AUSTRALIA-SPAGNA / CURITIBA – La Spagna saluta il Mondiale brasiliano con una bella vittoria che aumenta ancora di più il rammarico dopo le prestazioni pessime con Olanda e Cile. Sontuoso Villa, geniale Iniesta, ottimo Juanfran. Il peggiore, se si può dire, è Cazorla. L’Australia, imbottita di riserve, fatica terribilmente in ogni fase del campo. Terribile prestazione di McGowan, ma è tutta la difesa che soffre, con Wilkinson e Spiranovic. Si salvano Jedinak e Halloran, subentrato a un pessimo Taggart.

 

AUSTRALIA

Ryan 5,5 – Insufficiente per via dei tre gol subiti. Ma è grazie a lui che l’Australia non viene asfaltata. Bravo nelle uscite alte, rapido in quelle basse, para tutto quello che può.

McGowan 4,5 – Dalle sue parti c’è un certo David Villa e chiunque oggi avrebbe sofferto il talento dello spagnolo. Lui non fa nulla per prendergli le misure e si fa saltare sistematicamente. Nel secondo tempo naufraga del tutto e dalla sua parte gli avversari fanno cosa vogliono.

Wilkinson 5,5 – Mette qualche pezza, come la chiusura sul tentativo di tap-in di Cazorla nel primo tempo. Poi anche lui perde la bussola e va in tilt.

Spiranovic 4,5 – Torres non gli concede un solo anticipo. Soffre terribilmente ogni avanzata spagnola.

Davidson 5,5 – Si perde Juanfran nell’azione del vantaggio spagnolo ma almeno tenta in tutti i modi di rendersi pericoloso. Si intende bene con Oar e riesce a effettuare qualche buon cross dal fondo.

Jedinak 6 – Metronomo davanti alla difesa, tenta di dar ordine a una manovra australiana che si perde sistematicamente sulla trequarti avversaria. Ci mette fisico e testa, ma non basta. Predica nel deserto.

Leckie 4,5 – Dalla sua parte corre il diretto J. Alba e lui lo guarda, senza seguirlo mai. In fase offensiva non incide, non si propone, non punta alcun avversario. Inutile

McKay 5 – Nei primi 10’ di gioco l’Australia tenta di pressare la Spagna e lui partecipa all’iniziale fraseggio. Poi si perde. Prova a far filtro ma davanti a questo tiki taka finalmente rapido nulla può.

Bozanic 6 – Dovrebbe soffiare sul collo di X. Alonso ma viene inglobato nella disfatta globale della sua squadra. Fa il suo nei pochi contropiedi australiani, accelerando quando può. Dal 73’ Bresciano s.v.

Oar 6 – L’esterno australiano cerca di tamponare sulle scorribande di Juanfran ma non sempre ci riesce. Buoni movimenti a creare spazio per le sovrapposizioni di Davidson. Dal 61’ Troisi 5,5 – Corsa e tenacia, tenta la fortuna con una conclusione dalla distanza che si spegne sul fondo.

Taggart 5 – Gioca da punta centrale e dovrebbe fare reparto da solo, sfruttando la propria rapidità. Viene praticamente annientato da Ramos. Nelle poche ripartenze che l’Australia riesce a impostare non detta mai il passaggio, in fase di azione ragionata non crea spazi per gli inserimenti dei compagni. In area di rigore non si vede mai. Inesistente. Dal 45’ Halloran 6 – Il biondo attaccante australiano capisce che tra Ramos e Albion non c’è molto da fare, allora svaria su tutto il fronte d’attacco, rientra per toccare palla. Pregevole come si sbarazza di due avversari in un fazzoletto di campo.

All. Postecoglou 5 – Contro una Spagna che voleva e doveva assolutamente chiudere bene questo Mondiale c’era poco da fare. Deve rinunciare al bomber Chaill e la squadra perde peso e tecnica in attacco. Non apporta contromisure per limitare le scorribande di Villa e Iniesta. Forse non ce n’erano.

 

SPAGNA

Reina 6,5 – Il portiere che probabilmente avrebbe cambiato le sorti di questa Spagna. Sicuro nelle uscite, anche fuori dall’area di rigore. Sbroglia una mischia in area piccola con un intervento di piede provvidenziale. Efficace.

Juanfran 7 – La sua esperienza e intelligenza tattica poteva essere meglio sfruttata da Del Bosque. Spinge con attenzione e sforna l’assist per il gran gol di Villa.

Albiol 6 – Gli avanti australiani sono poca cosa e lui amministra i pochi pericoli che arrivano dalle sue parti. Sicuro e ben posizionato.

Ramos 6,5 – Finalmente si rivede il campione d’Europa. Non sbaglia un intervento. Sempre in anticipo, non si fa mai saltare. Ci prova anche su calcio di punizione.

Alba 6,5 – Primo tempo di grande intensità, gioca da ala aggiunta. Appoggia ogni azione d’attacco e cerca sempre il fondo. Cala nella ripresa.

Cazorla 6 – Il trequartista dei Gunners parte largo a destra nel tridente spagnolo ma tende ad accentrarsi per lasciar spazio a Juanfran. Tenta un paio di conclusioni murate dalla difesa australiana. Anticipato a due passi dalla porta dopo una grande giocata di Villa. Dal 67’ Fabregas 6 – Un Mondiale disastroso per il nuovo centrocampista del Chelsea. Pregevole l’assist per il gol di Mata.

X. Alonso 6,5 – Regia precisa e puntuale, giostra la manovra spagnola con la solita sicurezza. Per una volta, non si pesta i piedi con Busquets. Peccato, era la sua ultima apparizione con la Roja. Dall’83’ Silva s.v.

Koke 6,5 – Uomo ovunque, prezioso in fase d’appoggio per il rapido tiki taka spagnolo. Tenta anche la fortuna dalla distanza con una rasoiata neutralizzata da un grande intervento di Ryan. Il futuro.

Iniesta 7 – L’illusionista finalmente torna a fare magie, anche se serve a poco. Svaria su tutto il fronte d’attacco, rientra per impostare, tocca mille palloni. Geniale nell’assist per Juanfran, meraviglioso nella verticalizzazione che manda in porta Torres. Libero da troppe incombenze tattiche, può essere ancora uno dei migliori al Mondo.

Torres 6,5 – Trova finalmente il gol, si impegna e cerca di mettersi al servizio della squadra. Tanto movimento e sponde per i compagni.

Villa 7 – 59 gol con la Roja, e che gol! Pregevole colpo di tacco nell’area piccola su perfetto assist di Juanfran. Gioca largo a sinistra, spinge con continuità puntando avversari a ripetizione. Sforna assist, guadagna punizioni, tenta più volte la conclusione. Forse questa Spagna poteva puntare di più su di lui. Dal 56’ Mata 6,5 – Entra subito in partita e capisce che ci si può divertire negli ultimi 20’ minuti che Del Bosque gli concede. Trova il gol con un preciso tocco sotto porta.

All. Del Bosque 5 – Voto per questo Mondiale. Voto perché giocatori come Juanfran, Villa, Koke e forse anche Torres potevano essere utlizzati di più e meglio. Ha voluto impostare una squadra per meriti assoluti e non guadagnati sul campo. In questa Spagna serviva corsa e qualità, del resto il marchio di fabbrica del tiki taka che l’ha portata sul tetto del Mondo e d’Europa. Troppi giocatori chiave fuori forma, troppi elementi che non potevano più dare qualità e quantità.

Arbitro: Shukralla 6 – Partita veloce e senza schemi. Ammonizioni giuste, nessun episodio dubbio. I giocatori mantengono un comportamento corretto e collaborativo.

 

TABELLINO

AUSTRALIA-SPAGNA 0-3

Australia (4-1-4-1): Ryan; McGowan, Wilkinson, Spiranovic, Davidson; Jedinak, Leckie, McKay, Bozanic (dal 72' Bresciano), Oar (dal 61’ Troisi); Taggart (dal 45’ Halloran).  All.: Postecoglou.

Spagna (4-3-3): Reina; Juanfran, Albiol, Ramos, Alba; Koke, X. Alonso (dall’83’ Silva), Iniesta; Cazorla (dal 67’ Fabregas), Torres, Villa (dal 56’ Mata).  All.: Del Bosque

Arbitro: Shukralla

Marcatori: 35' Villa (S), 68' Torres (S), 83’ Mata (S).

Ammoniti: 62' Ramos (S), 88' Spiranovic (A), 91' Jedinak (A).

Espulsi: -

 

 




Commenta con Facebook